(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come prevenire le infezioni respiratorie per chi pratica sport all'aperto, Protezione Totale

data di redazione: 22 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Come prevenire le infezioni respiratorie per chi pratica sport all'aperto, Protezione Totale

Prevenzione delle cosiddette "malattie da raffreddamento" nei periodi invernali

L’attività fisica, intensa e prolungata, causa importanti cambiamenti nel nostro sistema immunitario, incrementando il rischio delle cosiddette malattie da raffreddamento. Queste si manifestano con una serie di sintomi quali mal di gola, tosse, raffreddore, febbre e, a volte, dolori articolari che ci costringono a lasciare la nostra bici in garage e abbandonare gli allenamenti. Queste infezioni sono causate da virus e batteri ospiti delle prime vie aeree che diventano infettivi in concomitanza con l’esposizione ai primi freddi ed ai bruschi sbalzi di temperatura.


Per mantenere sempre in forma il nostro sistema immunitario, pronto a sconfiggere questi agenti esterni, la dieta gioca un ruolo fondamentale. Bere molto (vedi articoli 1 e 2 sull'idratazione) e consumare adeguate porzioni di frutta e verdura è indispensabile per mantenere in equilibrio i nostri sistemi di difesa. Le vitamine ed i sali minerali sviluppano la nostra capacità di resistenza, prima fra tutte la vitamina C, che stimola per l’appunto le difese immunitarie. E’ consigliato quindi il supplemento nutrizionale, sia negli atleti professionisti che amatoriali, nei periodi invernali e di allenamento ad alta intensità, per questo la troviamo nella maggior parte degli integratori per il work-out


Un altro fattore importantissimo per il mantenimento dell’immunità e della capacità difensiva dell’individuo è rappresentato dall’integrità della parte intestinale e da una corretta digestione e regolarità. Più del 70% del nostro sistema immunitario è situato a livello intestinale, ed è proprio a questo livello che possiamo agire con prodotti specifici per sostenere fisiologicamente il sistema immunitario. 


Recenti studi clinici condotti da ricercatori nell’Università americana di Houston, ed in Europa dell’Università di Bratislava, hanno dimostrato che l’efficacia del sistema immunitario dopo un allenamento intenso e prolungato nel tempo decade rapidamente nelle due ore fino alle sei dopo l’esercizio, poi si ripristina gradualmente nelle ventiquattro ore successive. Si crea così un periodo finestra durante il quale gli atleti sono molto suscettibili all’attacco di virus e batteri, aumentano il rischio di ammalarsi per patologie respiratorie con conseguente incapacità di recarsi al lavoro, a scuola e quindi di praticare regolare attività fisica.


Questi studi sono stati condotti su una particolare classe di derivati vegetali, i cosiddetti Beta-Glucani che possiedono importanti proprietà immunostimolanti.


Il più comune, almeno in Italia, prende il nome di Pleuran (Imunoglukan P4H), un glucopolisaccaride (zucchero) isolato dal fungo commestibile del Pleurotus Ostreatus, non metabolizzabile e assorbibile dall’uomo, utilizzabile anche da soggetti allergici e diabetici.  Grazie a questa proprietà risulta in grado, a livello intestinale, di attivare direttamente le cellule del sistema immunitario (leucociti) stimolando la produzione dei mediatori (citochine e altri), con un meccanismo definito di mimetismo molecolare. Come risultato vi è lo sviluppo di azioni immunitarie protettive. L’Imunoglukan si utilizza da settembre a marzo alla dose di 100 mg al giorno. 


