Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

6 Super Criteri per una Sana Alimentazione

data di redazione: 09 Giugno 2015 - data modifica: 11 Settembre 2019
6 Super Criteri per una Sana Alimentazione

Migliora la Tua Alimentazione con i 6 Criteri di ABC Allenamento

COSA SIGNIFICA CORRETTA ALIMENTAZIONE?


Una dieta appropriata è, naturalmente, il cardine dei provvedimenti da adottare per riportare equilibrio nella funzionalità epatica. 

L'alimentazione del nostro tempo è caratterizzata da uno scadimento delle qualità organolettiche del cibo cioè:

  • del sapore
  • dell'aroma
  • del colore tipici degli alimenti

accompagnato da una forte riduzione della presenza dei fattori vitali come:

  • vitamine
  • sali minerali
  • la flora batterica
  • gli enzimi...

A queste deficienze, che sono in gran parte conseguenze delle profonde manipolazioni, operate sul cibo dell'industria alimentare (ma che derivano anche dai metodi di coltivazione e di allevamento, oggi sostanzialmente trasformati in attività industriali), si aggiungono anche gli eccessi che caratterizzano la nostra tavola:

  1. mangiamo troppi grassi
  2. troppe proteine (sopprattutto di origine animale)
  3. troppi zuccheri semplici
  4. troppo sale raffinato.

Le conseguenze di questo modello dietetico-squilibrato, sia in senso qualicativo che quantitativo, sono ormai note a tutti. Negli ultimi decenni sono aumentate a dismisura le malattie degenerative e dismetaboliche:

malattie che costituiscono ormai, nel loro insieme, la principale causa di morte dei Paesi industrializzati. L'alimentazione corretta ha in molti casi anche una valenza terapeutica, può cioè concorrere in modo efficace al raggiungimento della guarigione. Tuttavia il ruolo principale delle buoni abitudini alimentari è principalmente quello di mantenere in buona salute l'organismo e quindi di aiutarci a prevenire il manifestarsi delle diverse patologie.

Anche nel caso delle patologie epatiche l'alimentazione può e deve rivestire questa duplice funzione e, per essere efficace, deve tener conto dei seguenti criteri-guida:

  1. Riduzione decisa delle proteine animali, contenute in alimenti come la carne, le uova e i formaggi. E' inoltre indispensabile che le proteine animali vengano alternate con alimenti ricchi di proteine vegetali come legumi (fagioli, lenticchie, ceci, piselli, fave, soia) ed i semi oleosi (mandorle, nocciole, noci, pinoli). Per evitare eccessi è opportuno che gli alimenti ricchi di proteine siano presenti, a rotazione, in un solo pasto durante la giornata.
  2. Riduzione drastica dei grassi animali a favore dell'olio extra vergine d'oliva, preferibilmente usato a crudo.
  3. Introduzione dei cereali completi, come riso integrale, fiocchi di avena, miglio, semolini, pasta scura, sostituendo gradatamente l'uso dei cereali raffinati. Questi ultimi infatti, non solo sono privi del germe e della crusca ma sono anche impoveriti nel loro contenuto proteico e minerale.
  4. Eliminazione il più possibile accurata di tutti i cibi che contengono additivi, conservanti e coloranti, tutte sostanze che devono essere metabolizzate ed eliminate dall'organismo ad opera del fegato, alimenti che potranno essere sostituiti con prodotti derivanti da agricoltura e allevamento biologici, eventualmente conservati e trasformati con tecniche naturali.
  5. Consumo quotidiano in discreta quantità, in porzioni abbondanti d'estate e più ridotte nella stagione fredda, di verdure crude di stagione, preferibilmente come antipasto, a pranzo e a cena, e di frutta fresca, meglio se negli spuntini di metà mattina o pomeriggio.
  6. Utilizzo del sale marino integrale al posto del sale raffinato, più ricco di preziosi elementi minerali. Contemporaneamente andrebbe rieducato il gusto per poter ritornare ad apprezzare, anche attraverso un'adeguata masticazione, il sapore del cibo "al naturale", e non sistematicamente coperto da una dose eccessiva di sale.

Buon ABC Allenamento 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Patate Dolci o Americane
02 Novembre 2014

Patate Dolci o Americane

Benefici nutrizionali per la salute

Le Patate dolci non devono essere confuse con le patate, un'altra radice di amido comunemente coltivata in Africa occidentale. Le Patate dolci sono colture tropicali e non crescono mai, dove la temperatura scende al di sotto di 68 gradi F. Importanti caratteristiche differenzianti che distinguono le patate dolci dalle patate africane sono: Patate dolci (Ipomoea batatas) sono dicotiledoni, relativamente più piccolo e in possesso di buccia molto sottile. Le patate sono monocotiledoni, più grandi, dispone di una pelle più spessa, ruvida, di colore marrone scuro in funzione del tipo di cultivar.

Come Vincere i Disturbi di Umore del Cambio di Stagione con La Giusta Alimentazione
28 Agosto 2016

Come Vincere i Disturbi di Umore del Cambio di Stagione con La Giusta Alimentazione

Cosa Consumare e Cosa NON Consumare per Contrastare il Malessere di Fine Estate

Sono finite le ferie, siamo alla fine dell'estate e non è difficile "cadere" nei disturbi dell'umore classici del cambio stagione, che nei casi peggiori si possono trasformare in turbe depressive stagionali.

Ultimi post pubblicati

Alla scoperta del PHA TRAINING
12 Dicembre 2019

Alla scoperta del PHA TRAINING

PHA, acronimo di Peripheral Heart Action ( azione periferica del cuore)

Come in tutti gli allenamenti a circuito, anche il PHA prevede l’impiego di sovraccarichi, quindi esercizi con pesi e con le macchine isotoniche, ma è possibile inserire tra le varie stazioni degli esercizi di cardiofitness: In tal caso si tratta di una variante del classico PHA definita Cardio-PHA, una modalità operativa che intensifica ulteriormente la stimolazione cardiocircolatoria e i conseguenti benefici e adattamenti.

Come Mangiare Per Aumentare i Livelli di Testosterone
09 Dicembre 2019

Come Mangiare Per Aumentare i Livelli di Testosterone

In questo articolo vedremo quali alimenti non dovrebbero mai mancare nella vostra dieta se volete mantenere alti i livelli di testosterone.