Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Bere Acqua per Dimagrire

data di redazione: 12 Maggio 2016 - data modifica: 26 Gennaio 2019
Bere Acqua per Dimagrire

Perchè l'acqua gioca un ruolo così importante nella nostra dieta e in che modo può aiutarci a dimagrire

Bere Acqua per Dimagrire

Non tutti sono d'accordo sul ruolo dell'acqua nelle diete, quanta è meglio berne e quando per favorire il dimagrimento. 

Quante volte ci capita di leggere teorie e pareri che sono l'esatto contrario di quello che avevamo letto qualche giorno prima in qualche rivista autorevole e quindi affidabile; la realtà è che anche tra i massimi esperti spesso le teorie sono discordanti.

La cosa certa è che per dimagrire bisogna si bruciare, ma anche eliminare, infatti una dieta che non contempla una quantità sufficiente di acqua non si può considerare una buona dieta, per il semplice fatto che comporterebbe accumuli significativi di scorie nocive.

L'ACQUA, IL NOSTRO ELIMINA-SCORIE

In parole molto semplici, dobbiamo considerare il nostro corpo come un'automobile, che per produrre energia brucia combustibile, producendo di conseguenza calore e scorie che devono essere eliminate. Se chiudiamo il tubo di scappamento della nostra auto interrompiamo la combustione...e la macchina si ferma.

Il nostro corpo funziona in modo simile, e le scorie devono essere smaltite!

L'acqua rimane sempre il miglior diuretico naturale; tramite essa i reni possono eliminare le scorie provenienti dagli alimenti bruciati dal nostro organismo, e dimagrire senza bere abbastanza avrebbe pertanto un effetto tossico per il nostro corpo, rallentando o peggio ancora bloccando di fatto la perdita di peso e quindi il dimagrimento.

Chi non ha regole nel mangiare e ha l'abitudine di "ingolfarsi" buttando giù qualsiasi cosa gli capiti a tiro, oltre che continuare ad ingrassare a dismisura con l'andare del tempo finisce per impigrire i reni. Chi ha problemi di linea quindi, più di ogni altra persona ha la necessità di bere molto, proprio per rimettere in funzione l'apparato escretore e riequilibrare il funzionamento del proprio "motore umano".

ACQUA E PROTEINE

Si sa che il dimagrimento localizzato non è cosa facile, anzi un'impresa impossibile. Uno studio asserisce però che un regime di proteine pure, accompagnato dalla riduzione del sale e dal consumo di molta acqua poco mineralizzata facilitava una perdita di peso più armoniosa, con un conseguente assottiliamento "reale" nelle zone difficili, come l'interno delle ginocchia e le cosce.

Questi risultati sono stati giustificati grazie all'effetto idrofugo delle proteine e alla filtrazione intensa da parte dei reni, dovuta al massiccio apporto da parte dell'acqua; questa, penetra in tutti i tessuti, quindi anche nella cellulite, uscendo salata e carica di scorie. A questo si aggiunge l'effetto combustione delle proteine pure, e quest'azione congiunta, secondo questo studio, aiuterebbe in modo "modesto e parziale" a combattere la "grande nemica" delle donne.

NON BEVIAMO MAI ABBASTANZA

La vita di tutti i giorni ci porta a non bere mai abbastanza, abituandoci a non sentire più neanche il bisogno di bere. 

Passano i mesi e la sete scompare e perde di conseguenza la sua funzione di segnalare la disidratazione dei tessuti; molte donne poi, avendo la vescica più sensibile e più piccola dell'uomo e per la "scomodità" di dover andare troppo spesso in bagno evitano di bere il necessario, e questa è una pessima abitudine.

Dobbiamo considerare l'acqua come un vero e proprio nutriente, che oltre a idratarci ci sazia in modo naturale. 

L'acqua, soprattutto bevuta durante i pasti, e nella giusta quantità, si miscela con gli alimenti e aumenta di conseguenza il volume totale del bolo alimentare provocando la distensione dello stomaco e quindi una sensazione di sazietà. 

Quindi anche in questo senso può aiutarci a mangiare meno e a non abbuffarci inutilmente.

Mentre nel mondo ci sono laboratori farmaceutici e istituzioni che si impegnano così tanto per scoprire lo "spezza-fame" del terzo millennio, lucrandoci sopra e dandoci l'illusione del dimagrimento, non ci accorgiamo di avere il mezzo più semplice e naturale che il nostro pianeta ci offre ad ogni fontana, che oltre ad assicurarci una salute di ferro è un grandissimo alleato della nostra linea.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Perché iniziare la giornata con una buona e sostanziosa colazione?
01 Ottobre 2014

Perché iniziare la giornata con una buona e sostanziosa colazione?

La colazione tipica degli Italiani è a base di carboidrati semplici. Al mattino, i soli carboidrati semplici come lo zucchero nel caffè o nel tè ed i dolci come le crostate o cornetti, possono dare energia e placare la fame, ma l'effetto non è duraturo. Una colazione a base di carboidrati può risultare povera di nutrienti essenziali per il buon funzionamento dell'organismo come proteine, fibre, vitamine, minerali e grassi buoni. Il risultato che ne consegue è debolezza, difficoltà nella concentrazione e stimolo della fame nel corso della mattinata.  

Riso Integrale
09 Gennaio 2015

Riso Integrale

Tutti i benefici nutrizionali per la salute che apporta questo tipo di cereale

Il processo che produce riso rimuove solo lo strato più esterno, lo scafo, del kernel del riso ed è il meno dannoso al suo valore nutrizionale. La macinazione completa e lucidatura che converte riso in riso bianco distrugge il 67% della vitamina B3, 80% di vitamina B1, 90% di vitamina B6, metà del manganese, metà del fosforo, 60% del ferro e tutte le fibre e acidi grassi essenziali. Completamente lavorato al riso bianco lucido, è necessario che venga "arricchito" con vitamine B1, B3 e ferro.

Ultimi post pubblicati

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.