Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Esempio di Dieta e Regole da Rispettare per la Definizione Muscolare nel Body-Building

data di redazione: 06 Giugno 2014 - data modifica: 06 Marzo 2016
Esempio di Dieta e Regole da Rispettare per la Definizione Muscolare nel Body-Building

State cercando consigli su come effettuare al meglio una dieta per la definizione muscolare?

Primo consiglio: ridursi alla fine non è mai una buona idea. Se si deve perdere grasso è meglio partire prima, partite almeno con 3 mesi di anticipo della famosa prova costume.

Secondo consiglio: Le diete per funzionare devono essere semplici, funzionali e gestibili (mense, lavoro, famiglia).

Un esempio di dieta per la definizione muscolare semplice potrebbe essere la seguente:

PRIMA FASE DI 4 SETTIMANE

  • colazione: 250 grammi di latte p.s.+ 30 grammi di proteine del siero del latte + nr.10 fette biscottate integrali
  • metà mattino: 250 grammi di yoghurt magro alla frutta
  • pranzo: 150 /200 grammi di pasta o riso
  • metà pomeriggio: 50 grammi di proteine con acqua o latte
  • cena: verdure e carne 200/300 grammi

SECONDA FASE DI 4 SETTIMANE

  • lunedì-martedì-mercoledì: scarica
  • giovedì: ricarica
  • venerdì e sabato: scarica
  • domenica: ricarica

SCARICA

  • Colazione : 250 grammi di latte p.s. + 30 grammi di proteine del siero del latte + nr.10 fette biscottate integrali
  • metà mattino : 250 grammi di yoghurt greco
  • pranzo : verdura mista condita + un secondo piatto a piacere
  • metà pomeriggio : 50 grammi di proteine in acqua
  • cena : 200 grammi di carne o 5 uova + verdura

RICARICA

  • colazione: 250 grammi di Latte intero + nr.10 fette biscottate + miele
  • metà mattino: 2 banane + 250 grammi di yoghurt
  • pranzo: 200 grammi di pasta integrale
  • metà pomeriggio: 30 grammi di proteine del siero del latte + acqua + frutta
  • cena: 150 grammi di riso (a volte una pizza)

Ultime 3-4 settimane

  • lunedì e martedì: scarica
  • mercoledì: ricarica
  • giovedì e venerdì: scarica
  • sabato e domenica: ricarica

LE 10 REGOLE PER RAGGIUNGERE LA GIUSTA DEFINIZIONE MUSCOLARE

1. APPORTARE IL GIUSTO QUANTITATIVO DI CALORIE

Le calorie fornite dai cibi sono molto importanti perché se vi è un difetto non potremmo avere un’adeguata crescita muscolare e se vi è un eccesso, accumuleremo del grasso.

Esistono delle formule abbastanza precise per calcolare il fabbisogno calorico totale che ovviamente dipende dall’età, sesso, attività lavorativa.

Esiste però una formula molto semplice anche se un po’ approssimativa per calcolare il vostro fabbisogno calorico, e consiste nel moltiplicare il vostro peso corporeo per 30 se volete dimagrire; 35 se volete mantenere il peso; 40 se volete aumentare di peso. Per esempio, un individuo di 80 Kg, dovrà moltiplicare 80 X 40 ed il risultato (3.200), sono le calorie che dovrebbero permettere di aumentare la massa muscolare senza ingrassare.

2. APPORTARE LA SUFFICIENTE QUANTITA’ DI PROTEINE

Le proteine sono i mattoni della massa muscolare, sia se volete aumentare la vostra muscolatura, sia se volete definirla, dovete aumentare il consumo di alimenti proteici: carne, uova, pesce, latticini.

Non si possono sviluppare o mantenere adeguate masse muscolari senza un sufficiente apporto di proteine; quelle migliori e più biodisponibili sono quelle di origine animale, ma anche quelle derivate dai legumi non sono da disprezzare.

Come regola generale bisogna consumare almeno 2,5 g di proteine per kg. dipeso corporeo al giorno, il che equivale nel nostro atleta di 80 Kg a 800 calorie sotto forma di proteine, che forniscono per grammo 4 calorie. Quindi, le proteine devono costituire almeno il 25% del totale fabbisogno calorico giornaliero.

3. ELIMINARE GLI ZUCCHERI SEMPLICI A FAVORE DEI COMPLESSI

I carboidrati sono molto importanti per chi pratica sport. Sono difatti la fonte energetica primaria. Se le proteine sono i mattoni, i carboidrati sono i muratori. Secondo voi, per costruire una casa è meglio avere a disposizione muratori forti, ma che si stancano subito, oppure muratori meno forti ma molto resistenti e che lavorano per ore senza stancarsi? Di certo la seconda opzione!

Per lo stesso motivo è meglio preferire i carboidrati complessi che danno energia più duratura rispetto ai carboidrati semplici, i quali invece procurano energia che se non viene sfruttata, fa aumentare il grasso e predispone al diabete. La quantità di carboidrati necessari è di circa 5-6 grammi x Kg corporeo.

4. PREFERIRE I GRASSI INSATURI A QUELLI SATURI

I grassi sono da demonizzare! Sono la calce per il muratore che serve per tenere uniti i mattoni. I grassi sono un elemento indispensabile per le membrane cellulari e per la formazione degli ormoni sessuali.

E’ bene consumare prevalentemente grassi insaturi che hanno un effetto protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari e migliorano la sensibilità all’insulina migliorando l’anabolismo. Consigliabile è circa 1 grammo di grassi per Kg corporeo, scegliendo fonti come: i pesci dei mari freddi del nord ( salmone, sgombro, tonno ) oppure olii di semi come: olio di lino, di sesamo, mais, olio di oliva.

5. FRAZIONAMENTO DEI PASTI

E’ molto meglio frazionare il quantitativo totale dei nutrienti in più dei pasti. Ad esempio: 3 pasti principali e 3 spuntini. Consumando un pasto circa ogni 3 ore, il nostro organismo mantiene un metabolismo più alto e ha, in ogni momento, sempre il giusto quantitativo di nutrienti per ottimizzare la sintesi proteica.

6. CONSUMARE DOPO L’ALLENAMENTO UN PASTO CON PROTEINE DI FACILE ASSIMILAZIONE E ZUCCHERI SEMPLICI

Il momento nel quale sono concessi i carboidrati semplici è dopo l’allenamento, quando servono a ripristinare le riserve di glicogeno nel muscolo. Invece prima dell’allenamento si corre il rischio di causare una successiva ipoglicemia da iperstimolo che danneggia la performance.

Abbiamo già detto come le proteine siano importanti per la costruzione muscolare. Dopo un duro allenamento è il momento più importante per fornire proteine ad alto valore biologico, per rifornire subito il muscolo che le capta immediatamente per poi crescere. Le proteine del siero sono l’ideale perché facilmente assimilabili e ricche di aminoacidi ramificati.

7. INTEGRATORI

Non esiste di certo e non bisogna nemmeno cercare la pillola magica, ma esistono degli integratori che possono aiutare molto. Ma se dovessi ulteriormente restringere la scelta vi consiglierei senz’altro la creatina. Questo integratore è eccezionale per l’aumento di forza e massa muscolare.

Tre-sei grammi al giorno sono sufficienti per garantire ottimi risultati. Da assumere prima e dopo l’allenamento. Altro integratore da non far mancare assolutamente è un buon complesso multivitaminico e multiminerale ricco di antiossidanti.

Vitamine e minerali di per sé non vi faranno subito aumentare di forza e massa muscolare, ma sono indispensabili per il corretto funzionamento di tutti i processi biochimici dell’organismo.

Inoltre gli antiossidanti vi proteggono dai danni da radicali liberi che purtroppo sono prodotti in gran quantità durante gli allenamenti intensi e che danneggiano le cellule dell’organismo.

8. BERE ALMENO 2-3 LITRI DI ACQUA AL GIORNO

Spesso si dimentica che il nostro organismo è costituito per circa il 75% di acqua, e quindi l’acqua è l’elemento plastico per eccellenza. Infatti le cellule muscolari ben idratate hanno una maggiore sintesi proteica.

Inoltre è fondamentale un buon apporto idrico per drenare attraverso i reni il maggior quantitativo di scorie azotate prodotte da un’alimentazione iperproteica.

E’ consigliata l’acqua oligominerale non gassata e di bassa durezza. Non è vero che non bisogna bere ai pasti!

Semplicemente non bisogna bere troppo per non diluire eccessivamente i succhi gastrici. Non è vero che non bisogna bere durante l’allenamento, anzi, è molto meglio assumere una bevanda leggermente zuccherina ed isotonica; l’importante è che non sia fredda.

9. NON BERE ALCOLICI E BEVANDE GASSATE

Le bevande alcoliche contengono calorie vuote che non riescono ad essere utilizzate a scopo energetico dinamico e che vengono facilmente convertite in grasso.

Le bevande gassate, favoriscono la dilatazione dello stomaco e tendono a limitare l’assunzione di altre bevande come l’acqua naturale, che è invece importante assumere in grandi quantità.

10. UNA VOLTA ALLA SETTIMANA STATE LIBERI

Concedetevi una volta alla settimana un pasto o un’intera giornata di dieta libera, ad esempio la domenica.

E’ un buon sistema per non sentirsi troppo schiavi di un regime alimentare forse troppo monotono, permette le relazioni sociali e dà una sferzata al metabolismo. Inoltre, dopo un giorno di trasgressione si torna più volentieri nelle regole che non sembrano più così sgradevoli.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

I Benefici del Pesce per L’Incremento della Massa Muscolare
31 Ottobre 2015

I Benefici del Pesce per L’Incremento della Massa Muscolare

Il pesce è un ottima fonte proteica per il bodybuilding, pur essendo più costoso di altre fonti proteiche (formaggi magri, pollo, tacchino), il pesce ha caratteristiche nettamente inferiori, in quanto a parità di proteine fornite è meno grasso e calorico.

Le 17 Migliori Bevande Per Perdere Grasso
23 Marzo 2018

Le 17 Migliori Bevande Per Perdere Grasso

Le bevande tendono ad avere meno calorie del cibo solido, ma possono anche contenere composti e principi attivi unici che stimolano il metabolismo, migliorano la digestione, sopprimono gli ormoni della fame e dell'equilibrio, tra le altre funzioni del corpo.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.