(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dieta a Zona per Dimagrire a 40 anni

data di redazione: 26 Settembre 2017 - data modifica: 01 Ottobre 2017
Dieta a Zona per Dimagrire a 40 anni

La dieta a zona è il metodo alimentare studiato dall’americano Barry Sears che tende a raggiungere, attraverso l’uso bilanciato del cibo, uno stato di salute ottimale. All'inizio questo regime alimentare era stato concepito per individui cardiopatici e diabetici, ma visti gli effetti dimagranti, ha incontrato un graduale successo nel campo delle diete.

Questo tipo di dieta, non può essere seguito per 3 mesi, ritornando poi agli sbagli che si facevano in precedenza, deve diventare una sorta di stile di vita. La dieta a zona ha come caposaldo il controllo del consumo dei carboidrati, la dieta Zona propone un 40% delle calorie totali giornaliere da carboidrati (da ricavare per lo più da frutta e verdura), mentre la dieta mediterranea ha un apporto del 60% o più sotto forma di cereali integrali, pane, pasta, legumi ecc.

Barry Sears non fa distinzione tra zucchero o amidi, sono considerati tutti alla stessa stregua:

  • Alzano la glicemia
  • E quindi alzano l’insulina
  • Favoriscono l’infiammazione che causa invecchiamento, obesità e malattie cardiovascolare.

COME FUNZIONA LA DIETA A ZONA IN SINTESI

La Zona utilizza il metodo a blocchi, delle semplici unità per definire i pasti più facilmente.

    - 1 blocco è composto da 1 blocchetto di Proteine + 1 di Grassi + 1 di Carboidrati.
    - 1 blocchetto di proteine è dato da 7g di proteine, contenute ad esempio in  30g di petto di pollo oppure 30 grammi di proteine in polvere oppure in 25 grammi di parmigiano reggiano.
   - 1 blocchetto di carboidrati è dato da circa 9g di carboidrati, contenuti ad esempio in 100-150 g di frutta oppure 13g di pasta.
   - Un pasto principale: una colazione, un pranzo o una cena solitamente sono composti da 3, 4 sino ad un massimo di 5 blocchi, a seconda del fabbisogno dell'utente.

La dieta zona viene considerata da molti un metro personale per determinare quanto cibo bisogna effettivamente introdurre a seconda del proprio livello di forma, del fabbisogno relativo al lavoro svolto ed attività fisica sostenuta. Come si fa a determinare il proprio fabbisogno di blocchi giornaliero? Cliccando nel seguente link, avrete la possibilità di determinare la vostra percentuale di massa grassa e altri fattori utili per stilare una propria dieta personale.

CALCOLO DELLA MASSA GRASSA E FABBISOGNO DI BLOCCHI GIORNALIERO

Entrando nel link appena postato, potrete determinare la vostra percentuale di grasso ed il vostro fabbisogno di blocchi giornaliero. Facciamo un esempio pratico:

MARIO

ETA' - 41 anni

VITA - 102 cm

POLSO - 17 cm

PESO - 78 Kg

ALTEZZA - 168 cm

COLLO - 41 cm

LAVORO - IMPIEGATO

ATTIVITA' FISICA - MEDIA (indice 1,7)

Mario inserendo questi dati, nell'apposito calcolatore, ha scoperto di essere in sovrappeso, in quanto i risultati sono i seguenti:

28,8% di MASSA GRASSA

94,3 FABBISOGNO PROTEICO

13.5 BLOCCHI A ZONA

Da questi valori Mario può redigersi un regime a zona da 13,5 blocchi al giorno. 


DIETA A ZONA DA 13.5 BLOCCHI AL GIORNO


08:00 colazione

  • 1 caffè
  • 200ml latte bianco, parzialmente scremato (1mbC, 1mbP, 1mbG)
  • 30 gr. fiocchi d’avena (2mbC, 0.5mbG)
  • 40 gr. Bresaola (2mbP)
  • 7.5 gr. Nocciole (1.5mbG)

12:30 pranzo

  • 40 gr. Pane integrale (2mbC)
  • 260 gr. Spinaci (1mbC)
  • 60 gr. Uva (1mbC)
  • 120 gr. Tacchino (4mbP)
  • 4 cucchiaini di olio (4mbG)

16:30 merenda

  • 30 gr. Pane integrale (1,5 mbC)
  • 30 gr. Bresaola (1,5 mbP)
  • 7 gr. Crema di nocciole (1,5 mbG)

