(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Dieta del Gruppo Sanguigno e la Paleo Diet Fanno Bene?

data di redazione: 28 Febbraio 2016
La Dieta del Gruppo Sanguigno e la Paleo Diet Fanno Bene?

Analisi di 2 Tipi di Dieta Noti nel Mondo delle Palestre

Spesso i modelli estetici prodotti dalla televisione, dal cinema e dalle riviste di moda portano anche chi non ne avrebbe bisogno ad intraprendere diete eccentriche, spesso non proprio "salutari".

Certo, essere in forma, muscolosi e snelli piacerebbe a chiunque, e specie in certi periodi dell'anno come in estate, sarebbe il massimo poter avere la famosa "tartaruga" o nel caso delle donne le curve giuste e nemmeno un filo di cellulite. Questi fattori interessano a tutti, anche a chi dice il contrario.

Puntare al miglioramento è giusto, il problema è che troppo spesso questi obiettivi portano "l'inesperto" ad intraprendere diete fai da te che poi si rivelano nocive tanto quanto i chili di troppo, se non peggio.

Ognuno di noi infatti, richiede un regime alimentare specifico che deve essere costruito tenendo conto:

  • del peso
  • dell'età
  • del sesso
  • dal tipo di attività fisica e dalla frequenza di sedute settimanali di allenamento
  • dalle eventuali malattie

Non siamo tutti uguali, c'è chi ha un maggiore fabbisogno energetico perché conduce una vita sportiva intensa, tipo un agonista, uno sportivo amatoriale che pratica allenamento pesi ed arti marziali, oppure condizioni particolari come la gravidanza o l'allattamento.

Insomma, non dobbiamo mai sostituirci ai nutrizionisti o al dietologo, che valuteranno in maniera obiettiva il nostro peso ideale e ci insegneranno ad avere il giusto "comportamento" a tavola ed in cucina, e ci aiuteranno di conseguenza a seguire una dieta bilanciata e sana, tenendo conto delle nostre condizioni generali di salute.

Oggi vanno molto di moda:

  1. LA DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO
  2. LA PALEO DIET

la domanda è: " Faranno Bene?", vediamo di entrare nel merito del discorso.

LA DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO

Questa dieta è opera di Peter D'Adamo, ed è basata sull'eliminazione di determinati alimenti in base al proprio gruppo sanguigno. La compatibilità di un alimento con il gruppo sanguigno viene determinata dal suo contenuto di determinate proteine, che sono le lectine.

Se queste sono incompatibili con il gruppo sanguigno aggrediscono i globuli rossi, con conseguenti azioni negative. Questa dieta quindi è basata sulla teoria che i fabbisogni nutrizionali del soggetto sono direttamente correlati al proprio gruppo sanguigno.

Vediamo allora le differenze fra i vari gruppi sanguigni:

GRUPPO "AB"

Secondo questa dieta con questo gruppo sanguigno si possono consumare con moderazione tutti i cibi, senza eccedere con i latticini. Sono consigliate in questo caso attività fisiche leggere

GRUPPO "A"

La dieta in questo caso dovrebbe essere particolarmente ricca di alimenti vegetali e cereali. Il consumo di carne in questo caso dovrebbe essere limitato e l'attività sportiva non dovrebbe essere troppo impegnativa

GRUPPO "B"

Questo gruppo sanguigno sconsiglia solo i cibi ricchi di conservanti e di zuccheri semplici; l'attività fisica anche in questo caso non dovrebbe essere troppo pesante

GRUPPO "0"

Chi fa parte di questo gruppo sanguigno invece dovrebbe evitare i latticini, le leguminose e i cereali, pane, pasta e riso. Chi rientra in questa categoria dovrebbe svolgere quotidianamente attività fisica, anche impegnativa

Questa dieta consiglia nei diversi gruppi di eliminare in modo molto mirato alcuni gruppi alimentari, a nostro avviso una scelta poco raccomandabile. Variare gli alimenti è la base di una buona alimentazione, mentre questo stile alimentare limita in modo drastico le alternative.

