Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'acaí, Il Frutto Dei Lottatori Di Brazilian Jiu Jitsu

data di redazione: 04 Luglio 2015
L'acaí, Il Frutto Dei Lottatori Di Brazilian Jiu Jitsu

Estremamente calorico e carico di proteine è il succo che sta spopolando nel mondo fra i lottatori

L'Acaí è il frutto della palma Euterpe olerácea, e proviene dalla regione Amazzonica, in Brasile.

È un frutto dall'elevato contenuto proteico e calorico, e di alte percentuali di ferro, e a tutt'oggi è il frutto "dei lottatori di Brazilian Jiu Jitsu", consumatissimo in Brasile e venduto negli ultimi anni anche in Europa durante le competizioni più importanti come l'Europeo di Lisbona.

La sua popolarità questo frutto la guadagnò già negli anni '80 grazie a Relson e Rickson Gracie, che oltre alla passione del Brazilian Jiu Jitsu avevano anche quella del surf, ed essendo dei grandi consumatori di Ácaí scoppiò quasi come una moda e questo succo cominciò ad essere venduto in abbondanza nei bar di Rio de Janeiro.

 

Spesso questo frutto in Brasile viene mescolato con sciroppo di Guaraná o con altra frutta tipo le banane o le fragole, cambiandone il gusto originale, ma rendendolo così molto vario e maggiormente consumato.

 

LA LAVORAZIONE DELL'ACAì

 

Questa è la lavorazione così come è abitudine in Brasile.
Si mette la frutta in grandi barilotti con acqua calda a circa 60°, in modo tale da ammorbidirne la polpa.
Passata qualche ora la frutta viene messa in un macchinario che lo spreme e ci aggiunge acqua, mentre il semi (che rappresentano l'80% del frutto) vengono spinti nella parte superiore del macchinario stesso.


Mentre i semi rimangono in alto, il succo cade nella parte inferiore della macchina, ottenendo così la spremuta di questo frutto, che sarà più o meno concentrato a seconda della quantità di acqua aggiunta.
Al termine di queste operazioni il succo viene imbottigliato e consumato.

 

Nel sud del Brasile questo succo viene consumato freddo, quasi ghiaccio, mescolandolo con sciroppo di Guaraná ed altra frutta come banane e fragole, come abbiamo già detto, ma spesso viene mangiato anche con Tapioca e cereali, e addirittura nel nord del paese l'Acaí viene servito nei ristoranti con i gamberi, con farina di manioca e pesce oppure con la carne.
Al giorno d'oggi esistono in Brasile grandi fabbriche specializzate nel processo e nel congelamento di questo succo, che viene anche esportato all'esterno del paese.

 

Noi di ABC l'abbiamo mangiato, e vi possiamo assicurare che è ottimo, gustoso e rinfrescante.

 

DATI NUTRIZIONALI PER 100g DI ACAÍ

 

  • proteine 13,0 g
  • Fibra 34,0 g
  • Sodio 56,4 mg
  • Potassio 932,0 mg
  • Calcio 286,0 mg
  • Magnesio 174,0 mg
  • Ferro 26,0 mg
  • Fosforo 227,0 mg
  • Vitamina C 17,0 mg
  • Vitamina E 45,0 mg
  • Lipidi 17,0 g
  • Gliceridi 36,0 g

VALORE CALORICO 349 Kcal

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Frutti di Bosco e Benefici per il Cervello
02 Ottobre 2014

Frutti di Bosco e Benefici per il Cervello

Alcuni studi evidenziano benefici quando si mangiano frutti di bosco

I Frutti di Bosco, possono aiutare il cervello? Molteplici studi hanno dimostrato un beneficio al cervello quando si mangiano frutti di bosco, molti studi, invece, hanno individuato specificamente il beneficio di fragole e mirtilli.

Arachidi
01 Ottobre 2014

Arachidi

I benefici nutrizionali delle arachidi per la salute

Botanicamente sono piante appartenenti alle Fabaceae famiglia del genere Arachis. Nome scientifico: Arachis hypogaea. Note come spagnolette, noccioline americane, ecc . benefici e informazioni nutrizionali dettagliate

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.