(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Carboidrati, Ormoni, Muscolo e Grasso Corporeo

data di redazione: 12 Ottobre 2017 - data modifica: 02 Settembre 2018
Carboidrati, Ormoni, Muscolo e Grasso Corporeo

Sapete che i carboidrati influenzano le risposte ormonali

Gli ormoni possono essere molto potenti nel determinare la massa muscolare o se bruciare o conservare il grasso. L'insulina è considerato l'ormone di stoccaggio del grasso corporeo

L'insulina viene secreta dal pancreas in risposta ad elevati livelli di zucchero nel sangue (glucosio). Questo processo è principalmente dovuto dall'ingestione eccessiva di carboidrati in un pasto. 

Livelli più alti di insulina forzano il corpo a bruciare il glucosio per produrre energia e conservare qualsiasi eccesso sotto forma di glicogeno o grasso. 

NON si può effettivamente bruciare grasso quando i livelli di insulina sono elevati. Anche se ci si allena ad un ritmo infernale. 

Oltre a non far bruciare i grassi, livelli elevati di insulina possono causare una riduzione delle concentrazioni di zucchero nel sangue. Ciò può provocare un'ipoglicemia temporanea.

Gli atleti solitamente evitano di ottenere un picco glicemico prima di un allenamento o di una prestazione fisica proprio per non avere cali di energia proprio quando invece sono fondamentali. 

Altri sintomi spaziano dalle oscillazioni dell'umore, come già detto alla sensazione di avere poca energia, alla perdita di concentrazione, al verificarsi di crampi muscolari, ad una sensazione di fame incontrollabile, al desiderio di voler ingerire dello zucchero e di mangiare altri carboidrati.

Ora, all'opposto di questo, se si limita notevolmente l'assunzione dei carboidrati, il cervello produrrà una sensazione di irritabilità. Difatti, il cervello richiede un costante flusso di glucosio che utilizza come carburante. 

Se dalla dieta non si ottiene un'adeguata offerta di carboidrati, il corpo utilizzerà le sue scorte di glicogeno e il glucosio disponibile. Poi trasformerà la massa grassa e la massa muscolare per alimentare energia, producendo una risposta metabolica anomala chiamata chetosi.

La chetosi altera gli enzimi presenti nelle cellule adipose. La chetosi causa la sacrificazione della massa muscolare, scomponendola in aminoacidi, per poterla convertire direttamente in glucosio da fornire al cervello.

La perdita di massa muscolare significa la perdita dei siti preposti anche per bruciare grasso. Così saranno bruciati meno grassi. È facile capire perché il 98% di tutte le diete low-carb e high-pro spesso falliscono. Solitamente coloro che seguono questo tipo di diete per lunghi periodi, di solito riacquistano il peso perso e spesso anche più di quanto perso.

Il glucagone è considerato l'ormone che brucia i grassi. Esso è stimolato dal pancreas in risposta all'assunzione di proteine. Il suo compito principale è quello di mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue nel corpo. Lo fa attivando e rilasciando il grasso corporeo immagazzinato in modo che possa essere bruciato per produrre energia.

Una quantità moderata di carboidrati, proteine e grassi aiuta a mantenere equilibrato il livello di zucchero nel sangue. Il grasso rallenta l'assorbimento e la digestione dei carboidrati, fornendo un rilascio costante e continua di glucosio mantenendo bassa l'insulina - l'ormone di stoccaggio dei grassi. L'assunzione di proteine in un pasto stimola il rilascio dell'ormone del grasso, il glucagone, massimizzando così la capacità del corpo di bruciare i grassi corporei immagazzinati e produrre energia.

Si capisce che i carboidrati giocano un ruolo fondamentale sugli ormoni. In modo particolare sulle persone che fanno attività fisica. Anche se non possiamo dire che una dieta low carb non funziona, in quanto ognuno di noi risponde in modo diverso alle varie quantità di carboidrati. 

Ad esempio, nei sedentari, i bisogni di carboidrati sono più bassi, quindi possono mantenere meno carboidrati nella propria dieta. Ma se si è praticanti regolari dell'esercizio fisico e lo si esercita con intensità, limitare troppo la dose di carboidrati in modo drastico può portare a:

  • Riduzione della produzione di ormoni della tiroide
  • Aumentare la produzione di cortisolo
  • Ridurre la produzione di testosterone
  • Alterazione dell'umore e della funzione cognitiva
  • Catabolismo muscolare
  • Soppresssione della funzione immunitaria.

In altre parole: il metabolismo potrebbe rallentare, i vostri ormoni dello stress si alzano e i vostri ormoni responsabili della costruzione muscolare calano.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

4 Alimenti per Aumentare i Livelli di Forza
17 Maggio 2015

4 Alimenti per Aumentare i Livelli di Forza

Dal momento che si guadagna la maggior parte dei benefici degli alimenti nel lasso di tempo prima o dopo un allenamento, la maggior parte di queste opzioni dovrebbero essere consumate direttamente pre o post allenamento. In ogni caso, questi alimenti contengono in modo naturale, molti dei nutrienti e amminoacidi che aiutano l'incremento della forza,

Verità e Falsi Miti su 3 Principali Alimenti
15 Giugno 2015

Verità e Falsi Miti su 3 Principali Alimenti

Se siete alla ricerca di un po' di chiarezza su ciò che si dovrebbe e non dovrebbe mangiare, ecco quattro falsi miti alimentari comuni che vi guideranno a fare le scelte giuste.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4