Ciclismo 5 Consigli Utili per Affrontare il Caldo dell'Estate

Ciclismo 5 Consigli Utili per Affrontare il Caldo dell'Estate

Caldo e Sicurezza nel Ciclismo: 5 Consigli Utili

Un periodo di caldo non deve impedirvi di godere delle vostre uscite in bicicletta, ma bisogna prendere alcune precauzioni per evitare il surriscaldamento e la disidratazione, oltre che ad alcune insidie che possono incontrarsi.

 

Il Ciclismo nella stagione calda

Non c'è momento migliore per pedalare di una calda giornata d'estate tra le bellissime strade di collina in sella alla propria bicicletta. Pedalando con il caldo può essere molto più attraente rispetto all'avventurarsi in una giornata cupa d'inverno, ma si tratta di una serie di sfide da superare e di come il vostro corpo si comporta alle temperature elevate.

Abbiamo messo insieme cinque semplici consigli da seguire per aiutarvi ad evitare alcuni errori comuni quando si pedala con temperature calde, ovviamente nelle giornate caldissime, meglio uscire o al mattino molto presto o nel tardo pomeriggio / sera, quando le temperature sono meno calde.

 

1 MANTENERSI IDRATATI

Uno dei maggiori ostacoli per chi va in bicicletta nella stagione calda è quello di saper mantenere un'adeguata idratazione. Si suderà di più siccome il corpo cerca naturalmente di raffreddarsi, ma il sudore evapora rapidamente, il che significa che è difficile riuscire a misurare esattamente quanto liquido si sta perdendo.

 

Bevete poco e spesso durante la guida e assicuratevi di avere delle scorte di acqua con voi o conoscere qualche posto lungo il percorso dove si può prendere qualche bevanda - come anche una sosta in una caffetteria a metà percorso.

 

Assicuratevi di portare abbastanza acqua con voi, anche se come nella foto sotto può essere un po eccessivo

 

E' difficile conoscere di quanta acqua si ha bisogno durante una pedalata in una giornata di caldo - sorseggiare dall'inizio della corsa fino alla fine è una buona idea.

L'utilizzo di bevande con elettroliti può essere di sicuro aiuto per sostituire quelli persi con il sudore, che può portare alla formazione di crampi. Alcune cubetti di ghiaccio messi nella vostra bottiglia di scorta prima di partire contribuirà a mantenere la vostra bevanda fresca, almeno per la prima ora.

Più duro si lavora più si suda, quindi se è veramente caldo e lo si si inizia a sentire, aumentate la cadenza del bere, diminuite il ritmo o accorciate la distanza della corsa. Non dimenticate che in mezzo all'idratazione va anche prestata attenzione all'alimentazione.

 

2 ABBIGLIAMENTO PER IL CALDO

 

Con una vasta gamma di abbigliamento tecnico da ciclismo ora disponibile sul mercato e con le varie gamme di prezzi che ci sono, non c'è davvero nessun motivo per non uscire con un adeguato abbigliamento per affrontare nelle migliori condizioni il caldo. Materiali leggeri con proprietà di alta traspirazione, vi aiuteranno a rinfrescarvi e prevenire il disagio di un accumulo di sudore.

Una zip anteriore a tutta lunghezza può aiutare a regolare ulteriormente la temperatura, e uno strato di base leggero aiuterà un ulteriore rimozione ed evaporazione del sudore dalla pelle. Solitamente, il vero caldo che fa, durante un uscita in bici, lo si avverte solamente quando ci si ferma, perché pedalando c'è quasi sempre quell'arietta che tende a rinfrescare.


Quando si tratta di abbigliamento da ciclismo estivo, c'è l'imbarazzo della scelta

 

Guanti senza dita sono sicuramente un'idea migliore che uscire senza guanti, siccome le mani sudate possono diventare dolenti nell'afferrare il manubrio continuamente. Calze leggere traspiranti da ciclismo, si trovano anch'esse a buon mercato e aiutano la posizione e la traspirazione nella scarpette da ciclismo.

 

Una coppia ben aderente di pantaloncini sono altrettanto essenziali, qualsiasi sfregamento sulle vostre parti delicate, aggravate dal sudore, possono causare dolore e disagio molto rapidamente. Indossare occhiali da sole con lenti filtranti UV al 100% per proteggere gli occhi ed evitare la polvere, insetti e mosche che possono anche essere pericolose quando centrano a pieno l'occhio e capita.

 

3 TENETE D'OCCHIO IL MANTO STRADALE

Dopo aver affrontato la neve, il ghiaccio, la pioggia e le buche durante l'inverno, l'estate porta un diverso insieme di condizioni stradali da diffidare. Nelle giornate molto calde, l'asfalto può fondere, causando macchie di catrame scivoloso o appiccicoso sollevando il manto stradale dal calore. A parte il pericolo di guida su una superficie instabile, il catrame può rimanere attaccato ai pneumatici, attirando sporcizia diventando scivolose.

In estate, è solito provvedere al rifacimento dei manti stradali, in alcuni casi, al termine dell'opera, viene cosparso uno strato di ghiaia / sabbia. Questa, insieme ad alcune tracce di catrame ancora appiccicoso, po' aderire facilmente ai vostri pneumatici e diventare un serio pericolo sulla strada e agli incroci, causando una perdita di aderenza. Fate anche attenzione alla strada bagnata dopo un temporale estivo, le strade sono particolarmente scivolose a causa dei vari composti che si accumulano, come resine degli alberi e ghiaia depositata.

 

4 USO DI CREME SOLARI NEL CICLISMO

Mentre alcuni ciclisti sono orgogliosi della loro “abbronzatura da ciclista” , altri la trovano imbarazzante, in quanto sembra di indossare poi una t-shirt bianca quando si scopre la parte superiore del corpo. Ma le linee di abbronzatura risibili non sono il problema principale – il danneggiamento delle scottature e il rischio di cancro della pelle a causa di un'eccessiva esposizione alla luce ultravioletta sono invece da prendere seriamente in considerazione.

Un cielo terso può significare il rischio di scottature: assicurarsi di applicare la protezione solare

Indossare la protezione solare sulle parti esposte del corpo: braccia, gambe, volto e, in particolare, la parte posteriore del collo. La posizione in bici comporta che l'area sulla parte anteriore delle gambe sopra il ginocchio e polpacci saranno esposte al sole più di altra zona delle gambe.

 

5 USCITE AL MATTINO PRESTO O NEL TARDO POMERIGGIO

 

Un modo molto evidente per evitare la gravità dei raggi del sole è quella di evitare i periodi più caldi della giornata per il viaggio in bicicletta. C'è un sacco di luce nei mesi estivi, fate in modo di uscire presto o alla fine della giornata, anche se significa viaggiare comunque con il caldo, ma si eviteranno molti dei pericoli.

 

Guidare la mattina prima che faccia caldo, o la sera mentre si raffresca – anche per l'ulteriore vantaggio di strade più tranquille

Se si guida in serata, assicuratevi della dotazione di luci nel caso in cui il divertimento vi ha preso e avete fatto qualche chilometro in più. Pedalare con l'imbrunire può anche essere divertente, se si hanno una serie decente di luci – per vedere le strade conosciute letteralmente sotto una nuova luce.

 

Portarsi un antivento leggero nella tasca posteriore, quando si effettua un giro di sera potrebbe essere una buona idea se il tempo si raffredda mentre il sole tramonta.

 

E quando a casa ...

Prestare particolare attenzione all'assunzione di liquidi per il reintegro quando si arriva a casa, ma anche a non dimenticare di alimentarvi correttamente per favorire il processo di recupero.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati