Carboidrati : Quali Sono le Funzioni Chiave?

Carboidrati : Quali Sono le Funzioni Chiave?


Biologicamente parlando, i carboidrati sono molecole che contengono atomi di carbonio, idrogeno e ossigeno in rapporti specifici. Ma nel mondo della nutrizione, sono uno degli argomenti più controversi. Alcuni credono che mangiare meno carboidrati sia la strada più giusta per una salute ottimale, mentre altri preferiscono diete con percentuali di carboidrati più alte. Eppure, altri ancora insistono che la strada da percorrere è la moderazione.

Non importa in quali di queste parti del dibattito vi troviate, è difficile negare che i carboidrati svolgano un ruolo importante nel corpo umano. Questo articolo evidenzia quali sono le funzioni chiave dei carboidrati.

I Carboidrati Forniscono Il Corpo Di  Energia


Una delle funzioni principali dei carboidrati è fornire energia al corpo. La maggior parte dei carboidrati presenti negli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in glucosio prima di entrare nel flusso sanguigno.


Il glucosio, una volta entrato in circolazione nel sangue, viene assorbito nelle cellule del corpo e viene utilizzato per produrre una molecola di carburante chiamata adenosina trifosfato (ATP) attraverso una serie di processi complessi noti come respirazione cellulare. Le cellule possono quindi utilizzare l'ATP per alimentare una serie di attività metaboliche.


La maggior parte delle cellule del corpo può produrre ATP da diverse fonti, compresi carboidrati e grassi alimentari. Ma se la propria dieta è composta da un mix di questi nutrienti, la maggior parte delle cellule del corpo, come fonte di energia primaria, preferirà usare i carboidrati [1].


I Carboidrati Forniscono Anche Energia Immagazzinata
Se il corpo ha abbastanza glucosio per soddisfare i suoi bisogni attuali, il glucosio in eccesso può essere conservato per un uso successivo.


Questa forma di glucosio immagazzinata è chiamata glicogeno e si trova principalmente nel fegato e nei muscoli.


Il fegato contiene circa 100 grammi di glicogeno. Queste molecole di glucosio immagazzinate possono essere rilasciate nel sangue per fornire energia in tutto il corpo e aiutare a mantenere normali i livelli di zucchero nel sangue tra un pasto e l'altro.


A differenza del glicogeno epatico, il glicogeno presente nei muscoli può essere utilizzato solo dalle cellule muscolari. Esso è di vitale importanza per l'uso durante lunghi periodi di esercizio ad alta intensità. Il contenuto di glicogeno muscolare varia da persona a persona, ma si aggira circa intorno ai 500 grammi [2].


Nelle circostanze in cui si dispone di tutto il glucosio di cui il corpo ha bisogno e le riserve di glicogeno sono piene, il corpo può convertire i carboidrati in eccesso in molecole di trigliceridi e conservarli quindi come grassi.


I Carboidrati Aiutano A Preservare Il Muscolo



L'immagazzinamento del glicogeno è solo uno dei tanti modi in cui il corpo si accerta di avere abbastanza glucosio per tutte le sue funzioni. Quando manca il glucosio derivante dai carboidrati, anche i muscoli possono essere scomposti in amminoacidi e convertiti in glucosio o altri composti per generare energia.


Ovviamente, questo non è uno scenario ideale, dal momento che le cellule muscolari sono fondamentali per il movimento del corpo. Una grave perdita di massa muscolare è stata associata ad una cattiva salute e ad un più alto rischio di morte [3].


Tuttavia, questa è uno dei modi del corpo di fornire energia adeguata al cervello, il quale richiede un po' di glucosio per l'energia anche durante i periodi di inedia prolungata.


Consumare almeno una parte di carboidrati nella dieta è un modo per prevenire questa perdita di massa muscolare dovuta alla fame. Questi carboidrati riducono la disgregazione muscolare e forniscono il glucosio come energia per il cervello [4].


Altri modi in cui il corpo può preservare la massa muscolare senza carboidrati saranno discussi più avanti in questo articolo.


I Carboidrati Aiutano La Salute Digestiva


A differenza degli zuccheri e degli amidi, la fibra alimentare non viene scomposta in glucosio. Invece, questo tipo di carboidrati passa attraverso il corpo senza essere digerito. Essi possono essere classificati in due tipi principali di fibra : solubile e insolubile.


La fibra solubile si trova nell'avena, nei legumi e nella parte interna dei frutti e in alcune verdure. Mentre attraversa il corpo, questa fibra attinge acqua e forma una sostanza gelatinosa. Questo aumenta il volume delle feci e le ammorbidisce per facilitare i movimenti intestinali.


In una revisione di quattro studi controllati, la fibra solubile ha mostrato di migliorare la consistenza delle feci e aumentare la frequenza dei movimenti intestinali nei soggetti con costipazione. Inoltre, ha ridotto la tensione e il dolore associati ai movimenti intestinali [5].


