Sei Ginoide o Androide?

Sei Ginoide o Androide?

COSA SEI GINOIDE o ANDROIDE?

In base alla nostra costituzione possiamo definirci ANDROIDI o GINOIDI (biotipi costituzionali).

La formula per determinare questa caratteristica è la seguente:

CIRCONFERENZA VITA / (diviso) CIRCORFERENZA FIANCHI.

  • UOMO > 91 ANDROIDE
  • UOMO < 91 GINOIDE
  • DONNA> 81 ANDROIDE
  • DONNA< 81 GINOIDE

Partiamo dal presupposto che la stragrande maggioranza degli uomini sono ANDROIDI e gran parte delle donne sono GINOIDI.

  • Gli androidi si riconoscono ad occhio per la loro forma a mela (accumulano grasso nella parte superiore del corpo).
  • I ginoidi si riconoscono ad occhio per la loro forma a pera (accumulano grasso nella parte inferiore del corpo).

In base a molti studi scientifici ci sono molte differenze tra questi due biotipi costituzionali per esempio gli androidi sono iperlipogenetici (accumulano + facilmente grasso) mentre i ginoidi sono ipolipolitici (perdono difficilmente grasso e specialmente nei soggetti femminili sono predisposti a problemi di circolazione nelle gambe e fragilita' capillare).

ANDROIDE

Il biotipo androide identifica la presenza di un accumulo di tessuto adiposo prevalentemente in alcune parti del corpo:

  • spalle
  • braccia
  • collo
  • seno
  • torace
  • addome;

Quindi, la parte superiore del corpo.

  • Il soggetto androide presenta maggiore rischio di incorrere in patologie cardiovascolari.
  • La predominanza di grasso nella fascia addominale, infatti, aumenta il rischio di ipertensione arteriosa, diabete mellito, aterosclerosi, trombosi, gotta, ipertriglicemia, ipercolesterolemia, patologie a livello dell’apparato respiratorio.
  • L'individuo adroide durante il sonno russa o può andare incontro ad apnee.

GINOIDE

l biotipo ginoide viene invece paragonato ad una pera, proprio perché questi soggetti mostrano un prevalente accumulo di tessuto adiposo a livello dei:

  • fianchi
  • glutei
  • cosce

Quindi, nella parte inferiore del corpo. Il soggetto ginoide è maggiormente predisposto all’insorgenza di patologie vascolari locali, come gli edemi, ulcere agli arti inferiori, linfopatie, venopatie, ritenzione idrica e cellulite. Purtroppo, l’attuale eccessiva disponibilità di cibo, ha accentuato l’accumulo di grasso nella porzione inferiore del corpo trasformando questo stato in una condizione di rischio per la nostra salute.

Ognuno di noi ha la sua conformazione fisica, ma questo non ci impedisce di trarre il massimo dal proprio corpo, anche perché non sempre chi è perfetto poi eccelle nello sport. Un nostro consiglio, non ascoltate nessuno, dateci dentro e avrete risultati straordinari, se così non fosse non si spiegherebbe come Lionel Messi, con un fisico da nano, sia diventato il numero 1 al mondo nello sport primario mondiale.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati