Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Prova Costume: i 15 alimenti chiave

data di redazione: 14 Aprile 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Prova Costume: i 15 alimenti chiave

Una buona scelta a tavola e attività fisica sono la ricetta per una bella figura in spiaggia

Se siete lettori di ABC allenamento sarete quasi sicuramente persone attive quindi sarebbe già scontato dirvi di fare attività fisica per arrivare in spiaggia con un fisico presentabile e fare quindi una bella figura. Mancano poche settimane alla famosa prova costume e voi sapete anche che mangiare correttamente è un aspetto da non trascurare: diamo perciò una ritoccata  ai cibi che mettete in tavola per migliorare la vostra performance da spiaggia.


Come ben sapete i grassi sono il terzo macronutriente alimentare. Della loro grande importanza dietetica ne abbiamo già abbondantemente parlato, ora dobbiamo imparare ad usarli e a scegliere bene.

I grassi rallentano l'immissione in circolo dei carboidrati, proprio come la fibra, e pertanto, anche se non direttamente, influiscono sulla sintesi dell'insulina, oltre a rendere il cibo più saporito e a dare senso di sazietà attraverso la secrezione dello stomaco dell'ormone colecistochinina (CCK).

 

Ci sono i grassi buoni e quelli cattivi sul piano della salute e di conseguenza della linea; i grassi sfavorevoli sono innanzitutto l'acido arachidonico contenuto nel tuorlo d'uovo, nelle frattaglie e nei tagli grassi di carne rossa. Questo acido è stato definito "incubo metabolico" per la sua potenza e tossicità. Oltre che negli alimenti suddetti è un prodotto del metabolismo degli acidi grassi Omega 6, che porta alla formazione di eicosanoidi cattivi.

Una certa quantità è utile all'organismo, ma non l'eccesso. È per questo che è considerato sfavorevole e si consigli di limitarne al massimo il consumo. Quindi carni rosse, tuorlo d'uovo e frattaglie son alimenti da usare raramente e moderatamente per il loro contenuto di grassi saturi e acido arachidonico e ciò tende ad alzare i livelli d'insulina favorendo l'insulinoresistenza, una condizione per la quale, nonostante i livelli crescenti di questo ormone, la glicemia non scende a causa delle alterazioni delle membrane cellulari che diventano meno sensibili all'insulina.

Anche per questo motivo consigliamo di non consumare più di 2 uova alla settimana, mentre gli albumi possono essere consumati tranquillamente e in quantità come ottima fonte di proteine.


Altri grassi da evitare nella propria alimentazione sono i grassi saturi, ciè quelli contenuti nelle fonti proteiche di origine animale: i grassi visibili delle carni, i formaggi con oltre il 20% di grassi, il latte e i latticini interi, gli insaccati che hanno un'abbondante presenza di grassi come la mortadella, il cotechino e lo zampone, oppure la salsiccia, il salame, i wurstel ecc.

Lo steso discorso vale anche per il burro, la panna e lo strutto, usati da soli o contenuti negli alimenti confezionati.

Sono grassi saturi da evitare, anche se sono di origine vegetale, gli oli di cocco, di palma e palmisti, usati nelle preparazioni industriali che devono conservare a lungo la loro freschezza. Da eliminare il più possibile dalle proprie consuetudini alimentari sono i grassi idrogenati o parzialmente idrogenati, che si trovano soprattutto nelle margarine e che vengono usati anche come grassi di cottura nei fast food.

 

CIBI DA USARE CON MODERAZIONE

  1. carni rosse
  2. carni bianche grasse (parti di pollo e tacchino con pelle)
  3. grasso visibile delle carni
  4. insaccati grassi (salami, cotechino, zampone, mortadella, pancetta)
  5. grasso visibile delgi insaccati
  6. frattaglie (fegato, e fegatini, lingua)
  7. tuorlo
  8. formaggi con oltre il 20% di grassi (emmenthal, mascarpone, burrini, ecc.)
  9. latte yogurt interi
  10. burro, panna, lardo, strutto
  11. oli vegetali e grassi idrogenati o parzialmente idrogenati (margarine)
  12. cereali (pane, pasta, riso)
  13. patate, zucca e piselli
  14. frutta troppo zuccherina come banane, uva passa, fichi, datteri, frutta disidratata, papaia, mango e succhi di frutta
  15. dolci di tutti i tipi (bomboloni, torte, ciambelle, cioccolata)


Il pane, la pasta, il riso, le banane, l'uva passa, i datteri, i fichi, i succhi di frutta i dolci non vanno banditi dalla tavola ma vanno usati con assoluta moderazione.

Tra i cereali meno sfavorevoli sono quelli integrali, perché la presenza della fibra rallenta il loro assorbimento e quindi la produzione di insulina. Anche gli ortaggi "zuccherini" vanno usati con moderazione in quanto sono carboidrati più sfavorevoli a causa del loro assorbimento più veloce (patate, carote cotte, barbabietole, zucca ecc.)

Prova costume al top? Attività fisica e attenzione a tavola!
Buona prova costume con ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

6 Diete Alimentari Popolari da Conoscere
01 Ottobre 2014

6 Diete Alimentari Popolari da Conoscere

Con il mercato del fitness in continua espansione, anche  i nutrizionisti hanno trovato una loro nicchia: quella delle diete alimentari. Tuttavia, alcune di queste tendenze hanno reclutato molte persone che spesso le seguono  per conto proprio, a volte a casaccio o con poco senso. 

Preparazione alimentare del maratoneta
09 Novembre 2014

Preparazione alimentare del maratoneta

Cosa mettere in tavola per prepararsi negli sport di fondo

Il glicogeno nei muscoli si può essere disponibile con una velocità praticamente illimitata alla richiesta di energie, ma presto esso si esaurisce e quindi il muscolo deve tornare ad utilizzare solamente acidi grassi, i quali trasportati dal sangue con relativa lentezza, permettono l’espletamento di una corsa a bassissima velocità. Quindi cosa mettiamo in tavola prima della maratona?

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.