D'altra parte, la fibra insolubile aiuta ad alleviare la stitichezza aggiungendo massa alle feci e facendo muovere un po' più velocemente il tratto digestivo. Questo tipo di fibra si trova nei cereali integrali, nelle bucce e nei semi di frutta e verdura. Ottenere dalla dieta abbastanza fibra insolubile può anche aiutare a proteggere dalle malattie del tratto digestivo.


Uno studio osservazionale che ha coinvolto oltre 40.000 uomini ha rilevato che una maggiore assunzione di fibre insolubili era associata a un rischio inferiore del 37% di malattia diverticolare, una fastidiosa e dolorosa malattia in cui si sviluppano delle sacche nell'intestino a seguito di tensioni durante i movimenti intestinali [6].


I Carboidrati Influenzano La Salute Del Cuore E Il Diabete


Certamente, mangiare quantità eccessive di carboidrati raffinati è dannoso per il cuore e può aumentare il rischio di diabete. Tuttavia, mangiare molta fibra alimentare può portare benefici al cuore e ai livelli di zucchero nel sangue [7, 8, 9].


Quando la fibra solubile passa attraverso l'intestino tenue, si lega agli acidi biliari e impedisce loro di essere riassorbiti. Per produrre più acidi biliari, il fegato usa il colesterolo che altrimenti sarebbe nel sangue.


Studi controllati mostrano che assumere 10,2 grammi di un integratore di una fibra solubile chiamata Psillio ogni giorno può ridurre il colesterolo LDL "cattivo" del 7% [10].


Inoltre, una revisione di 22 studi osservazionali ha calcolato che il rischio di malattie cardiache era inferiore del 9% per ogni 7 grammi addizionali di fibre alimentari consumate al giorno [11].


Inoltre, la fibra non aumenta gli zuccheri nel sangue come fanno gli altri carboidrati. Infatti, le fibre solubili aiutano a ritardare l'assorbimento dei carboidrati nel tratto digestivo. Questo può portare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue dopo i pasti [12].


Una revisione di 35 studi ha mostrato riduzioni significative di zucchero nel sangue a digiuno quando i partecipanti assumevano integratori di fibre solubili ogni giorno. La fibra ha anche abbassato i livelli di A1c, una molecola che indica i livelli medi di zucchero nel sangue negli ultimi tre mesi [13].


Sebbene la fibra riducesse i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con prediabete, era più potente nelle persone con diabete di tipo 2 [13].


I Carboidrati Sono Necessari Per Queste Funzioni?


Come abbiamo visto, i carboidrati svolgono un ruolo in diversi processi importanti. Tuttavia, il corpo ha modi alternativi per svolgere molte di queste attività senza carboidrati.


Quasi tutte le cellule del corpo possono generare la molecola di carburante ATP dal grasso. In effetti, la più grande forma di energia immagazzinata dal corpo non è il glicogeno: le sue molecole di trigliceridi sono immagazzinate nel tessuto grasso.


Il più delle volte, il cervello usa quasi esclusivamente glucosio come carburante. Tuttavia, durante i periodi di fame prolungata o diete a basso contenuto di carboidrati, il cervello sposta la sua principale fonte di carburante dai corpi di glucosio a corpi chetonici, noti anche semplicemente come chetoni.


I chetoni sono molecole formate dalla scissione degli acidi grassi. Il corpo li crea quando i carboidrati non sono disponibili per fornire al corpo l'energia di cui ha bisogno per funzionare correttamente.


La chetosi si verifica quando il corpo produce grandi quantità di chetoni da utilizzare come energia. Questa condizione non è necessariamente dannosa ed è molto diversa dalla complicazione del diabete incontrollato noto come chetoacidosi.


Utilizzando il glucosio al posto dei chetoni, il cervello riduce notevolmente la quantità di muscolo che deve essere scomposto e convertito in glucosio per produrre energia. Questo cambiamento è un metodo di sopravvivenza vitale che consente all'uomo di vivere senza cibo per diverse settimane.


Tuttavia, anche se i chetoni sono la principale fonte di combustibile per il cervello durante i periodi di fame, il cervello richiede comunque che circa un terzo della sua energia provenga dal glucosio attraverso la disgregazione muscolare e altre fonti all'interno del corpo [14].


Conclusione
I carboidrati svolgono diverse funzioni chiave nel nostro corpo. Essi forniscono energia per le attività quotidiane e sono la fonte principale di combustibile per le elevate esigenze energetiche del nostro cervello.

La fibra è un tipo speciale di carboidrati che aiuta a promuovere una buona salute digestiva e può ridurre il rischio di malattie cardiache e di diabete.

In generale, i carboidrati svolgono queste funzioni nella maggior parte delle persone. Tuttavia, se si sta seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati o il cibo è scarso, il corpo utilizzerà metodi alternativi per produrre energia e alimentare il cervello.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati