(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le 8 Migliori Cucine Etniche per la Nostra Dieta

data di redazione: 13 Ottobre 2017
Le 8 Migliori Cucine Etniche per la Nostra Dieta

Che vantaggi possiamo avere dalle cucine etniche per la nostra dieta? Partendo dal presupposto che la nostra dieta mediterranea è tra le migliori al mondo, è interessante vedere come quelle osservate invece negli altri paesi sparsi per il globo sono in un certo senso diete sane e "light" e hanno tanti aspetti positivi. Quindi anche se noi in generale abbiamo una buona alimentazione, ogni tanto non sarebbe male approcciarsi a qualche tipo di "cucina" etnica, per trarre i benefici che apporta. Vediamo allora in breve i vantaggi di alcune delle principali cucine etniche.

1) CUCINA DEL "SOL LEVANTE"

La cucina giapponese è famosa per il pesce crudo, da mangiare scondito e con una piccola aggiunta di salsa di soia. Questo ci permette di non eccedere in esagerazioni caloriche. Inoltre la cottura al vapore di riso e verdure, largamente utilizzata nella cucina giapponese, è estremamente dietetica. Molto diffuso è il consumo di tonno, sgombro e salmone, pesci alquanto ricchi acidi grassi omega 3. Tipici della tradizione orientale, inoltre, sono alimenti come soia e tofu, ricchi di calcio e proteine ma poveri di grassi. Anche miso e alghe sono pietanze molto usate nella cucina giapponese. Unica nota dolente sono i fritti, tipo il tempura.

2) CUCINA ARGENTINA

La cucina argentina è famosa per la carne. La carne è poco calorica e ricca di proteine, oltre a contenere zinco, selenio, fosforo e vitamine soprattutto del gruppo B. Nella cucina argentina ci sono anche piatti di legumi, mais, patate e riso; questo abbinamento è ottimo in quanto fornisce un apporto proteico pari a quello della carne. Inoltre le salse utilizzate generalmente in questa cucina sono a base di aglio, basilico, cipolla, origano e peperoni, tutte spezie e erbe che forniscono preziosi antiossidanti senza aggiungere calorie al piatto. 

3) CUCINA GRECA

Questa dieta è una cura anti invecchiamento naturale. La cucina greca è basata sul consumo di frutta, verdura, cereali, carne, pesce e olio extravergine di oliva. Infine un alimento largamente utilizzato nella cucina greca è lo yogurt, che se consumato parzialmente scremato rimane comunque un cibo poco calorico. Lo souvlaki di carne è un'ottimo piatto e pergiunta poco calorico, in quanto generalemnte cotto allo spiedo e poco condito. È necessario comunque fare attenzione agli antipasti, spesso molto abbondanti, in quanto sostituiscono i primi piatti, molto speso carichi di insaccati, acciughe e quant'altro. 

4) CUCINA MESSICANA

La cucina messicana è ricca di fibre, in quanto contempla il consumo di fagioli e verdura; le fibre conferiscono sazietà e aiutano la regolarità intestinale, che abbinate ai cereali danno origine ad un piatto estremamente equilibrato. I fagioli inoltre sono ricchi di proteine vegetali, di ferro, di calcio e di potassio. In più questa cucina è estremamente colorata, quindi ricca di vitamine. Anche il peperoncino è largamente utilizzato nella cucina messicana, ottimo perché aiuta a frenare l'appetito.

5) CUCINA INDIANA

La cucina indiana benché molto diversa non si discosta molto da quella mediterranea. Il riso, usato spessissimo in India sostituisce il nostro piatto di pasta, ma è estremamente digeribile perché povero di cellulosa. Molto consumati anche ceci e lenticchie, che sono ricchi di ferro, potassio, fosforo, e se abbinati ai cereali danno un apporto proteico del tutto simile a quello della carne. Anche la cucina indiana, come quella messicana utilizza il peperoncino e comunque numerose spezie, carichi di vitamina C e antiossidanti. Inoltre la dieta "indiana" comprende un largo uso di cereali, di legumi, di verdure, di pesce e di carni bianche. 

6) CUCINA THAILANDESE

Una delle mete del Sudest asiatico preferite dai turisti di tutto il mondo è senz'altro la Thailandia, nazione abituata a ricevere i viaggiatori, attenta alle loro esigenze e con un'ottima offerta culinaria anche per chi ha fatto una scelta vegetariana o vegan. Non solo, la Thailandia è uno dei paradisi dei fruttariani e di chi ha scelto di seguire una dieta raw food, ovvero crudista: non poche città ospitano fruit festival o fiere dei prodotti agricoli durante i mesi estivi. Inoltre la cucina thailandese offre carni di tutti i tipi, pesci, insetti, frittate, noodles, risi, verdure sconosciute, frutta esotica. Per chi non consuma carne o pesce la vita sarà piuttosto semplice e piacevole: insalate, pad thai di verdure, curry alle radici.

7) CUCINA LIBANESE

La cucina libanese ha molte virtù, molte delle quali provengono dall'uso massiccio di spezie. Il sommacco, detto anche Sumac, è la spezia ricavata dai frutti essiccati e macinati della pianta del sommacco ed è molto usata nella preparazione dei piatti della cucina libanese: viene utilizzato per acidulare le preparazioni gastronomiche ma anche semplicemente, per speziare tipi di pane e insalate e per marinare pesce e conchiglie. Il sommacco contiene acqua, proteine, fibre, carboidrati, ceneri, grassi ed olio essenziale in cui si trova la maggior parte delle sostanze con proprietà terapeutiche; è ricco di minerali come fosforo, potassio, magnesio e ferro. La proprietà più importante di questa spezia è senza dubbio quella antiossidante. 

Il sommacco infatti è uno degli alimenti con il più alto potere antiossidante, ben 73 volte più potente della mela, ritenuta l’alimento che più conosciamo per le sue proprietà antiossidanti.

8) CUCINA CINESE

La cucina cinese, si sa, utilizza in gran parte il riso, alimento estremamente digeribile e che sazia in fretta. Inoltre è una cucina molto varia, che comprende pesce, carne, verdure, fattore positivo, in quanto la varietà degli alimenti fornisce un apporto completo di tutti i nutrienti. Come bevanda la cucine cinese predilige il tè, in particolare quello al gelsomino, che è digestivo, antiossidante e diuretico. Punto di forza della cucina cinese sono le cotture a vapore, l'utilizzo di molte verdure e spezie. Bisogna però ricercare un ristorante che faccia buona cucina e non cucina low coast con prodotti di scarsa qualità e dove si utilizza glutammato per ogni piatto.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

La Dieta Unica al Mondo Seguita da un Atleta per oltre 30 anni
16 Marzo 2016

La Dieta Unica al Mondo Seguita da un Atleta per oltre 30 anni

Le Esperienze Alimentari di una Vita raccontate da un nostro Collaboratore

​Avete mai pensato di utilizzare un menù fisso perenne? Capisco che possa sembrare una follia, ma vi assicuro che esistono persone che hanno adottato questo sistema e vivono una vita del tutto "normale", o quasi.

Preparazione alimentare del maratoneta
09 Novembre 2014

Preparazione alimentare del maratoneta

Cosa mettere in tavola per prepararsi negli sport di fondo

Il glicogeno nei muscoli si può essere disponibile con una velocità praticamente illimitata alla richiesta di energie, ma presto esso si esaurisce e quindi il muscolo deve tornare ad utilizzare solamente acidi grassi, i quali trasportati dal sangue con relativa lentezza, permettono l’espletamento di una corsa a bassissima velocità. Quindi cosa mettiamo in tavola prima della maratona?

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4