ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'acaí, Il Frutto Dei Lottatori Di Brazilian Jiu Jitsu

data di redazione: 04 Luglio 2015
L'acaí, Il Frutto Dei Lottatori Di Brazilian Jiu Jitsu

Estremamente calorico e carico di proteine è il succo che sta spopolando nel mondo fra i lottatori

L'Acaí è il frutto della palma Euterpe olerácea, e proviene dalla regione Amazzonica, in Brasile.

È un frutto dall'elevato contenuto proteico e calorico, e di alte percentuali di ferro, e a tutt'oggi è il frutto "dei lottatori di Brazilian Jiu Jitsu", consumatissimo in Brasile e venduto negli ultimi anni anche in Europa durante le competizioni più importanti come l'Europeo di Lisbona.

La sua popolarità questo frutto la guadagnò già negli anni '80 grazie a Relson e Rickson Gracie, che oltre alla passione del Brazilian Jiu Jitsu avevano anche quella del surf, ed essendo dei grandi consumatori di Ácaí scoppiò quasi come una moda e questo succo cominciò ad essere venduto in abbondanza nei bar di Rio de Janeiro.

 

Spesso questo frutto in Brasile viene mescolato con sciroppo di Guaraná o con altra frutta tipo le banane o le fragole, cambiandone il gusto originale, ma rendendolo così molto vario e maggiormente consumato.

 

LA LAVORAZIONE DELL'ACAì

 

Questa è la lavorazione così come è abitudine in Brasile.
Si mette la frutta in grandi barilotti con acqua calda a circa 60°, in modo tale da ammorbidirne la polpa.
Passata qualche ora la frutta viene messa in un macchinario che lo spreme e ci aggiunge acqua, mentre il semi (che rappresentano l'80% del frutto) vengono spinti nella parte superiore del macchinario stesso.


Mentre i semi rimangono in alto, il succo cade nella parte inferiore della macchina, ottenendo così la spremuta di questo frutto, che sarà più o meno concentrato a seconda della quantità di acqua aggiunta.
Al termine di queste operazioni il succo viene imbottigliato e consumato.

 

Nel sud del Brasile questo succo viene consumato freddo, quasi ghiaccio, mescolandolo con sciroppo di Guaraná ed altra frutta come banane e fragole, come abbiamo già detto, ma spesso viene mangiato anche con Tapioca e cereali, e addirittura nel nord del paese l'Acaí viene servito nei ristoranti con i gamberi, con farina di manioca e pesce oppure con la carne.
Al giorno d'oggi esistono in Brasile grandi fabbriche specializzate nel processo e nel congelamento di questo succo, che viene anche esportato all'esterno del paese.

 

Noi di ABC l'abbiamo mangiato, e vi possiamo assicurare che è ottimo, gustoso e rinfrescante.

 

DATI NUTRIZIONALI PER 100g DI ACAÍ

 

  • proteine 13,0 g
  • Fibra 34,0 g
  • Sodio 56,4 mg
  • Potassio 932,0 mg
  • Calcio 286,0 mg
  • Magnesio 174,0 mg
  • Ferro 26,0 mg
  • Fosforo 227,0 mg
  • Vitamina C 17,0 mg
  • Vitamina E 45,0 mg
  • Lipidi 17,0 g
  • Gliceridi 36,0 g

VALORE CALORICO 349 Kcal



Potrebbe interessarti anche

Frutta
12 Ottobre 2014

Frutta

I benefici nutrizionali che apporta la frutta

I frutti sono a basso contenuto di calorie e grassi e sono una fonte di zuccheri semplici, fibre e vitamine, essenziali per ottimizzare la nostra salute. La frutta fornisce abbondanza di fibra alimentare solubile, che aiuta a scongiurare il colesterolo e i grassi dal corpo, oltre che dare un sollievo in casi di costipazione

Mandarino - Proprietà E Benefici
25 Novembre 2020

Mandarino - Proprietà E Benefici

I mandarini (Citrus Reticulate) appartengono alla famiglia delle Rutacee e sono coltivati principalmente nelle foreste tropicali delle province del sud-est asiatico. Gli alberi da frutto mandarino sono di dimensioni più piccole rispetto agli aranci, e il frutto ha un colore arancione intenso con una forma piatta.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.