Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alimentazione Nazionale Italiana per i Mondiali 2014

data di redazione: 09 Marzo 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Alimentazione Nazionale Italiana per i Mondiali 2014

Sapete cosa mangeranno i calciatori della nazionale italiana in questa fase che precede il Campionato mondiale di Calcio 2014? Quale alimentazione dovranno seguire e quali nutrienti serviranno per affrontare questo evento nella migliore condizione fisica possibile?

 

Come ben sappiamo, l'alimentazione, in ogni sport, copre un ruolo fondamentale se non primario. 

 

Vediamo cosa ci scrive Federica Chianese Aspirante Giornalista

 

Mondiali 2014 si avvicinano e il Brasile è pronto ad accoglierci, con temperature altissime, che renderanno la manifestazione ancora più stressante. E poiché l'alimentazione nel calcio, è un fattore di fondamentale importanza, il Ct Prandelli ha deciso di aggiungere nel suo staff, Elisabetta Orsiesperta nutrizionista-dietista. La dottoressa, proprio per le temperature brasiliane, ha apportato alcune modifiche alla dieta degli Azzurri, per mantenere un equilibrio psico-fisico.

 

Vediamo insieme cosa mangerà la nostra Nazionale Italiana:

 

  • COLAZIONE- C’è quella più dolce con fette biscottate, marmellata, frutta secca, frutta con fibra per calibrarne l’acidità; quella un po’ più salata, con tost, frutta, bevanda; quella media con yogurt, cereali integrali e frutta.

 

  • PRANZO- La verdura cruda precede l’assunzione di carboidrati. Niente eccesso di acqua: l’effetto diuretico comporta la perdita di sali. Meglio reidratarsi attraverso la verdura cruda igienicamente garantita da un protocollo di preparazione. Poche proteine.

 

  • MERENDA- È il momento più dolce della giornata: deve avvenire subito dopo l’allenamento, anche prima di farsi la doccia. Il must è la famosa torta di Claudio, lo chef azzurro.

 

  • CENA- Carboidrati, una minestra, carne bianca, pesce, verdure. Il giorno della partita o quello che la precede menù fisso ad alta digeribilità: pasta integrale al pomodoro. Poche verdure. Birra, vino e alcolici sono assolutamente vietati.

 

I giocatori ovviamente hanno accettato con professionalità la dieta, ma una cosa proprio non gli è piaciuta: niente pizza nei post partite...una tradizione che la dottoressa Orsi, ha trovato opportuno interrompere. Dunque, non ci resta che aspettare giugno per vedere i risultati!

In bocca al lupo!

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Quante Calorie Contengono le Varie Uova di Gallina ?
14 Agosto 2015

Quante Calorie Contengono le Varie Uova di Gallina ?

Sappiamo bene che le uova sono un alimento "super" perché sono molto proteiche, contengono molte vitamine, minerali e acidi grassi omega-3. Infatti, un uovo di misura “grande” può fornire circa il 15 per cento delle vostre esigenze proteiche giornaliere

7 suggerimenti per semplificare la tua colazione
30 Novembre 2015

7 suggerimenti per semplificare la tua colazione

Rendi più semplice il pasto più importante della giornata

Il buongiorno si vede dal mattino! Magari non fate colazione perché semplicemente non avete le idee, oppure la considerate una perdita di tempo. Eccovi alcune ricette, con dei suggerimenti per semplificare la vostra prima colazione in modo da poter affrontare la giornata con più calma, più freschi e pieni di energia propulsiva.

Ultimi post pubblicati

Super Allenamento Per i Pettorali
19 Febbraio 2020

Super Allenamento Per i Pettorali

Lo sbaglio che effettuano moltissimi praticanti in palestra, in merito all’allenamento dei pettorali, è quello di concentrarsi esclusivamente sulle distensioni su panca piana con bilanciere. Questo esercizio base è importante, in quanto permette di aumentare la forza di base, ma non è esaustivo per incrementare la massa muscolare dei pettorali.

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere
17 Febbraio 2020

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

Un distretto muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono sicuramente i deltoidi, ma purtroppo non tutti gli atleti li riescono a sviluppare al massimo.