Alimentazione Pugilato, Nutrienti e Percentuali

Alimentazione Pugilato, Nutrienti e Percentuali

Come gestire i nutrienti a cura del Campione A. Servidei

La gestione Alimentare nel Pugilato

Nel pugilato l'alimentazione riveste un ruolo fondamentale che mette a dura prova gli atleti che spesso sono portati ad altalenare tra le varie categorie, e solo con un attenta e rigorosa attenzione nell'eseguirla, si possono ottenere risultati vincenti o comunque sicuramente migliori.
Difatti il problema del peso è sempre stato incombente e di difficile soluzione, in questo sport quindi, in quanto i pugili sono divisi in categorie in base al loro peso corporeo.

L'atleta dovrebbe bilanciare la propria alimentazione in modo ottimale, le calorie spese per il mantenimento biologico e per l'allenamento di boxe dovrebbero essere in equilibrio con quelle introdotte attraverso il cibo.
Contemporaneamente bisognerebbe regolare l'apporto proteico per garantire o aumentare la massa muscolare, e anche, l'apporto dei grassi è necessario in quanto essi svolgono insieme alla vitamine e ai sali minerali, un importante funzione regolatrice.

Una buona Alimentazione deve essere completa sia quantitativamente (calorie totali) sia qualitativamente (percentuali di macronutrienti e micronutrienti alimentari: Proteine, Carboidrati, Lipidi, Vitamine, Minerali e Acqua).

La funzione energetica è svolta dai carboidrati, grassi e in carenza di questi anche da proteine, la funzione plastica è svolta dalle proteine, dai grassi, dai sali minerali e acqua, mentre la funzione regolatrice è svolta dalle vitamine.


Esempio di dieta giornaliera per pugilato – boxe - con percentuali dei nutrienti:


Colazione 20%
E' consigliabile fornire all'organismo un pasto completo prediligendo i carboidrati ma anche una quota di proteine.

Spuntino 10%
Lo spuntino serve ad evitare i processi catabolici che si instaurano già dopo 3 ore di digiuno, il consiglio è di consumare frutta in modo da separarla dagli altri alimenti, rendendo così più digeribili tutti i pasti.

Pranzo 30%
Il pranzo dovrebbe essere composto prevalentemente da carboidrati e da una quantità proteica necessaria, non deve mancare la verdura che fornisce l'apporto di sali minerali vitamine e fibbre.

Spuntino pomeridiano 10% o post allenamento (a secondo dell'orario di allenamento)
Frutta
Invece come spuntino post allenamento, se si sente il bisogno di alimentarsi nell'immediato post-allenamento l'organismo necessita di carboidrati per reintegrare le scorte di glicogeno esaurite durante l'estenuante allenamento, favorendo così il recupero muscolare, per ottenere questo obiettivo sono preferibili i carboidrati a rapida assimilazione.

Cena 30%
In questo pasto, le calorie dovrebbero provenire quasi esclusivamente da alimenti proteici.

La composizione dei nutrienti durante la giornata prevede il 50% di carboidrati, il 30% di proteine e il 20% di lipidi circa.


Gestione Alimentare Pre Gara

 

Nelle 24 ore che precedono un incontro di pugilato, bisogna introdurre 12 grammi di carboidrati per chilo corporeo, mantenendo una piccola quota di proteine e grassi vegetali, pochissime fibbre.
E' consigliabile alimentarsi fino a due ore prima del combattimento, mangiando poco e spesso ed idratarsi bene bevendo acqua.

Se siete interessati a preparazioni per il pugilato seguite dal Maestro Servidei a Ravenna, si eseguono anche preparazioni di pugilato online  per gli interessati impossibilitati a raggiungere la sede, non esitate a contattarci!

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati