(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Cosa Acquista un Vegano Quando va a Fare la Spesa

data di redazione: 11 Marzo 2016
Cosa Acquista un Vegano Quando va a Fare la Spesa

Una veganista vi rivela come fare la spesa per rendere l'alimentazione più varia

Quando rivelo la mia condizione di veganista, vedo nello sguardo dei miei interlocutori una sorta di benevola compassione.

Vi sembrerà un paradosso, ma devo ammettere che mai come ora la mia alimentazione è varia, abbondante e soprattutto creativa.

Posso senza dubbio dire che cucinare alla maniera vegana è un arricchimento, ed il gusto è sempre messo in primo piano. Di norma, le ricette preferite si possono facilmente, passatemi il termine, “veganizzare”, latticini e uova possono essere facilmente sostituiti senza per questo andare a discapito della bontà del risultato.

Scelsi di diventare vegana per una questione etica, ma apprendendo continue informazioni su come questo tipo di alimentazione sia benefica per la salute, posso dire a tutt'oggi, che pongo sullo stesso piano il fattore etico e quello salutista.

Detto ciò, è quasi superfluo aggiungere che il 90% del cibo che mangio è biologico, perché è perfettamente inutile orientarsi su una alimentazione "sana", cibandosi di prodotti colmi di veleni vari.

Volete sapere cosa compra un vegano quando va a fare la spesa?

Sicuramente penserete che il suo frigorifero sia tristemente vuoto, magari si intravede una carota, un broccoletto di bruxelles, con qualche foglia di insalata che fa capolino…

Niente di più sbagliato.

Partiamo da DOVE si possono fare gli acquisti più sicuri:

Prima cosa: per quanto riguarda la frutta e verdura, la cosa migliore sarebbe meglio andare direttamente dal produttore, accertarsi che sia provvisto di certificazione.

Ortaggi e Verdura

Vi consiglio di acquistare frutta e verdura di stagione, quindi , visto che siamo ancora in inverno cosa c'è di meglio che mettere sulla tavola cavolfiore, broccoli, verza, bietole gialle e rosse, qualche carciofo, gli immancabili finocchi (ottimi sia cotti che in pinzimonio), carote e sedano, un mazzetto di cipolline fresche, qualche pezzo di topinambur, radicchi da taglio (bianchi e rossi ), e per finire… due cavoli-rapa.


Frutta

Anche con la frutta ci si può sbizzarrire perché in inverno ci sono tutti i tipi di mele e pere e non dimentichiamoci di comprare arance, mandarini e limoni ricchi di vitamina C.

Altri prodotti, sostituti della carne e del pesce

Ma solo frutta e verdura non sono sufficienti per il nostro fabbisogno, quindi a questo punto non ci resta che recarci in uno di quei bei negozi specializzati per chi segue un'alimentazione vegana e dove possiamo trovare alimenti che sostituiscono la carne, come il seitan (al naturale o alla piastra ), panetti di tofu, e una bella confezione di Mopur affettato, se mai avessimo voglia di farci un panino imbottito.

Altri alimenti indispensabili sono i legumi che si possono facilmente trovare anche al supermercato in scatola : biologici e certificati.

Non solo sale

Seitan e tofu sono molto buoni solo se ben conditi, quindi nella borsa della spesa non potranno mancare le spezie che insaporiranno i vostri piatti dando un tocco esotico senza contare le molteplici proprietà benefiche che apportano.

Curcuma, paprika, curry, peperoncino, cumino, zenzero, zafferano ecc. andranno a riempire la nostra dispensa.

Niente più latte per colazione?

Certo che sì! Andando semplicemente al supermercato troviamo tutti i tipi di latte vegetali e biologici: soia, avena, mandorla, riso, cocco... c'è l'imbarazzo della scelta, è impossibile non trovarne uno di proprio gusto; personalmente al momento uso quello di riso, ma è bene alternarli.

Aggiungo nel carrello due pacchi di spaghetti integrali e uno di penne ed una bottiglia di sugo al pomodoro (biologico).

Succede anche di non avere tempo di cucinare. Niente paura perché c'è una vasta scelta di deliziosi prodotti vegani già pronti e biologici.

Non posso tralasciare una confezione di burro di soia, una tavoletta di cioccolato rigorosamente fondente, almeno al 75%.

Dessert vegani in tavola

I peccati di gola sono gratificanti, perciò mi gratifico con due cannoli vegani alla crema!

Penso di essere stata esauriente e soprattutto avervi fatto capire quanto non sia triste essere vegani.

Conclusioni

Assicuro i miei numerosi lettori, che i miei piatti sono belli colorati, molto gustosi e soprattutto sani, nulla da invidiare all’alimentazione tradizionale.

Potrebbe interessarti anche

Perché la Vostra Dieta Non Funziona?
20 Giugno 2017

Perché la Vostra Dieta Non Funziona?

Se avete seguito una dieta ad un certo punto nella vostra vita avrete notato che c'è un punto in cui si smette di perdere grasso.

Dieta Dukan
01 Ottobre 2014

Dieta Dukan

Un piano alimentare usato per la perdita di peso

La dieta Dukan ormai è diventata una dieta per dimagrire scelta in tutto il mondo. J-Lo è stata una delle prime celebrità ad annunciare di aver usato la dieta Dukan per perdere peso agli albori della diffusione. Da allora la dieta, che è disponibile come libro, si è diffusa a macchia d'olio. Molti che l'hanno provata dicono di aver avuto successo nel dimagrire. La dieta Dukan è stata sviluppata da un nutrizionista francese, il dottor Pierre Dukan. Questa dieta è stata popolare in Francia per molti anni prima di essere tradotta in lingua inglese.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4