Sci di fondo

Sci di fondo

Struttura dell'allenamento del fondista

Per avvicinarsi ad una forma ideale per fare dello sci di fondo è fondamentale la preparazione fisica.

 

È chiaro che l'allenamento con gli sci sarebbe l'ideale, ma non sempre è sufficiente. Chi vuole presentarsi in perfetta forma all'appuntamento con la prima neve e quindi con la prima sciata dell'anno può "farsi la gamba" correndo per esempio a piedi o in bicicletta. 

L'allenamento individualizzato non può costituire la base sulla quale elaborare un modello valido universalmente. Ciascuno, in altre parole, a qualunque livello pratichi lo sci nordico, deve calibrare sul proprio organismo la preparazione fisica, dal momento che, dilettante o professionista, presenta carenze e punti di forza diversi da qualsiasi altra persona.

Restano comunque valide per tutti la modalità di preparazione, mentre sono i carichi a cambiare.

 

Lo sci di fondo, uno sport impegnativo dal punto di vista fisico

L'atleta professionista di sci di fondo è sempre in movimento.

 

Tenendo conto che la stagione agonistica tra Coppa del Mondo ed eventuali Mondiali ed Olimpiadi dura da novembre-dicembre a marzo, mentre gran parte del resto dell'anno è dedicato comunque alla preparazione fisico-atletica, ecco un esempio di come viene vissuta un'annata sportiva.

 

Come si prepara il fondista

La pesistica consente di creare preziose energie da utilizzare al momento opportuno oltre che mantenere il tono muscolare, mentre con la bicicletta si mettono chilometri nelle gambe.

A questo proposito la mountain bike è ancora più indicata perché permette di pedalare in salita e quindi di simulare le condizioni che si troveranno nei tratti in pendenza con gli sci.

La corsa è alla base della preparazione fisica di tutte le discipline sportive.

La camminata può senza o con bastoni per riprodurre il movimento in pista e viene praticata, a differenza di quanto si possa credere, per potenziare soprattutto le braccia.

 

Preparazione annuale sci di fondo

Prendendo il caso del professionista, che concentra le gare principalmente nel mese di gennaio, vediamo come imposta la sua annata di lavoro per arrivare in ottima forma al momento giusto.

 

APRILE

Aprile è il mese di riposo, durante il quale si lavora in palestra, quasi esclusivamente sulla forza, con esercizi mirati di pesistica e allenamenti funzionali, ma in modo abbastanza blando.

 

MAGGIO

In questo periodo i pesi aumentano gradualmente, il lavoro di allenamento funzionale viene intensificato, nei tempi e nei carichi, in più si aggiungono allenamenti con la bicicletta.

 

GIUGNO

Inizio estate, agli allenamenti già in uso si aggiunge un allenamento ai roller, e cominciano inoltre gli allenamenti sugli sci

 

LUGLIO E AGOSTO

Diciamo che siamo al massimo della prima fase della preparazione, e in questi mesi un buon 20% dell'allenamento viene svolto sugli sci

 

SETTEMBRE

Qui vi è una sorta di scarico, con una diminuzione significativa degli allenamenti.

 

OTTOBRE E NOVEMBRE

Ottobre comincia con una crescita sostanziale dell'attività preparatoria, arrivando da un buon 40% di allenamento sugli sci fino ad arrivare a un buon 75% nel mese di novembre.

 

DICEMBRE E GENNAIO

In questi mesi il lavoro in generale si concentra sugli sci, diciamo per un buon 90%, riducendo al minimo il lavoro di forza e di corsa.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati