Usain Bolt si ritira ?

Usain Bolt si ritira ?

Cosa succederebbe se il Grande USAIN BOLT si ritirasse dalle competizioni ?

Con Bolt che ogni tanto parla del suo ritiro, la questione è: cosa succederà dopo e chi sarà il prossimo re della velocità. Tutti sappiamo che Bolt non potrà dominare oltre i prossimi 4 anni e men che mai per sempre. Come il leone nella giungla che domina col suo orgoglio fino alla vecchiaia. Di solito arriva il giovane leone e si prende la scena. Una situazione simile è ravvisabile nei 100 al massimo livello.

 

Gli sfidanti sono stati :

  1. Asafa Powell
  2. Tyson Gay
  3. Justin Gatlin 
  4. Yohan Blake

Tutti con l’eccezione di Blake sono più vecchi di Bolt di almeno 3 anni.

 

Tutti devono ancora battere Bolt in una competizione di un grande campionato dal 2008. Diversamente dagli altri, Blake ha la gioventù dalla sua parte, che non vuol dire molto se non si è in grado di correre abbastanza vicini ai 9″58 o ai 19″19. Un 19″26 e un 19″44 testimoniano una certa vicinanza sui 200. Mentre per i 100, un 9″69 non è sufficientemente vicino al 9″58. Come si è detto, Blake è giovane e c’è chi dice che debba ancora massimizzare il proprio potenziale. L’unico problema che vedo sono gli infortuni che hanno colpito Asafa e Gay quando hanno cercato di usurpare il regno di Bolt. Blake sta avendo la sua elevata quota di infortunI

 

Oltre alla questione della performance, c’è qualcuno che possegga un carisma simile a quello di Bolt da mettere sul tavolo? Quando Bolt si ritirerà, i problemi saranno di due tipi. Il primo: ci sarà qualcuno capace di correre vicino o meglio del suo livello? Il secondo: come si potrà superare il profonda impatto che con la sua personalità ha portato in questo sport?

 

La gente guarda Bolt vincere sia che corra veloce o no, e son tutti felici a prescindere. Basta che venga menzionato il suo nome che le folle gridano come le ragazzine quando inneggiando il proprio idolo di musica pop. Ai Penn Relays del 2010 fu la prima volta che notai l’effetto-Bolt sulle folle. Appena la sua garà finì, la gente iniziò ad andarsene dallo stadio, sebbene vi fossero ancora diverse gare da correre.

 

 

Ai mondiali di Daegu nel 2011, molti degli spettatori si alzarono e se ne andarono non appena Bolt fu squalificato. La finale dei 100 metri ripartì subito dopo, ma molti non ci fecero caso. L’atletica non ha una base di tifosi sfegatati in giro per il mondo come il calcio o il Crickett. Una significativa quota di tifosi dell’atletica è casuale, questa è la verità. Blake vinse la finale del 2011 con un tempo davvero ottimo considerate le condizioni, ma nonostante questo molti pensarono alla squalifica di Bolt piuttosto che alla vittoria di Blake. L’ombra di Bolt era troppo invadente da sottomettere.

Per quelli che pensano altrimenti, guardate alle performance di Yohan Blake nel 2012 e il numero di gare sotto i 9″90. E’ stato uno dei più grandi anni che uno sprinter abbia mai avuto: lo stesso, in quanti lo hanno riconosciuto? I fan sfegatati e nessun altro. Blake ha corso in 9″699″75 e 9″76. Nel 2008 Bolt corse in 9″699″729″76 e 9″77. Senza tener conto dell’effetto del vento e delle condizioni meteo, Bolt è lo stesso stato nettamente il migliore, perchè non solo vinse in quell’anno l’oro olimpico, ma fu evidente in alcune gare come sarebbe potuto andare anche più veloce. Nonostante questo, la stagione di Blake è stata la migliore quell’anno, ma non si è visto in giro alcun giornale esprimere la qualità delle sue performance. Nel 2009 Gay ha corso 9″699″71 e 9″77, e come per Blake le sue performance hanno sofferto l’anonimato a causa di Bolt.

 

Anticipando quello che potrebbe succedere con il ritiro di Bolt, chi sarà in grado di garantire la passione dei tifosi? Chi avrà la personalità unita alla qualità necessaria delle performance? Quando Bolt dice di voler diventare un’icona come Michael JordanPelé e Mohammed Alì, temo che il prossimo re dello sprint potrebbe soffrire di quella che chiamo la sindrome di Larry Holmes. Spero di sbagliarmi. Gli storici della boxe o coloro che hanno seguito la boxe dei pesi massimi potranno capire il mio punto di vista. Larry Holmes arrivò subito dopo Mohammed Alì e sebbene fosse stato un campione che dominò letteralmente la scena, non ottenne mai il riconoscimento che avrebbe meritato. Si trattava del resto del “più grande”. Il carisma e l’attenzione dei media che Alì attirava mise Holmes nella sua ombra quando la ribalta toccò a lui. Se Holmes fosse arrivato in qualunque altro periodo, la gente avrebbe riconosciuto che  grande campione dei pesi massimi sia stato. Alla fine, Alì fu troppo grande da sottometterne.

 

Per i prossimi 3 anni se andrà come dice Bolt, la gente si precipiterà a guardarlo. Se avverrà il suo ritiro, la mia domanda rimane: chi sarà il prossimo re dello sprint? Nella maggior parte del mondo, l’atletica prospererà. Mi domando se il prossimo re dello sprint potrà penetrare la mancanza di copertura mediatica americana e il suo potenziale mercato. Penetrare il mercato americano con più copertura di Bolt sarebbe un enorme colpo per quell’atleta e per l’intera atletica. Sfortunatamente, a questo punto, Usain Bolt è l’unico nome conoscibile dai media americani. Sperando che il suo ritiro non porti un’ombra profonda che crei una situazione come quella di Larry Holmes.

 

[di Robert Taylor per Trackalerts.com - libera traduzione - il link all'articolo

 

http://youtu.be/By1JQFxfLMM


Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati