Preparazione atletica Pallavolo

Preparazione atletica Pallavolo

Una adeguata preparazione atletica consente di prevenire patologie articolari e migliora esponenzialmente la prestazione in campo

La forza esplosiva e la reattività che dà l’allenamento con i pesi liberi (manubri, bilancieri, kettlebell ecc..) è sicuramente un ottimo motivo per frequentare anche la sala pesi durante la preparazione atletica del pallavolista.

Queste qualità consentono all’atleta di saltare più in alto e di colpire più forte la palla.

La pallavolo come tutti gli sport di squadra rientra nella categoria degli sport di situazione, caratterizzati da movimenti da adattare alle diverse situazioni ambientali che si presentano in campo, pertanto è fondamentale migliorare la reattività e la capacità dell’atleta di spostarsi repentinamente.

Nella pallavolo le azioni sono di durata piuttosto limitata, quindi i giocatori utilizzano quasi esclusivamente il sistema energetico anaerobico durante le partite, pertanto un accanimento sul lavoro aerobico sarebbe eccessivo e fuorviante sul piano della prestazione.

Ragion per cui l’obiettivo principale della preparazione risulta essere la forza esplosiva che deve poi essere finalizzata all’incremento delle capacità di elevazione, dato che per un pallavolista riuscire a saltare più in alto dell’avversario è sicuramente un grosso vantaggio in partita.

L’uso dei pesi liberi (manubri, kettlebell, bilancieri) grazie soprattutto alla possibilità di eseguire esercizi balistici consente di allenare a pieno queste qualità atletiche migliorando pertanto la reattività, la forza esplosiva ed elevazione.

Non bisogna dimenticare che i pallavolisti sono facilmente soggetti a infiammazioni all’articolazione scapolo-omerale ed a epicondiliti al tendine del tricipite a causa delle continue schiacciate e battute che svolgono durante gli allenamenti e le partite.

Una adeguata preparazione atletica consente di prevenire queste problematiche. Per raggiungere questo fine è importante fare durante la preparazione atletica un buon lavoro di tonificazione sulla parte superiore del corpo prestando particolare attenzione alla cuffia dei rotatori ed anche ai tricipiti.

Soprattutto la kettlebell (detta anche Girya) ci dà la possibilità di eseguire esercizi specifici, non eseguibili con altre attrezzature per raggiungere questo obiettivo.

Il lavoro di preparazione atletica inoltre deve permettere all’atleta di prevenire gli infortuni articolari di cui i pallavolisti sono facili prede: ginocchia, gomiti e spalle.

Allenarsi con pesi liberi, comprendendo anche esercizi balistici permette all’atleta di muovere il corpo in tutte le dimensioni dello spazio e questo permette di abituare le articolazioni a subire sollecitazioni da ogni direzione. Inoltre tonificando i muscoli in maniera completa è possibile proteggere le stesse articolazioni da traumi di varia natura.

Aumentare di massa sarebbe inopportuno?

Un aumento di peso diventerebbe controproducente in quanto comporterebbe maggiore stress articolare nei salti, per questo motivo l’incremento di massa muscolare deve essere moderato. Infine vanno inseriti esercizi specifici per migliorare la schiacciata (jerk, pullover, tricipiti).

Concludendo, in questa disciplina le caratteristiche atletiche da allenare sono:

  1. la forza esplosiva
  2. la forza esplosiva applicata al salto
  3. un blando potenziamento generale.

Generalmente nella pallavolo la stagione agonistica dura diversi mesi pertanto l’atleta deve svolgere la maggior parte del lavoro di preparazione atletica nel periodo in cui non deve giocare.

Brevemente nei prossimi articoli pubblicheremo alcuni esempi di protocolli di allenamento illustrati.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati