(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dieta Prevenzione Alzheimer

data di redazione: 04 Aprile 2015
Dieta Prevenzione Alzheimer

Scopri gli alimenti che possono aiutare a prevenire la malattia

Cos’è il morbo di Alzheimer?

È una malattia neurodegenerativa cronica che di solito inizia lentamente e peggiora nel tempo. Il sintomo precoce più comune è la difficoltà nel ricordare eventi recenti (perdita di memoria a breve termine).  Con l'avanzare della malattia, i sintomi possono includere: problemi con la lingua, disorientamento (tra cui facilmente perdersi), sbalzi d'umore, perdita di motivazione, scarsa cura di sé, e problemi comportamentali.

 

Secondo una nuova ricerca una dieta può aiutare a tenere a bada la malattia di Alzheimer. Scopri quali alimenti possono aiutarci a vivere una vita lunga e quali sono invece quelli da mangiare con moderazione…

 

Dieta sana, cervello sano

Mangiare bene potrebbe essere il segreto per prevenire il morbo di Alzheimer, dice uno studio pubblicato sulla demenza di Alzheimer in:” The Journal of the Alzheimer's Association”.

 

I ricercatori hanno esaminato le abitudini alimentari di oltre 900 pensionati da oltre 10 anni. Coloro che inavvertitamente hanno seguito una “dieta per un cervello sano” (non gli si era detto esplicitamente di mangiare determinati alimenti) ha abbassato il rischio di contrarre il morbo di Alzheimer del 53 per cento (quelli che hanno seguito strettamente la dieta) e del 35 per cento (quelli che hanno seguito una dieta non proprio sana ma che si avvicinava a determinati canoni).

Qual è la dieta “cervello sano” di cui abbiamo appena parlato?”. È essenzialmente un mix della dieta mediterranea e della dieta DASH (entrambi combattono le malattie cardiovascolari). Questa dieta promuove cibi come verdure a foglia, ortaggi, noci, frutti di bosco, fagioli, cereali integrali, pesce, pollame, olio d'oliva e vino, insieme ad alcuni cibi un po’ meno sani come carne rossa, burro, formaggi, dolci e caramelle, e fritti o fast food assunti con moderazione.

 

Gli esperti hanno sviluppato la dieta dopo i risultati della ricerca sugli effetti che il cibo ha sul cervello: "La dieta è ricca di un certo numero di sostanze nutritive che hanno dimostrato di ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione e proteggere i neuroni, proteine sinaptiche, e DNA", spiega l'autore dello studio Martha C . Morris, professore della Rush University, il creatore della “Dieta del Cervello”.

 

Siete pronti a cibare la vostra acutezza mentale? 

Ecco la vostra giornata tipica della “Dieta del Cervello”

La giornata alimentare tipo comprende 

  • tre porzioni di cereali integrali, 
  • un insalata con verdure, 
  • noci, 
  • e un bicchiere di vino.

Fagioli, pollame, frutti di bosco, e pesce anche fare parte della dieta però solamente un paio di volte a settimana. 

Anche se gli alimenti non sani non sono vietati, ricordate che sono sempre “border line” quindi vanno assunti con moderazione: ad esempio le patatine fritte possiamo concedercele un paio di volte al mese.

 

I ricercatori hanno scoperto che più a lungo si segue una dieta simile a quella “del Cervello”, più la prevenzione del morbo di Alzheimer è maggiore. 

Quindi via libera a cereali e verdure, per arrivare a 85 anni in splendida forma!

 

Buon allenamento da ABC

 

 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Dieta Dissociata Scandinava per Aumentare le riserve di Glicogeno Intramuscolare
02 Ottobre 2014

Dieta Dissociata Scandinava per Aumentare le riserve di Glicogeno Intramuscolare

Come incrementare le riserve energetiche nelle gare di resistenza

Il principio è il seguente: Come due pasti distanti da loro portano prima ad mancanza e successivamente ad una scorta di calorie, questa dieta creerà dapprima una mancanza di glicogeno per porre le condizioni favorevoli ad una riserva attiva di glicogeno. Il tutto porterà ad una “ipercompensazione”  dell'organismo e dunque ad un aumento delle riserve di glicogeno intramuscolare.

Dieta a Zona di un BodyBuilder di 95 Kg
01 Ottobre 2017

Dieta a Zona di un BodyBuilder di 95 Kg

Come Raggiungere una Bassa Percentuale di Grasso con la Dieta a Zona

La dieta a zona è stata ideata dal Dottor Barry Sears, biochimico americano specializzato nel controllo delle risposte ormonali attraverso la dieta.

Ultimi post pubblicati

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE
17 Febbraio 2019

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE

Consigli sugli errori da non fare e gli accorgimenti da adottare

Le gomitate sono un tema scottante per la difesa personale, e se vuoi dei consigli per tirarla in modo efficace trovi un video esplicativo in coda all’articolo.

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero
17 Febbraio 2019

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero

Il digiuno, la riduzione o l'astinenza dal consumo di cibo, è una pratica alimentare che è stata usata fin dall'antichità per vari scopi: religiosi, sanitari e fisici finalizzati a migliori performance in combattimento. La Warrior Diet o dieta del guerriero (avente similitudini con la Paleo Diet) nasce a seguito di uno studio delle abitudini alimentari dei guerrieri dell'antica Roma, e in generale degli uomini dell'età della pietra.