LA PALEODIETA

Questa dieta dal nome particolare è "un'idea" del Professor Loren Cordain, un docente di scienze motorie; questo regime alimentare è basato sull'alimentazione che l'uomo primitivo seguiva ancor prima di scoprire l'agricoltura.

È iperproteica, basata sul consumo regolare di carni magre, di pesce, in particolare pesci medio-piccoli, frutti di mare, frutta secca, verdura e frutta fresca.

Questa dieta prevede l'assunzione di quantità moderate di lipidi e l'eliminazione di cereali (pasta, riso, cereali in chicco, pane, farine, ecc..), e degli zuccheri raffinati, delle patate, dei legumi, dei latticini e di tutti i cibi industriali.

Se lo osserviamo da un punto di vista nutrizionale notiamo che questo regime alimentare è squilibrato, perché il rapporto fra carboidrati e proteine è sbilanciato rispetto ai fabbisogni di riferimento.

Le proteine, inoltre, derivano unicamente da alimenti di origine animale, per cui è molto facile superare il livello massimo di assunzione giornaliera di colesterolo.

Viene naturale pensare come sia possibile adottare questo regime alimentare al giorno d’oggi visto che siamo nel ventunesimo secolo e quindi viene meno sia il contesto del mondo paleolitico sia la necessità dell’uomo di reperire cibo per il suo sostentamento.

Questo regime alimentare ha offerto anche benefici come:

  • Riduzione dell’obesità
  • Riduzione delle malattie cardiovascolari
  • Riduzione dell’insorgenza del diabete

Che sono diventate ormai una vera emergenza sanitaria in tutto il mondo industrializzato

La dieta paleolitica è però troppo drastica, in quanto vengono "bannati" moltissimi prodotti salutari quali frutta e alcuni tipi di verdura.

Un lato negativo ma essenziale di questa tipologia di dieta è la totale eliminazione di cereali, pane, zuccheri complessi come dolci e pasta che porterà all’ottenimento di un effetto dimagrante entro pochi giorni dall’inizio della paleo dieta ma che proprio per la sua drasticità risulterà in seguito molto difficile da mantenere, l’organismo ne potrebbe risentire tanto da ottenere l’effetto contrario.

Le regole di tale dieta sono rigidissime:

  1. Assumere solamente carne , pesce, frutti di mare, frutta fresca e secca
  2. Abolire latte e derivati, legumi, pane , pasta, dolci, biscotti, cibi spazzatura come frittura e grassi.

Sono regole troppo rigide e drastiche per cambiare il proprio stile alimentare di punto in bianco. Consultate sempre un medico soprattutto quando nelle diete si dice di NON mangiare quello o questo, anche perché se analizzate tutte le diete di questo mondo, una è il contrario dell'altra!

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Alimentazione Sportiva e la Scelta della Dieta
02 Ottobre 2014

Alimentazione Sportiva e la Scelta della Dieta

QUALE DIETA SCEGLIERE ? Oggi giorno, nel campo dell'alimentazione,  abbiamo in campo numerosi professori nutrizionisti , dietologi, dietisti e anche numerose teorie . Avete fatto caso? Ognuno dice la sua portando avanti le proprie teorie e spesso queste tesi sono in contrasto tra di loro .

Dieta Low Carb per Dimagrire?
02 Ottobre 2014

Dieta Low Carb per Dimagrire?

Tutto quello che che dovete sapere sulle diete a basso consumo di carboidrati

Dieta Low-carb per perdere peso e dimagrire? Può una dieta low carb dare un vantaggio per perdere peso? Può una dieta a basso consumi di carboidrati aiutare a mantenere il peso raggiunto in modo permanente? Ecco tutto quello che dovete sapere sulla dieta low carb.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.