ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

10 modi per rendere dietetico il vostro insalatone

data di redazione: 05 Novembre 2015
10 modi per rendere dietetico il vostro insalatone

Molto spesso ci facciamo una bella insalata ricca e abbondante (l'insalatone) pensando di assumere così poche calorie e di mangiare davvero leggero, di fatto sbagliando... se non si seguono alcune regole importanti.

Se accanto alle verdure salutari inserisci le patate, una manciata di olive nere, l'emmenthal, il mais e magari l'avocado, è facile che nel tuo piatto si crei una bomba di quasi 1000 Calorie, molto più di un semplice piatto di pasta col pomodoro (circa 400 calorie), che magari avete scartato pensando bene di buttarvi su un'insalatone del genere per salvaguardare la vostra linea.

Pensate che se optavate per una bistecca ai ferri con un'insalata mista eravate sulle 200 Calorie.

Allora, se la vostra intenzione è quella di prepararvi un'insalatona completa sotto il punto di vista nutrizionale ma che allo stesso tempo sia "amica" della vostra linea dovete tenere presente alcune regole.

1. se vi piacciono le uova sode ma nella vostra insalata ci volete anche il tonno dovete ridurre le quantità di questi due alimenti; possono bastare per esempio 30 grammi di tonno al naturale e un uovo solo

2. non esagerare con le olive nere, che sono più caloriche di quelle verdi, e ne bastano 3 o 4 per rendere la vostra insalata saporita

3. se vi piace il tonno, preferisci quello in scatola al naturale piuttosto che quello sott'olio; è meno calorico. Una valida alternativa al tonno potrebbero essere comunque gamberetti o salmone

4. se vi piacciono le patate e proprio dovete aggiungerle, rinunciate al mais e soprattutto al pane

5. alle verdure associa sempre proteine, quindi un ingrediente a scelta fra uova, tonno, pollo, fagioli, prosciutto o formaggio, e carboidrati tipo il mais o patate

6. se ti piace la carne preferisci il petto di pollo o di tacchino cotto a vapore (fino a 120 g a porzione)

7. tra i formaggi scegli quelli freschi tipo i fiocchi di latte, ricotta e mozzarella fior di latte (50 grammi). Più calorici e ricchi di sale sono quelli stagionati come scamorza, provolone, grana e emmental (25 grammi)

8. se siete amanti dell'avocado sappiate che è molto calorico, 100 g contengono 231 Calorie, quindi pochi pezzi di questo frutto esotico!

9. quando condite può bastare solo un cucchiaio di olio extravergine di oliva, e poco sale!

puoi condire anche con limone o aceto, ma evita le salse e la maionese.



Potrebbe interessarti anche

Come Contare le Calorie per Perdere Peso
11 Giugno 2016

Come Contare le Calorie per Perdere Peso

Il conteggio delle calorie può essere un modo efficace e semplice per affrontare il problema della perdita di peso e mantenerlo sotto controllo.

I 10 Migliori Alimenti per Definire il Tuo Addome
31 Gennaio 2015

I 10 Migliori Alimenti per Definire il Tuo Addome

Selezione di Frutti, Cereali, latticini da inserire nella Tua Dieta

La definizione addominale si ottiene soprattutto con un'alimentazione appropriata, e quindi vi invitiamo a provare questi 10 alimenti per rendere veramente efficace il vostro allenamento globale e soprattutto la vostra routine Addominale.

Ultimi post pubblicati

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa
18 Gennaio 2021

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa

Aumenta la massa muscolare a casa con questo programma

La premessa di un set gigante è che eseguirai quattro o più esercizi uno dopo l'altro, con un riposo minimo tra ciascuno. I giant sets o serie giganti non sono da confondere con i circuiti. I circuiti servono per migliorare la condizione atletica dell'atleta, le serie giganti servono invece per aumentare la massa muscolare e migliorare la composizione corporea.

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural
16 Gennaio 2021

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural

Vuoi Aumentare La Massa Muscolare e Costruire il Fisico Dei Tuoi Sogni?

Quando il muscolo viene chiamato ad un impegno super, sarà ovviamente richiesto un maggiore apporto di ossigeno e nutrienti per continuare a sostenere le contrazioni. Ed ecco il caro "pump".