Mondiali di Atletica - Pechino 2015

Mondiali di Atletica - Pechino 2015

Il Re dello Sprint Mondiale Usain Bolt non è in forma

MONDIALI DI ATLETICA - PECHINO 2015

 

Il rendimento di Usain Bolt, nella fase antecedente ai grandi eventi (Campionati Mondiali ed Olimpiadi), sin dalla stagione del boom all'Olimpiade di Pechino 2008, era sempre stato al top in quanto aveva sempre ottenuto i tempi migliori su 100 e 200 metri piani. Quest'anno, a metà luglio, la situazione non è delle migliori, in quanto sta faticando e soffrendo, la domanda è questa: il Re dello sprint mondiale colmerà il gap da Justin Gatlin in tempo per i Mondiali?


In una gara di giugno u.s., il primatista mondiale dei 100 e dei 200 metri non sembrava più lui. Vedere il cronometro fermarsi sul 20”29, osservare Usain sforzarsi per evitare di farsi precedere da Zharnel Hughes, 19enne sprinter di Anguilla che ha chiuso in 20”32, ha lasciato sbigottiti. Ma quando mai Usain Bolt a questo punto della stagione è stato così lento e fuori forma? Beh, mai, appunto. Almeno da quando è diventato il re dello sprint. 

 

Il suo miglior tempo stagionale sui 200 metri piani è stato il 20”13 ottenuto a Ostrava, in una serata fredda e con la pista bagnata dall’abbondante pioggia. Quest'anno non è riuscito ancora a scendere sotto i 20 secondi, cosa che negli altri anni gli accadeva decine di volte in gare anche minori. Che stia pagando un 2014 da comparsa, dove praticamente non ha mai gareggiato? 

Che stia pensando al ritiro?

 

I RIVALI DI USAIN BOLT

 

Il suo maggior rivale è Justin Gatlin, che dopo la vicenda della squalifica per doping, sta vivendo una specie di seconda giovinezza, in barba ai 33 anni. Gatlin è stato lo sprinter più veloce di quest’anno, ma lo era stato anche nel 2014. E se a livello di record e di vittorie, fino a poche settimane fa sembrava sempre Gatlin l’inseguitore, adesso le parti sembrano invertite. Sono terminati i Trials statunitensi validi per le qualificazioni ai mondiali di Pechino, in programma dal 22 al 30 agosto: nella pista di Eugene stupisce Justin Gatlin che nei 200 metri ferma il cronometro a 19″57, stabilendo l’undicesima miglior prestazione all-time nel mezzo giro, quinto atleta di sempre dopo i giamaicani Usain Bolt e Johann Blake e i connazionali Michael Johnson e Walter Dix. Ora il 33enne campione olimpico di Atene 2004 è pronto alla sfida con il tempo per attaccare il record del mondo di 19″19, stabilito proprio da Bolt nei Mondiali di Berlino 2009. Quindi nei 200 metri l'avversario da battere è sicuramente Justin Gatlin. La squadra U.S.A. dei 200 metri sarà composta anche da: Isiah Young (2° classificato ai Trials Americani), suo compagno di allenamento, avente un tempo di 19:93 e Wallace Speamon, terzo con 20:10.


La squadra dei 100 metri maschili ai Mondiali di Atletica di Pechino 2015 includerà invece Tyson Gay, Trayvon Bromell e Mike Rodgers. Tyson Gay proviene da una squalifica per doping non è ai suoi massimi livelli e quindi almeno nei 100 metri non sembra essere l'alternativa come sfidante numero 1 di Bolt.

 

ASAFA POWELL può impensierire il Grande Re? Ecco una breve intervista fatta ad Asafa Powell da un noto giornale sportivo italiano:

 

"Qual è l’obiettivo stagionale?


La finale dei 100 ai Mondiali di Pechino, andare il più veloce possibile e capire cosa valgo. Per questo ho bisogno di correre ad alto livello: non posso arrivare là alla cieca. Si vincerà con 9"60".


Sembra un tempo fuori dalla sua portata.


"Non è detto, se continuo ad allenarmi e rimanere in salute posso fare meno del mio primato, il 9"72 del 2008 a Losanna".

 

Dica la verità, quanto "ama" Bolt? Quando è esploso ha messo tutti, lei compreso, in secondo piano.


"Senza infortuni sarei stato ai suoi livelli".


E del primo Bolt di questa stagione cosa ne pensa?


"E' partito così così, deve ancora esprimere il suo vero potenziale. Bisogna vedere l’effetto degli anni che passano. Comunque guardando Gatlin il passare del tempo non è poi così velenoso".


E Blake? Pure lui da due stagioni è sparito.


"Ne so poco. Forse si è fatto operare ai tendini. Ho letto che tornerà in pista nel 2016".


La Giamaica in generale pare un po' in calo.


"Non penso. Ci sono molti infortunati, ma c’è una generazione di talenti che sta crescendo".


Asafa, ha già pensato al dopo atletica?


"Forse mi ritirerò dopo i Mondiali di Londra 2017. Dipende da quanto andrò forte".

 

In conclusione il pronostico dello sprint al mondiale p.v., vede favorito Justin Gatlin sui 100 e 200, essendo in gran forma, dietro abbiamo Asafa Powell e Tyson Gay.

Usain Bolt è un'incognita, però è sempre Usain Bolt! Lo sprint è anche un gioco di nervi, tensioni, avere contro un mostro sacro come Bolt fa sempre il suo effetto. Powell ad esempio ha sempre risentito di queste tensioni e ha dimostrato negli anni di steccare le finali che contano, Gatlin è più cattivo e determinato ma dovrà fare il Mondiale del Secolo per battere il Re dello Sprint Mondiale.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati