(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alimentazione E Recupero, Che Relazione C'è?

data di redazione: 24 Agosto 2016
Alimentazione E Recupero, Che Relazione C'è?

Vi è mai capitato di allenarvi bene, con ritmi ben strutturati e sedute organizzate nel dettaglio ma di non sentirvi in forma, anzi di sentire che fisicamente state calando?

Non è sempre colpa dello scarso tempo di recupero dopo una giornata pesante di sparring, di numero di ripetizioni o di tipo o struttura di allenamento aerobico, il recupero è fortemente influenzato anche dall'alimentazione.

Purtroppo questo fattore molto spesso viene erroneamente messo in secondo piano.

Dopo un allenamento intenso le riserve di glicogeno dell'atleta saranno esaurite e con molte probabilità sarà anche discretamente disidratato.

Il metodo più intelligente per evitare questa situazione è garantire un flusso costante di carboidrati e di liquidi nel corpo prima, durante e dopo l'allenamento.

È fondamentale quello spazio di tempo per il ripristino del glicogeno che abbiamo quando abbiamo appena terminato l'allenamento, e ignorarlo significherebbe compromettere gravemente la capacità di recupero dell'atleta.

In poche parole, dopo una sessione di allenamento pesante il corpo convertirà i carboidrati in riserve di glicogeno 6 volte più velocemente rispetto a qualsiasi altro momento e difficilmente depositerà grasso in questo periodo.

Questo significa che per 2-4 ore subito dopo aver terminato l'allenamento (specie se molto intenso), dovreste cercare di fornire glicogeno al corpo il più velocemente possibile incrementando notevolmente l'assunzione di carboidrati.

Dopo il vostro allenamento cercate di assumere soprattutto fonti di carboidrati complessi come pasta integrale, patate dolci, cereali ecc.

Non ci sono molto dati a sostegno dell'ipotesi che per ripristinare le riserve di glicogeno sono necessari i carboidrati che causano un grosso rilascio di insulina, quindi in questo lasso di tempo non è necessario usare quantità considerevoli di zuccheri semplici.

Altro fattore fondamentale è l'assunzione di liquidi

L'idratazione è importantissima e non va mai trascurata; una buona idratazione vi garantirà di poter ottenere le prestazioni migliori durante l'allenamento e avvierà anche il processo di recupero subito dopo.


Un corpo disidratato è una macchina completamente inefficiente.

Come possiamo valutare il fabbisogno dei liquidi post allenamento?

Potete utilizzare un metodo molto semplice, basta pesarsi prima e dopo la sessione di allenamento e il risultato saranno i liquidi perduti; considerate che di norma per un allenamento di media intensità potremmo perdere circa 1,5 litri di liquidi, e questa quantità è da ripristinare per riportare il corpo al livello di pre-esaurimento.

Anche questo è un aspetto fondamentale per la salute e il recupero dell'atleta.

In generale cercate di seguire un'alimentazione corretta ed equilibrata, mangiando cibo sano più volte al giorno, altrimenti non recupererete bene dall'allenamento.

Ricordatevi che gli acidi grassi Omega-6 (linoleico) sono pro-infiammatori perciò rallentano il recupero dall'allenamento, e ciò significa che più cibo spazzatura mangerete, come per esempio fritti, margarine, oli idrogenati e alimenti raffinati, e più lento sarà il recupero.

Dovete mangiare sì per il gusto di mangiare, ma se siete atleti dovete anche considerare il fatto di alimentarvi per allenarvi ai massimi livelli e quindi per un buon recupero.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

L'uovo fa male?
01 Ottobre 2014

L'uovo fa male?

Sfatiamo un falso mito

L’uovo è uno degli alimenti più sani e più leggeri, cioè più facili da digerire, tant’è vero che induce scarsa secrezione di acido cloridrico nello stomaco, come provato da esperimenti clinici medici ed infatti si dà da secoli ai bambini come primo cibo dello svezzamento. 

Il Miglio, un’idea per una colazione alternativa
24 Marzo 2016

Il Miglio, un’idea per una colazione alternativa

3 modi per cucinare con il Miglio, non solo a colazione

Quando si pensa al miglio la mente ci riconduce subito ai semi di miglio per gli uccelli. Il miglio non è solo il pasto del tuo canarino, ma può essere una buona e gustosa alternativa per variare la tua dieta e soprattutto la tua colazione. La colazione è quel pasto che alcuni trascurano e altri fanno in modo sbagliato, proprio perché è difficile abbinare alcuni cibi appena ti alzi dal letto.

Ultimi post pubblicati

CURL ALLA PANCA SCOTT 1 MANUBRIO PRESA NEUTRA
14 Dicembre 2018

CURL ALLA PANCA SCOTT 1 MANUBRIO PRESA NEUTRA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Tortino di Patate Dolci Super Proteico
13 Dicembre 2018

Tortino di Patate Dolci Super Proteico

Mono porzione di Tortino da 35 grammi di Proteine

Le patate dolci americane sono ricercatissime per questa loro capacità di rilasciare energia lentamente, senza provocare aumenti dei livelli di zucchero nel sangue, e per questo motivo che rappresentano una scelta ottimale anche per chi è a dieta, fornendo un apporto costante di energia, ma con un basso contenuto di zuccheri e grassi.
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 1