(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Smettere di Mangiare in Modo Emotivo

data di redazione: 18 Gennaio 2015
Come Smettere di Mangiare in Modo Emotivo

Mangiare Emotivo significa cibarsi per ottenere una sensazione di piacere – e non perché si ha fame. Un sacchetto di patatine o di biscotti al cioccolato possono fornire sollievo a breve termine quando ci si sente annoiati, soli, ansiosi, frustrato, depressi, arrabbiati o stressati. Ma il mangiare emotivo può anche portare a mangiare troppo ed avere un aumento di peso indesiderato. Gli esperti stimano che il 75% di eccesso di cibo è una risposta alle emozioni.

 

La buona notizia è che si può imparare a sviluppare abilità e modi alternativi per far fronte ai sentimenti di disagio emotivo in modo da evitare di scegliere cibi malsani ogni volta che si è di fronte a un sentimento negativo.

 

Come Identificare il Mangiare Emotivo

 

Quando si sa quale sono le situazioni e le emozioni che spingono a mangiare, è possibile trovare dei modi per evitare quei meccanismi. Queste azioni alimentari, in genere rientrano in cinque categorie principali.

 

1 - Sociale: Essere incoraggiati da altri a mangiare, o mangiare per adattarsi

 

2 - Emozionale: Mangiare in risposta a sensazioni spiacevoli, come la stanchezza e l'ansia , o per riempire il vuoto a causa della solitudine

 

3 - Opinionale: Mangiare a causa di una immagine negativa di sé

 

4 - Situazionale: Mangiare perché l'occasione è lì, come quando si vede un alimento pubblicizzato o quando si passa da una panetteria. Si potrebbe anche mangiare ogni volta che fate determinate attività, come andare al cinema o guardare la TV.

 

5 - Fisiologica: Mangiare in risposta a stimoli fisici, come un mal di testa o un aumentato appetito, perché ad esempio si è saltato un pasto

 

Per scoprire quali sono gli inneschi, tenere un diario alimentare per scriverci cosa e quando si mangia così come ciò che i fattori di stress, pensieri, o emozioni sperimentate portano a mangiarvi. Si dovrebbe cominciare a vedere i modelli abbastanza rapidamente.

 

Come smettere di mangiare emotivo

Con il tempo identificherete un modello dove il mangiare emotivo era diventato un'abitudine. Ora si vuole rompere questa abitudine.

 

Quando si inizia a raggiungere il cibo per mangiare in risposta ad un innesco, provate invece una delle seguenti attività di esempio:

 

  • Leggere un buon libro o una rivista, o ascoltare musica.
  • Andare a fare una passeggiata o fare jogging.
  • Fare un bel bagno rilassante.
  • Fare profondi esercizi di respirazione .
  • Giocare a carte o ad un gioco da tavolo.
  • Parlare con un amico.
  • Fare lavori domestici, lavanderia o giardinaggio.
  • Pulire la propria auto o moto.
  • Scrivere una lettera.
  • Fare qualsiasi altra attività piacevole o necessaria fino a quando la voglia di mangiare passa.

 

Come smettere di mangiare emotivo: Ottenere aiuto

 

A volte lo sviluppo di abitudini alternative o distrarre voi stessi dal mangiare non è sufficiente. Provare la meditazione o parlare con il medico per vedere quali risorse e quali tecniche consigliano per aiutarvi a far fronte con lo stress emotivo.

 

Man mano che si impara a praticare meglio le strategie di benessere e a frenare il mangiare emotivo, ricordatevi di premiarvi. Questo complimentarsi per un lavoro ben fatto, aumenterà la propria autostima e la probabilità che di mantenere le vostre nuove abitudini sane.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Alpinismo e Alimentazione
25 Marzo 2015

Alpinismo e Alimentazione

Cosa mangiare in alta montagna? Un esempio di colazione

Come deve essere l’alimentazione di un alpinista? Prima di affrontare un’escursione è consigliabile fare una buona colazione di tipo europeo  e tià in quota portarsi i cibi giusti per non appesantire troppo lo zaino senza farsi mancare energie e gusto.

Fieno Greco
24 Gennaio 2015

Fieno Greco

I benefici nutrizionali per la salute apportati da questi semi

i semi di fieno greco sono stati usati per curare i problemi digestivi e migliorare la secrezione di latte materno nelle madri che allattavano. Botanicamente, il fieno greco è una piccola pianta leguminosa annuale appartenente alla famiglia delle Fabaceae, del genere: Trigonella. Nome scientifico: Trigonella foenum-graecum. Alcuni dei nomi comuni includono fenugreek, mehti, piede d'uccello, trifoglio greco, etc.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4