(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Dieta Equilibrata dopo la Gravidanza

data di redazione: 29 Aprile 2016
La Dieta Equilibrata dopo la Gravidanza

Cibi da evitare, alimenti da preferire o da sostituire per perdere peso dopo il parto

Dopo aver affrontato la gravidanza è importante che la neo mamma si concentri sulla propria forma fisica e quindi sulla propria dieta; questo è proprio il momento di reintegrare alcuni alimenti nutritivi che si sono esauriti durante il periodo della gravidanza, a maggior ragione se si sta allattando.

È importante che l'alimentazione in questo caso sia naturale e completa, e se si opterà per cibi sani e nutrienti e non per i "cibi spazzatura" non sarà difficile perdere i chili accumulati negli ultimi mesi e sarà anche più semplice sentirsi in forma per fare movimento. Perché ciò avvenga nella dieta non dovranno mancare:

  • Frutta,
  • verdura e insalata
  • i legumi,
  • il pesce
  • la frutta secca
  • pane, riso
  • paste integrali

Se mangiate in maniera equilibrata quindi riuscirete a garantirvi sia il benessere che l'apporto nutrizionale necessario, e per fare ciò dovete, come abbiamo già detto mangiare frutta e verdura in abbondanza e moderare il consumo di proteine e di grassi, e non preoccupatevi che il vostro organismo riceverà comunque le sostanze nutritive di cui ha bisogno.

Se il vostro obiettivo è quello di perdere peso cercate di evitare panna e burro, mangiate piuttosto formaggi magri e yogurt a basso contenuto di grassi e latte scremato o parzialmente scremato.

Non mangiate più di quattro uova a settimana, avendo cura di assumere quantità sufficienti di calcio.

Mangiate quantità sufficienti di frutta e di verdura fresca, sia verde sia gialla, cipolle e aglio, pomodori e melanzane. Inoltre consumate frutta esotica, agrumi, che vi forniranno sufficienti vitamine antiossidanti, C, E e il betacarotene, che si trasformerà poi in vitamina A. Vi forniranno anche dosi supplementari della maggior parte delle vitamine del gruppo B e molti minerali importanti, quali calcio, magnesio, potassio e zinco. Facendo ciò proteggerete la vostra salute a lungo termine, mentre amidi, cereali e tuberi vi forniranno sufficiente energia diminuendo la sensazione di fame.

PREFERITE IL PESCE

Un consiglio che comunque è valido per tutti è quello di ridurre al minimo il consumo di carne rossa e privilegiare il consumo di pesce, che è in grado di fornire in ogni caso le proteine necessarie, ma con un basso contenuto di grassi. Grazie al loro contenuto di grassi insaturi, le sarde, le alici, i branzini, le cernie, gli sgombri e il merluzzo aiutano a mantenere basso il tasso di colesterolo. Evitate i salumi e le carni elaborate come salsicce e ripieni, come le carni affumicate, che contengono le nitrosamine, sostanze nocive per l'organismo.

Inoltre:

  1. il pesce grasso, le noci e i semi contengono i grassi polinsaturi, benefici per la salute. Da tenere presente che i soggetti che assumono una dose giornaliera di noci sono meno a rischio di malattie cardiache
  2. non è male sostituire la carne rossa con il pesce, i fagioli, i piselli, le lenticchie, le noci e i semi
  3. se avete deciso di eliminare completamente le proteine di origine animale abbinate i legumi al riso, in modo tale da garantire comunque al vostro organismo un buon apporto di proteine
  4. assicuratevi di assumere sufficiente ferro, in modo da evitare problemi di anemia. Il ferro è un componente importante dell'emoglobina, la parte colorata di rosso (globuli rossi) delle cellule del sangue che trasportano ossigeno nel nostro organismo e quindi fondamentale

EVITATE LO ZUCCHERO

Certo, lo sanno tutti, lo zucchero fa male (specie quello raffinato) ed è nemico della nostra linea. Questo alimento fornisce le cosiddette "calorie vuote", vale a dire calorie prive di valore nutritivo a causa del processo di lavorazione a cui viene sottoposto. Inoltre è dannoso per i denti e la sua combinazione con i grassi fa aumentare di peso.

Ricordate:

  • evitate dolci e caramelle
  • non fatevi ingannare dalla dicitura "light"
  • evitate anche i dolci tradizionali mediterranei (fatti col miele) che hanno comunque lo stesso potere ingrassante di quelli fatti con lo zucchero raffinato
  • quando vi viene voglia di uno spuntino dolce optate per un frutto
  • oppure consumate la frutta secca piuttosto di un dolce o una pasta, è anche in grado di fornire un utile apporto di ferro
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dieta Senza Glutine
25 Marzo 2015

Dieta Senza Glutine

Tutto quello che c'è da sapere sul glutine

Anche se gli effetti nocivi del glutine sono controversi tra gli esperti di salute, è noto che diverse condizioni di salute rispondono positivamente ad una dieta priva di glutine. Fortunatamente, ci sono molti cibi sani e gustosi che sono naturalmente senza glutine. Evitare il glutine non deve essere mangiare con gusto insapore o noioso.

Dieta a Zona per Dimagrire a 40 anni
01 Ottobre 2017

Dieta a Zona per Dimagrire a 40 anni

La dieta a zona è il metodo alimentare studiato dall’americano Barry Sears che tende a raggiungere, attraverso l’uso bilanciato del cibo, uno stato di salute ottimale. All'inizio questo regime alimentare era stato concepito per individui cardiopatici e diabetici, ma visti gli effetti dimagranti, ha incontrato un graduale successo nel campo delle diete.

Ultimi post pubblicati

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.

Il Doping Nel BodyBuilding
10 Giugno 2019

Il Doping Nel BodyBuilding

Diventare un bodybuilder professionista, di alto livello, richiede l'uso di potenti farmaci che sono collegati al malfunzionamento di molti organi del nostro corpo sino ad arrivare al decesso prematuro. Le sostanze incriminate sono gli steroidi anabolizzanti, l'insulina, l'HGH e i diuretici.