(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le Funzioni del Peperoncino e Capsaicina nella Dieta

data di redazione: 04 Giugno 2015 - data modifica: 22 Febbraio 2015
Le Funzioni del Peperoncino e Capsaicina nella Dieta

Non siate parsimoniosi nell'aggiungere una manciata di peperoncino, che contiene capsaicina, al vostro pasto, perchè potrebbe essere un aiuto per innescare alcuni processi importanti grazie al contenuto di una sostanza chiamata capsaicina.

 

Una grande percentuale della popolazione mondiale - circa un terzo, come risulta dalle stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità - è attualmente in sovrappeso o obesa. Questa sbalorditiva statistica ha fatto sì che l'obesità debba essere affrontata con una priorità assoluta per molti scienziati di tutto il mondo e ora un gruppo di ricercatori dell'Università del Wyoming ha trovato qualcosa di promettente nel potenziale della capsaicina - l'ingrediente principale del peperoncino, responsabile del grado di piccantezza - come supplemento di base di una dieta.

 

La tentazione di mangiare cibi grassi è spesso così forte che, per molti, da poter ignorare o sopraffare eventuali restrizioni dietetiche. Come soluzione a questo problema, un gruppo di ricercatori dell'Università del Wyoming hanno sviluppato un nuovo approccio per stimolare il metabolismo energetico - senza la necessità di limitare l'apporto calorico.

 

Durante la 59a riunione annuale del Biophysical Society a Baltimore, tenutasi dal 07-11 Febbraio, 2015, i ricercatori del laboratorio del Professor Baskaran Thyagarajan, presso l'Università di Wyoming [MN1] descrivono come la capsaicina alimentare può stimolare la termogenesi e la combustione energetica, attivando i recettori, che sono nelle cellule del grasso bianco e bruno. Questo può aiutare a prevenire e gestire l'obesità e altre complicazioni di salute correlate come il diabete di tipo 2, la pressione alta e le malattie cardiovascolari - anche se questo effetto non è ancora stato dimostrato con cura in studi clinici controllati.

 

"L'obesità è causata da uno squilibrio tra apporto calorico e dissipazione di energia," ha spiegato Vivek Krishnan, uno studente laureato che lavora nel laboratorio del Professor Baskaran Thyagarajan dell'University of Wyoming's School of Pharmacy - un gruppo di ricerca conosciuto come " Baskilab".

 

"Nei nostri corpi, le cellule di grasso bianco immagazzinano energia e le cellule di grasso bruno (calore prodotto dalla combustione dei grassi) servono come macchinario termogenico per bruciare il grasso immagazzinato. Mangiare alimenti ricchi di calorie e la mancanza di attività fisica può causare uno squilibrio nel metabolismo che porta all'obesità . "

 

Nel perseguire una strategia per la gestione dell'obesità, i dati di laboratorio del nostro gruppo hanno rivelato che la "capsaicina dietetica sopprime l'obesità, quando presente nella dieta", ha detto Krishnan.

 

Dallo studio è emersa l'ipotesi che la capsaicina induce l'imbrunimento del tessuto adiposo bianco e stimola la termogenesi per contrastare l'obesità. "L'obiettivo principale del nostro lavoro è quello di ampliare la conoscenza del meccanismo con cui la capsaicina antagonizza l'obesità, oltre che a far avanzare la prova del potenziale antiobesità del principio capsaicina.

 

(Nella foto sopra, il GRAFICO dell'AZIONE DEL PEPERONCINO)

 

Lo sviluppo di un integratore alimentare naturale come strategia per combattere l'obesità può essere facilmente avanzato da studi clinici, secondo i ricercatori. "Prevediamo una formulazione a rilascio prolungato a base di nanoparticelle di capsaicina, che è attualmente in fase di sviluppo nel nostro laboratorio," hanno aggiunto i ricercatori Baskilab.

 

"A sua volta, questo avanzerà un nuovo approccio, integrativo-alimentare, per prevenire e curare una delle malattie mortali, quale l'obesità e le sue complicanze associate, negli esseri umani."

 

Riferimenti:
Presentation Abstract - Dietary capsaicin and exercise: analysis of a two-pronged approach to counteract obesity

American Institute of Physics (AIP)

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Perché I Bodybuilder Mangiano I Broccoli?
28 Febbraio 2019

Perché I Bodybuilder Mangiano I Broccoli?

Questo ortaggio verde, che occasionalmente ha alcune sfumature violacee, è un parente stretto di cavolo e cavolfiore e appartiene alla famiglia delle Brassicaceae del gruppo Italica Cultivar. Le parti più comunemente mangiate sono le teste fiorite, che hanno la forma di un albero, che escono da un gambo spesso e commestibile.

Pak Choi o Cavolo a Coste
15 Dicembre 2014

Pak Choi o Cavolo a Coste

I benefici nutrizionali apportati dal cavolo cinese

Il Pak Choi o cavolo a coste , conosciuto anche come Cavolo cinese, fa parte della famiglia delle verdure crocifere, che comprende anche cavoli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiore, rape e cime di rape. Questa potenza nutrizionale, è un pacchetto contenente una miriade di sostanze nutritive con una piccola quantità di calorie. Se state cercando di mangiare in modo più sano, le verdure crocifere 

Ultimi post pubblicati

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi
20 Maggio 2019

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi

Questo attrezzo speciale ha diverse maniglie che si possono utilizzare per variare il posizionamento delle mani durante gli esercizi di distensione e trazione, permettendo di migliorare la forza assicurando altresì una presa multipla salda ed una perfetta stabilità durante l'esecuzione dei movimenti.

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone
18 Maggio 2019

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone

Il testosterone alto, il principale ormone maschile, è un ottimo segno per la salute, ecco perché ci si domanda sempre come aumentarlo con l'alimentazione o altre soluzioni, ovviamente naturali e non chimiche.