Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​Carb Cycling: Cos'è E Come Funziona

data di redazione: 15 Aprile 2017
​Carb Cycling: Cos'è E Come Funziona

In questo nuovo articolo tratteremo un argomento molto chiacchierato, il carb cycling, sia da chi cerca di perdere peso in vista di una competizione o della semplice prova costume, sia da chi invece si è posto come obiettivo quello di aumentare la massa magra.

Come avete visto dal titolo parleremo di Carb Cycling o, tradotto, ciclizzazione dei carboidrati.


COS'E' LA CARB CYCLING?

È un approccio alimentare utilizzato da moltissimi atleti che, a differenza di tanti altri tipi, più o meno da galera, funziona benissimo.
Basta semplicemente capirne i concetti di base.
Questo approccio alimentare prevede che NELL'ARCO DELLA SETTIMANA le quote di carboidrati assunte siano differenti.
La principale distinzione da fare è quella di differenziare l'apporto glucidico dei giorni ON (giorno in cui vai in palestra) dai giorni OFF (giorno in cui riposi e pensi ad altro).
Questo appena descritto non è l'unico metodo per distinguere i vari giorni della settimana, ma il più semplice. Come piace a me insomma.


Vogliate perdonare le mie puntualizzazioni ma, essendo un argomento meno semplice di quanto si possa pensare bisogna essere puntigliosi.


IL PRIMO STEP
La prima cosa che si deve conoscere per partire con la carb cycling al meglio è l'apporto glucidico medio giornaliero, ancora meglio se di un giorno off.
Una volta che si ha questo dato si può iniziare a lavorarci su.
Quindi, vi faccio un esempio semplicissimo, se nei giorni di riposo assumiamo all'incirca 200g di carbo, in un giorno di allenamento andremo ad assumerne di più. Ad esempio 300g.
Questo semplicemente perchè in quella giornata andremo a consumare più kcal e il nostro corpo giustamente ci chiederà più energia per svolgere un allenamento come si deve e non un allenamento fiacco.
Alla fine della settimana il totale di carbo assunti deve essere ovviamente uguale al totale di carboidrati settimanali che ci eravamo prefissati in partenza.


BADATE BENE: le quantità di carboidrati indicati sono ASSOLUTAMENTE GENERICHE ma utili per farvi capire il concetto di base.


LA CARB CYCLING E' UGUALE PER TUTTI?
No. la carb cycling non è e non può essere uguale per tutti. La forza di questo approccio alimentare a mio avviso è proprio questa. Non c'è una regola fissa, un quantitativo di carbo scritto nero su bianco da seguire alla lettera.
E' molto soggettivo il tutto. Per questo una cosa importante prima di iniziare è quella di conoscere e soprattutto saper ascoltare i bisogni e i segnali che il nostro organismo ci manda.
Se ad esempio a fine giornata siete sazi ma teoricamente vi dovessero mancare da assumete altri tot carbo, allora non dovete forzarvi a mangiarli. Vuol dire che siete a posto così. Imparate ad autovalutarvi. Ci vorrà tempo, ma è la strada vincente.


E PROTEINE E GRASSI?
Se abbiamo capito in maniera basilare come comportarci coi carbo dobbiamo fare un discorso diverso, ma ancora più semplice per proteine e grassi.
Di base il mio consiglio è quello di mantenere una quota fissa giornaliera di proteine e una quota di grassi che varia anche essa, anche se veramente di poco, che sia un giorno on o un giorno off.


Nei giorni on, quindi giorno con carbo alti, utilizziamo ad esempio una minor quantità di grassi (ad esempio 20 gr giornalieri invece di 30 gr). Questo semplicemente per indurre il nostro corpo a ricavare le energie necessarie per l'allenamento proprio dai carboidrati che abbiamo aggiunto.


Per concludere ci tengo a precisare nuovamente che questo è l'approccio di base della carb cycling.
Il grande pregio di questo stile alimentare è quello che si adatta a chiunque e in qualunque momento della preparazione.
Valutate sempre prima il vostro punto di partenza e il vostro stile alimentare e provate un approccio che può solo farvi guadagnare risultati.

Vi aspetto sul mio canale you tube!

Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Alimentazione Boxe: La Giusta Dieta per Pugili
02 Ottobre 2014

Alimentazione Boxe: La Giusta Dieta per Pugili

L'importanza di saper mangiare bene

Per i pugili, come in ogni sport, una buona dieta è una parte cruciale per stare in forma e tenere il passo con le esigenze del regime di allenamento. I pugili hanno bisogno di mangiare bene per mantenere la forza muscolare e l'energia sul ring ed evitare di sentirsi stanchi e lenti durante uun combattimento. I pugili usano pugni, velocità e flessibilità che richiedono forza, resistenza ed energia per sconfiggere l'avversario. Come risultato, essi hanno richiedono una dieta nutriente che fornirà alti livelli di energia per tutta la durata di un incontro.

I Benefici Per la Salute di Tonno e Salmone
12 Luglio 2019

I Benefici Per la Salute di Tonno e Salmone

Nessun dubbio, tonno e salmone sono super alimenti! Non solo sono una grande fonte di proteine magre, sono anche una grande fonte di vitamina B e hanno un sapore ottimo. Ciò che i nutrizionisti e gli scienziati sono davvero entusiasti del tonno e del salmone sono gli acidi grassi omega-3 contenuti nelle loro carni.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.