Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dieta Anti-Caldo

data di redazione: 12 Luglio 2016
Dieta Anti-Caldo

Durante i mesi più caldi dell'anno anche la nostra alimentazione deve seguire alcuni accorgimenti importanti. Non sono molti, ma sono fondamentali per mantenere il nostro organismo "fresco" e idratato in modo da contrastare l'afa a partire dalla tavola.

La nostra alimentazione durante i mesi più caldi deve quindi abbondare di vegetali freschi di stagione, che frenano l'accumulo di tossine e i processi di ossidazione cellulare. Essendo molto ricchi di acqua, vitamine e sali minerali, il fabbisogno di frutta e verdura aumenta, nella stagione più calda, a causa delle elevate perdite tramite la maggior sudorazione.

Ecco perché è consigliabile consumare almeno 3 porzioni di frutta e verdura cruda al giorno. Per quanto riguarda la tipologia della frutta e verdura da consumare, è bene scegliere i prodotti stagionali che saranno sicuramente più sani, genuini e soprattutto buoni al palato.

L'acqua merita un discorso a parte, perché non solo costituisce il 60% del nostro corpo, ma è anche il mezzo con cui avvengono tutti i processi che permettono alle cellule di conservarsi e riprodursi. Per questo motivo consigliamo nei mesi estivi di bere almeno 2 litri di acqua al giorno da sommarsi alla frutta e verdura.

ESEMPIO DI DIETA ESTIVA

Colazione

  • te verde non dolcificato
  • yogurt greco bianco
  • nocciole tritate oppure noci oppure mandorle (1 pugno)
  • 1 frutto grande (pesca, mela o banana)
  • 2-3 frutti piccoli (albicocche, susine, fragole)
  • muesli (1 pugno)
  • 1 cucchiaio di miele

Spuntino

  • Centrifuga di sedano, pesca e menta (2-3 foglie), albicocca, zucchina eventualmente dolcificato con la stevia

Pranzo

  • Insalata di riso con pomodori ciliegia, basilico
  • mozzarella a dadini
  • olio extra vergine di oliva
  • cipolline, cetriolini, olive
  • pizzico di peperoncino

Spuntino

Cena

  • Insalata mista con:
  • Lattuga, valeriana, rucola, radicchio
  • pomodori biologici da insalata
  • Cipolla Tropea
  • Tonno al naturale
  • Capperi
  • olive
  • pizzico peperoncino
  • olio extra vergine di oliva
  • cetrioli freschi
  • aceto se piace o limone
  • 80-100 grammi di pane

Consigliamo di bere acqua in modo costante durante tutto l'arco della giornata evitando enormi quantità in poche occasioni. Con il caldo, cercate anche di evitare gli alcolici, come ad esempio la birra o il vino.

IL GELATO IN ESTATE?

Da una ricerca scientifica emerge che il momento della giornata preferito dagli italiani per gustare un buon gelato è durante il pomeriggio, come spuntino, per gli adulti, e merenda, per bambini e ragazzi (62%). A seguire troviamo il gelato consumato la sera dopo cena (40%) e come dessert (13%). Mentre il 7% degli italiani durante la bella stagione sceglie di consumare un gelato come sostituto del pasto a pranzo.

Artigianale o Industriale?

Bisogna distinguere innanzitutto tra gelato artigianale e industriale: il primo è composto da materie prime fresche, con una fase di incorporatura dell’aria lenta, che raggiunge il 30 – 50% del volume del composto. Non è possibile produrre gelato di qualità senza utilizzare alcuni additivi (che non sono nocivi), come la farina di semi di carrube come addensante.

Il gelato industriale, invece, contiene latte in polvere, oli vegetali, e additivi come coloranti, emulsionanti, stabilizzanti e aromi. Solitamente è più soffice e voluminoso perché contiene più aria, ma dipende dalla marca. In generale quindi, non vi è paragone fra la qualità del gelato artigianale e quello industriale ma, attenzione, si possono anche trovare gelati artigianali di bassa qualità: a volte, infatti, quest’ultimo può esser prodotto utilizzando una base liofilizzata alla quale si aggiunge acqua o latte e , spesso, proprio queste basi vengono realizzate con gli stessi ingredienti del gelato industriale.

Abbiamo inserito il gelato nel pomeriggio perché a nostro avviso è la miglior merenda per raffrescare il nostro corpo dandogli altresì nutrimento. Ovviamente sono da preferire i gusti alla frutta con frutta fresca, da poter far anche a casa; e per gli amanti dei muscoli, potete fare dei comodi milk shake con proteine in polvere, gelato fatto in casa, e latte.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Gli 8 Atleti Vegetariani più Famosi al Mondo
12 Giugno 2015

Gli 8 Atleti Vegetariani più Famosi al Mondo

Lo Sapevate che Moltissimi Campioni sono Vegetariani?

Ci sono tanti pluricampioni che, contravvenendo a qualsiasi luogo comune sull’alimentazione degli sportivi, scelgono di seguire una dieta a base vegetale o semi vegetale. Vediamo chi sono ed i motivi che li hanno spinti a tale scelta.

Consigli per l'Alimentazione Pre Gara negli Sport da Combattimento
08 Maggio 2017

Consigli per l'Alimentazione Pre Gara negli Sport da Combattimento

L'alimentazione dell'atleta combattente impegnato in una competizione è sempre stata e rimane tutt'ora una sfida per le nostre conoscenze alimentari e medicina sportiva.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.