Particolare importanza, nell’aumentare le difese del nostro organismo, hanno anche i derivati vegetali più noti quali l’Echinacea Angustifolia, l’Uncaria Tomentosa e il Ribes Nigrum

 

  • Nota fin dall’antichità, l’Echinacea, veniva utilizzata dagli Indiani d’America per le sue proprietà curative sulle malattie da raffreddamento. Questa caratteristica è dovuta a due principi attivi: l’echinacoside con proprietà di antibatteriche ed i polisaccaridi con potente azione attivatrice sulle cellule del sistema immunitario. Si utilizza da settembre a marzo sia in fase preventiva che in fase acuta. La dose dipende dalla formulazione che viene consigliata, affidandosi sempre a professionisti del settore. Non presenta particolari effetti collaterali, se non rari casi di episodi allergici, dermatite, diarrea, nausea e vomito. E’ controindicata nelle malattie autoimmuni, nell’AIDS, nella tubercolosi e nelle malattie con disturbi sistemici progressivi.

 

  • L’Uncaria Tomentosa possiede invece principi attivi con particolare azione sulla replicazione di virus e batteri e su differenti fasi del sistema immunitario. Generalmente si assume alla dose di 300 mg/giorno. Purtroppo presenta la peculiarità di interferire con alcuni livelli ormonali (estradiolo e progesterone) per cui è bene evitarla per lunghi periodi, se si utilizzano contraccettivi, inoltre può interferire con la terapia antipertensiva. In altri soggetti non dimostra effetti collaterali di rilievo. 

 

  • Il Ribes nero, particolarmente apprezzato come frutto di bosco, è invece ricco di sostanze che dimostrano un’importante azione antinfiammatoria e antiflogistica, con un’azione simile al cortisone. Per queste caratteristiche si può associare ai precedenti nei periodi in cui si presentano disturbi articolari oltre che respiratori.


L’associazione di questi ultimi preparati con l’Imunoglukan o altri Beta-glucani, vitamina C e Zinco, risulta importante ed utile tutte le volte che a causa di stress fisici, mentali ed ambientali ci troviamo di fronte ad un calo di difese e conseguenti patologie respiratorie ricorrenti.  Sono tutti utilizzabili da soli o anche in associazione ai farmaci che ci vengono consigliati dal medico o dallo specialista, quali i vaccini antinfluenzali o i lisati batterici utilizzati spesso nelle terapie farmaceutiche di prevenzione.


Bibliografia

Fitoterapia Impiego Razionale delle droghe vegetali Capasso Grandolini Izzo
Efficacy and Safety of Imunoglukan Syrup Strictly Confidential May 2005
Fitoterapia Elservier 2005 401-411 In vivo and in vivo immune stimulating effects of a new std Echinacea Angustifolia
L’integrazione Nutrizionale Di Pierro,Togni,Rapacioli Preparazione Monoingrediente a  base di estratto std Echinacea angustifolia
Pleuran supplementation, cellular immune response and respiratory tract infections in athletes Bergindiova TIbenska Majtan Springer Verlag 2011
Wellmune WGP Reduces Immune Suppression Associated with Strenuous Exercise 2011

 

TRATTO DA "IN BICI MAGAZINE" su gentile concessione.

 

Consigli della Farmacia Del Bivio: Prepararsi al meglio all'inverno

Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Giusto Apporto di Macronutrienti per le Varie Discipline Sportive
13 Marzo 2016

Il Giusto Apporto di Macronutrienti per le Varie Discipline Sportive

Come impostare la propria alimentazione a seconda dell'impegno fisico richiesto dalla disciplina sportiva svolta

Ogni atleta dovrebbe seguire un preciso regime alimentare, che tenga conto del tipo di prestazione che deve svolgere, proprio in ragione del fatto che l'alimentazione riveste un ruolo determinante per l'esito delle prestazioni stesse.

Pane Ezechiele - Proprietà e Benefici
20 Aprile 2016

Pane Ezechiele - Proprietà e Benefici

La maggior parte del pane comprato al supermercato è fatto di cereali raffinati o cereali integrali polverizzati in farina subito dopo l’essiccazione e ben prima della cottura. Il pane Ezechiele invece è composta da sei differenti ingredienti naturali più facile da metabolizzare. Alto contenuto proteico e Basso I.G.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.