(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​Come limitare i Danni a "Cena Fuori"

data di redazione: 06 Novembre 2015
​Come limitare i Danni a

Consigli su come ci dobbiamo comportare se non vogliamo trasgredire

Quante volte vi sarà capitato di seguire scrupolosamente una dieta ma di "sgarrare" andando fuori a cena con amici o con la fidanzata/o?

Cominciamo allora con qualche curiosità.

Uno studio Canadese condotto dalla Mc Gill University di Montreal (Canada) ha analizzato i comportamenti a tavola di 469 persone, sia femmine che maschi.

Non so se è una sorpresa ma ne è venuto fuori che le donne tendono ad eccedere con le Calorie quando pranzano o cenano con le amiche, piuttosto che con gli uomini, e la curiosità è che la quantità aumenta proporzionalmente al numero di amiche riunite.

Al contrario, ad una cena galante preferiscono pietanze più leggere, e un'altro fatto curioso è che i piatti scelti diventerebbero sempre più light con l'aumentare del numero dei maschi seduti.

Dai dati raccolti nella ricerca ne è venuto fuori che, in media, le calorie della cena di una donna a tavola con un uomo sono solo 552, mentre in compagnia di un'amica diventano 655.

Che dire..... cenate con comitive di molti uomini!

Per gli uomini invece è differente.

Il sesso dei commensali è indifferente, ordinano la stessa quantità di cibo.

Come dobbiamo fare allora quando ci troviamo a cena fuori ma non vogliamo "tradire" i sacrifici fatti durante tutta la settimana?

Partiamo dal concetto che qualche piccolo stravizio ogni tanto ci sta, ma osservando qualche piccolo accorgimento possiamo "limitare il danno".

  • Appena vi sedete evitate di spizzicare panini e grissini; in attesa della prima portata bevi dei grandi bicchieri d'acqua, meglio se naturale, quanto meno vi terranno impegnati e contribuiranno a darvi un certo senso di sazietà
  • ordinate un'insalata (ha poche calorie) o, sempre come antipasto, un pinzimonio, o delle verdure bollite o grigliate. Puntate sui carciofi: sono ricchissimi di fibre e di mucillagini e, crudi o cotti, saziano in fretta; in più hanno pochissime calorie (appena 22 per cento grammi di prodotto)
  • masticate molte volte, anche venti volte per boccone; per sentirvi sazi più in fretta e a lungo quindi, masticate a lungo. Quando mastichiamo si instaura un particolare meccanismo neuroendocrino che nel giro di una ventina di minuti, anche a prescindere da quanto si è mangiato, determina la sensazione di sazietà
  • non fatevi tentare da preparazioni con troppi intingoli, optate per qualcosa di semplice
  • se non volete rinunciare al primo possibilimente chiedetene una mezza porzione, ma poi chiaramente evitate grissini, patate e pane
  • come secondo potete scegliere carne o pesce o uova o formaggi (magri) o legumi. Ma non un assaggio di tutto! Evitate quindi il classico piatto di affettati e assaggi di caciotte e poi la grigliata di carne
  • il momento del dolce è il più duro. Per non rimanere "a mani vuote" potete in alternativa chiedere un ananas a fette o una coppetta di frutti di bosco al naturale
  • se siete davvero convinti a non "trasgredire" niente vino, o due dita per brindare
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Cappesante alla Veneziana
31 Dicembre 2014

Cappesante alla Veneziana

Ottima portata di pesce per il cenone di capodanno

Un piatto originario del Veneto da poter proporre durante le festività e che non rientra nei soliti piatti del periodo.

Ultimi post pubblicati

Shop ABC FIT
16 Marzo 2019

Shop ABC FIT

Come Allenarsi Con ABC FIT

ABC FIT è un personal trainer virtuale che redige programmi di allenamento su misura, calibrati a seconda delle esigenze dell'utente, dove un sofisticato algoritmo permetterà di determinare il livello di forma, in ogni momento della vostra preparazione fisica, fornendo un programma di allenamento dettagliato ad un prezzo accessibile a tutti.

Antropometria: Principi Generali
14 Marzo 2019

Antropometria: Principi Generali

Come per un sarto risulta fondamentale, per realizzare un abito su misura, la conoscenza di determinati aspetti fisici del proprio cliente, per l’istruttore una corretta valutazione antropometrica rappresenta uno strumento fondamentale per acquisire tutta una serie di dati che si riveleranno fondamentali per la stesura di un piano di allenamento personalizzato, volto a enfatizzare le potenzialità del cliente colmandone allo stesso tempo eventuali carenze...