ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alimentazione per Velisti

data di redazione: 19 Maggio 2015 - data modifica: 30 Maggio 2020
Alimentazione per Velisti

Considerazioni ed Esempio di Dieta Idonea a questo tipo di Sport

Come dovrebbero nutrirsi i velisti? Il problema dietetico per lo sport velico presenta vari aspetti da considerare in rapporto:

  1. al tipo di natante (dalle imbarcazioni leggere ai grandi velieri oceanici)
  2. al tipo di gara (dalle regate a prove col giro di boa, alle regate transoceaniche)
  3. alle condizioni atmosferiche nelle quali viene effettuata (freddo, clima tropicale, vento, insolazione, umidità, burrasche, temporali, ecc.)
  4. alla specifica patologia del velista (come per esempio il mal di mare)

Ognuno di questi fattori condiziona un diverso tipo di alimentazione, che deve essere opportunamente vagliato prima dell'imbarco, tenendo conto di tutti i possibili imprevisti che il mare può offrire e particolarmente degli improvvisi cambiamenti di tempo (freddo intenso o caldo intenso, che presuppongono differenti tecniche alimentari) e delle possibilità di prolungare ben oltre il previsto il tempo di navigazione, a causa di fortunali o guasti.


Non è dunque possibile redigere un preciso schema dietetico, ma il velista dovrà adattare la sua dieta regolandosi secondo un programma di massima, da modificare elasticamente secondo le necessità che possono presentarsi.


Pertanto, accenneremo alcuni consigli di ordine generale che, è bene sottolineare, devono essere elaborati e opportunamente modificati secondo le esigenze individuali e di gara.

 

REGATA DELLA DURATA DI QUALCHE ORA


Durante le regate, specie per le imbarcazioni leggere dove lo sforzo muscolare è intenso, acrobatico e continuo anche per parecchie ore di seguito, bisogna provvedersi di borracce contenenti alimenti-formula, allungati con tè, succhi di frutta e caffè.


Ricordate che digiunare durante la regata è negativo e pericoloso, in quanto l'impegno fisico può determinare condizioni ipoglicemiche con relativo stato astenico fisico e psichico.


Negativo è anche il consumo di soli alimenti secchi tipo:

  • panini al prosciutto e al formaggio
  • biscotti e frutta secca ecc.

Questi determinerebbero un eccessivo impegno gastrico in un organismo già notevolmente disidratato dall'esposizione all'aria e al sole, dal vento e dall'estenuante e continua fatica fisica.


Soltanto un'alimentazione liquida, equilibrata, calorica, ricca di vitamine e sali minerali può garantire la piena efficienza fisica, la sicurezza di evitare ogni complicazione gastro-intestinale e un sicuro compenso idro-salino.

 

ALIMENTAZIONE CONSIGLIATA FINO ALLA PARTENZA IL GIORNO DELLA GARA


COLAZIONE

  • latte
  • fette biscottate
  • marmellata
  • frutta fresca (mele)

RAZIONE DI SICUREZZA (fino a 3 ore prima della gara)

  • germe di grano
  • yogurt
  • miele
  • succo di limone

Ogni mezz'ora e fino alla partenza o assumete integratori con aggiunta di miele oppure:

  • centrifugati di mele, carote e sedani + 5 g di miele
  • centrifugati di carote, arance e pompelmi + 5 g di miele

REGATE E CROCIERE DI LUNGA DURATA


Per questo tipo di regate, non si pongono particolari problemi alimentari, in quanto le imbarcazioni sono sempre fornite di cucine, anche se spesso di tipo rudimentale, e lo stivaggio dei viveri non presenta grossi problemi di ingombro.

La dieta da seguire durante una crociera o una regata di qualche giorno o di qualche mese non pone quindi particolari problemi, in ogni caso si raccomanda:

  • l'attentissimo controllo della qualità delle vivande, che devono essere sempre leggere e di facile digeribilità
  • l'assoluto rispetto degli orari dei pasti
  • il deciso rifiuto delle bevande alcoliche, che spesso diventano il rifugio contro la durezza e la monotonia del viaggio
  • l'abbondante introduzione di liquidi contro la disidratazione operata dal clima marino anche in assenza di diretta insolazione.

Qualunque sia il dispendio calorico promosso dalle condizioni atmosferiche (freddo , caldo), o dallo sforzo fisico, il totale delle Calorie introdotte deve sempre rispettare le proporzioni cioè il 15% di proteine, il 25% di grassi e il 60% di carboidrati.

Buon ABC Allenamento

Ti potrebbe interessare: Alimentazione KITESURF



Potrebbe interessarti anche

10 Consigli Nutrizionali per Addominali Scolpiti
17 Novembre 2020

10 Consigli Nutrizionali per Addominali Scolpiti

alimentazione per scolpire l'addome

L'allenamento non basta per dimagrire e scolpire gli addominali, è necessaria una buona dieta.

Cheddar Cheese
17 Aprile 2015

Cheddar Cheese

Il Formaggio dei Fast Food proveniente dai Paesi Anglosassoni

Il primo paese al mondo ad aver prodotto il formaggio Cheddar è stata l'Inghilterra, la quale ha poi diffuso in tutte le sue colonie questo prodotto tipico al tal punto da far diventare il Cheddar Cheese il formaggio più diffuso dei paesi anglosassoni. Il nome dato al formaggio Cheddar non ha particolari vincoli di marchio e quindi tutte le case produttrici del mondo chiamano Cheddar il loro formaggio, cosa che ad esempio non avviene con il nostro parmigiano reggiano o grana padano, i quali sono vincolati da leggi sulla denominazione ben precisi

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.