Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Rafano nero come rimedio a malanni di stagione

data di redazione: 04 Giugno 2015 - data modifica: 13 Marzo 2015
Rafano nero come rimedio a malanni di stagione

Rimedi naturali con uno sciroppo al ravanello

Le influenze, spesso curate con i medicinali tradizionali, vanno ad agire solamente sui sintomi.

Questo perché non esiste una cura vera e propria; bisogna solamente riposare e alleviarne i sintomi meglio che si può.

Quello che aggiungiamo è, farlo prima di tutto con rimedi naturali.

 

UN VERO MEDICINALE NATURALE

Fratello maggiore del più conosciuto ravanello rosso, che presenta le stesse proprietà ma più attenuate, il rafano nero risolve gli ingorghi, i ristagni e gli accumuli che si possono verificare in diversi organi del nostro corpo.

 

È efficacissimo e ha le capacità di:

 

stimolare un completo svuotamento della cistifellea, evitando in questo modo la formazione di calcoli

essere un potente diuretico

è efficace nelle emicranie di origine congestizia, cioè provocate da un accumulo di sangue nella zona cerebrale

nelle affezioni respiratorie con tosse e catarro

 

Inoltre, il rafano, facilita notevolmente la digestione dei pasti copiosi e pesanti.

Come si mangia il rafano nero

Generalmente si consuma crudo, affettato sottilmente e condito con olio extravergine di oliva.

In casi particolari, specie se l'attività epatica va stimolata e nelle calcolosi biliari, si può assumere il succo fresco, ottenuto con una centrifuga, nella dose di una tazzina da caffè prima dei due pasti principali.

Non ha il massimo del sapore ma fa il suo lavoro.

 

Come ricavare uno sciroppo  per la tosse dal rafano nero

In caso di tosse vale la pena di ricavare dal rafano nero un efficace sciroppo medicamentoso, e il procedimento è molto semplice.

 

 

  • Spazzolate sotto l'acqua corrente il rafano e, senza sbucciarlo, affettatelo finemente.
  • Disponete a strati le fette in una ciotola, cospargendo ogni strato con un po’ di zucchero di canna, e lasciate riposare una notte.
  • Il giorno dopo si sarà formato un denso sciroppo, che potrete assumere nella dose di 4 o 5 cucchiai al dì.

 

Buona riabilitazione da ABC

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

I 5 Migliori Semi che Coadiuvano la Crescita Muscolare
03 Febbraio 2017

I 5 Migliori Semi che Coadiuvano la Crescita Muscolare

Diverse ricerche hanno confermato i benefici dei semi oleosi. Questo nome generico racchiude davvero una grande varietà di piccoli alimenti ricchi di sostanze nutritive: semi di girasole, lino, sesamo, zucca, chia, canapa ma anche mandorle, noci, nocciole e il resto della frutta secca.

Il Consumo Regolare di Cibi Piccanti può Aumentare la Durata della Vita
05 Agosto 2015

Il Consumo Regolare di Cibi Piccanti può Aumentare la Durata della Vita

Il cibo piccante può farvi sentire la bocca in fiamme e causare una copiosa sudata. Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che mangiare regolarmente cibo piccante potrebbe anche ridurre il rischio di morte per condizioni specifiche.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.