Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​Le Affermazioni sulla Dieta del Gruppo Sanguigno 'non sono valide,' rivelano i ricercatori

data di redazione: 03 Ottobre 2015 - data modifica: 08 Febbraio 2017
​Le Affermazioni sulla Dieta del Gruppo Sanguigno 'non sono valide,' rivelano i ricercatori

Le persone di tutto il mondo hanno familiarità con la dieta del tipo di sangue, un piano alimentare e di stile di vita che istruisce i seguaci a mangiare e ad allenarsi in un certo modo, a seconda del loro tipo di sangue. Ma una recente ricerca smonta le pretese avanzate dal creatore Peter D'Adamo, suggerendo che le esigenze nutrizionali di un individuo in realtà non variano in base al tipo di sangue.

Lo studio, condotto dai ricercatori dell'Università di Toronto, in Canada, è stato pubblicato sulla rivista PLoS One.

La dieta del gruppo sanguigno, delineata in un libro, suggerisce diverse diete per i quattro tipi di sangue, a seconda in quale punto dello sviluppo umano del tipo di sangue si è evoluto:

  • Tipo O: questo è considerato il "gruppo sanguigno ancestrale" negli esseri umani, il programma suggerisce una dieta con alta percentuale di proteine animali, tipica del periodo cacciatori-raccoglitori.
  • Tipo A: questo tipo di sangue si crede sia evoluto quando gli esseri umani si stabilirono in società agricole, e fa in modo che il programma suggerisce una dieta vegetariana.
  • Tipo B: questo gruppo sanguigno è creduto che sia di origine di tribù nomadi, così il piano suggerisce un elevato consumo di prodotti lattiero-caseari.
  • Tipo AB: il piano raccomanda una dieta simile a quella di tipo B, ma ci sono alcune restrizioni, per esempio, solo uova e pesce svengono consigliati come fonti di carne.

Insieme al seguito di una dieta specifica, il libro suggerisce che gli individui seguano specifiche routine di esercizi, in linea con il loro gruppo sanguigno.

Ad esempio, alle persone con gruppo sanguigno O si consiglia di sottoporsi a vigorosa attività aerobica ogni giorno, mentre quelli con tipo A sono invitati a partecipare ad allenamenti che favoriscono la contemplazione mentale, come il trekking, il tennis o il nuoto.

La teoria è molto popolare tra le persone che vogliono migliorare la loro salute e perdere peso. Il libro di D'Adamo - che promette esiti positivi per la salute e una diminuzione dei rischi di malattie croniche, come le malattie cardiovascolari - è stato un best seller sul New York Times ed è stato tradotto in 52 lingue.


'NESSUNA PROVA A SOSTEGNO DELLA TEORIA DELLA DIETA'

Tuttavia, i ricercatori dicono che il legame tra modelli alimentari in base al tipo di sangue e risultati di salute non era ancora stata esaminata, ed è per questo che hanno deciso di condurre il loro studio.

Esaminando 1.455 partecipanti che erano per lo più adulti giovani e sani, la squadra ha raccolto informazioni sulle loro diete usuali, come pure i campioni di sangue a digiuno che sono stati utilizzati per determinare il tipo di sangue e fattori di rischio cardiometabolici - insulina, colesterolo e trigliceridi.

I ricercatori hanno anche calcolato i punteggi della dieta, sulla base dei prodotti alimentari nel libro di D'Adamo, al fine di determinare l'adesione dei partecipanti alle quattro diete del gruppo sanguigno.

I risultati hanno mostrato che non vi era "nessuna prova a sostegno della teoria sulla dieta del tipo di sangue", afferma l'autore Dr Ahmed El-Sohemy, professore e ricercatore canadese in nutrigenomica con cattedra presso l'Università di Toronto, che aggiunge:

"Il modo in cui un individuo risponde ad una qualsiasi di queste diete non ha assolutamente nulla a che fare con il loro tipo di sangue e ha tutto a che fare con la loro capacità e sensibilità di attenersi a una dieta vegetariana o basso contenuto di carboidrati."


BENEFICI PER LA SALUTE INDIPENDENTE DAI TIPI DI SANGUE'

Sebbene non vi era alcuna prova che mangiare secondo un tipo di sangue portasse benefici per la salute, i ricercatori hanno trovato che, indipendentemente dal gruppo sanguigno, i soggetti hanno sperimentato alcuni benefici.

Tuttavia, essi sottolineano che questi marcatori della salute erano indipendenti dai tipi di sangue dei partecipanti.

Nel dettaglio, l'adesione a ogni dieta del gruppo sanguigno ha prodotto associazioni con i seguenti vantaggi:

  • Tipo O: trigliceridemia più bassa
  • Tipo A: ha abbassato l'indice di massa corporea, la pressione arteriosa, circonferenza della vita, trigliceridi e livelli di insulina
  • Tipo B: miglioramento dei livelli di colesterolo HDL
  • Tipo AB: abbassamento della pressione sanguigna, colesterolo totale, trigliceridi e livelli di insulina.

El-Sohemy spiega che la mancanza di prove scientifiche non significa necessariamente che le diete non funzionano:

"Non c'era proprio alcuna prova, in un modo o l'altro. Era un'ipotesi intrigante, quindi ci siamo sentiti di doverla mettere alla prova. Ora possiamo essere fiduciosi nel dire che l'ipotesi della dieta del gruppo sanguigno è falsa."

Altre diete invece sono state segnalate per conferire benefici per la salute a chi la segue. Per esempio, una dieta mediterranea è stata collegata alla riduzione del rischio di diabete di tipo 2, una maggiore durata della vita e un rischio di ictus genetico ridotto.


Riferimenti:

ABO Genotype, ‘Blood-Type’ Diet and Cardiometabolic Risk Factors, Ahmed El-Sohemy, et al., PLoS One, doi: 10.1371/journal.pone.0084749, published online 15 January 2014.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

6 Diete Alimentari Popolari da Conoscere
01 Ottobre 2014

6 Diete Alimentari Popolari da Conoscere

Con il mercato del fitness in continua espansione, anche  i nutrizionisti hanno trovato una loro nicchia: quella delle diete alimentari. Tuttavia, alcune di queste tendenze hanno reclutato molte persone che spesso le seguono  per conto proprio, a volte a casaccio o con poco senso. 

La Mia Dieta a Zona
01 Ottobre 2017

La Mia Dieta a Zona

sviluppare un mix di alimenti ad alto contributo nutritivo che diano il migliore rendimento in prestazioni per tutti i sistemi del nostro organismo, da quello immunitario alla risposta muscolare.

La zona non è solo una formula di rapporto tra i vari macronutrienti ma stabilisce anche le fonti alimentari più indicate per il nostro organismo, mettendo in primo piano gli alimenti favorevoli a discapito di quelli sfavorevoli per contribuire all'assunzione dei micronutrienti necessari (sali, coenzimi e antiossidanti).  

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.