20:00 cena

  • 350 gr. Cavolfiori (1mbC)
  • 40 gr. Pane integrale (2mbC)
  • 100 gr. Kiwi (1mbC)
  • 35 gr. Sottiletta Light (1mbP, 1.5mbG)
  • 90 gr. Prosciutto cotto (3mbP, 1.5mbG)
  • 1 cucchiaini di olio (1mbG)  

22,30 spuntino

  • 115 gr. Arancia (1mbC)
  • 20 gr. Bresaola (1mbP)
  • 5 gr. Mandorle dolci (1mbG)

LINEE GUIDA SEMPLICI SU COSA CONSUMARE

Se la dieta appena redatta è troppo complicata, qui di seguito vi daremo delle comode linee guida semplici da seguire, per mettere in atto il vostro piano alimentare da 13/14 blocchi.

Consigliamo di adottare:

  • Colazione da 3 blocchi
  • Pranzo da 4 blocchi
  • Cena da 4 blocchi
  • 2 spuntini da 1 blocco

Colazione 3 blocchi

  • toast con 2 fette di pan carrè integrale con 60 grammi di prosciutto cotto e 30 grammi di fontina
  • the verde senza zucchero

Spuntino 1 blocco

  • barretta a zona da 1 blocco

Pranzo 4 blocchi

  • Insalata di pasta
  • 90 grammi di tonno sgocciolato in acqua
  • 30 grammi mozzarella
  • 60 grammi di pasta pesata a crudo (120 cotta)
  • pomodorini pachino (3-4)
  • 1 cucchiaio di olio e.v.o.
  • qualche cappero
  • mezzo spicchio di aglio
  • peperoncino

Spunto 1 blocco

  • 25 grammi parmigiano
  • 1 pera piccola
  • 2-3 noci

Cena 4 blocchi

  • insalata di pollo
  • 120 grammi di pollo grigliato e tagliato in dadolata
  • insalata lattuga a volontà
  • 1 cucchiaio di olio e.v.o.
  • cipolla
  • pomodoro
  • cetriolo
  • 30 grammi di pane 

Un modo per ritornare in forma attraverso l'alimentazione e l'allenamento. Consigliamo tre allenamenti a settimana da effettuarsi a giorni alterni, un mix di allenamento anaerobico (pesi) ed aerobico (corsa, bicicletta). Non esagerate con l'allenamento aerobico, bastano 15-20 minuti dopo l'allenamento pesi.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dieta Dissociata Scandinava per Aumentare le riserve di Glicogeno Intramuscolare
02 Ottobre 2014

Dieta Dissociata Scandinava per Aumentare le riserve di Glicogeno Intramuscolare

Come incrementare le riserve energetiche nelle gare di resistenza

Il principio è il seguente: Come due pasti distanti da loro portano prima ad mancanza e successivamente ad una scorta di calorie, questa dieta creerà dapprima una mancanza di glicogeno per porre le condizioni favorevoli ad una riserva attiva di glicogeno. Il tutto porterà ad una “ipercompensazione”  dell'organismo e dunque ad un aumento delle riserve di glicogeno intramuscolare.

Dieta Militare di 3 Giorni
08 Dicembre 2018

Dieta Militare di 3 Giorni

La dieta che stima di far perdere fino a 4,5 kg a settimana

La dieta militare, chiamata anche dieta 3 giorni, è una dieta per la perdita di peso veloce basata su un piano alimentare a basso contenuto calorico. Si è affermata perché aiuterebbe a far perdere anche 4,5 kg in una settimana.

Ultimi post pubblicati

Scheda Di Allenamento Con Serie e Ripetizioni Variabili
25 Aprile 2019

Scheda Di Allenamento Con Serie e Ripetizioni Variabili

Negli Stati Uniti D'America sta andando di moda l'allenamento con i dadi. L'allenamento con i dadi? Certo usano i dadi per determinare il numero di serie e ripetizioni di un determinato allenamento, in modo da rendere sempre nuovo e stimolante l'allenamento del giorno.

Come Farsi Una Scheda Da Soli
25 Aprile 2019

Come Farsi Una Scheda Da Soli

Oggi giorno, nonostante internet, workshop, libri, riviste, moltissime persone vanno in palestra senza un programma, improvvisano esercizi, copiano altri avventori con il risultato finale di allenarsi in maniera pessima, se non deleteria.