(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Frequenza Dei Pasti ed Effetti Su Tasso Metabolico e Dimagrimento

data di redazione: 27 Marzo 2018
Frequenza Dei Pasti ed Effetti Su Tasso Metabolico e Dimagrimento

Parte dell'argomento su come "mantenere il tasso metabolico alto" mediante la frequenza di consumo dei pasti implica che i modelli alimentari più frequenti aumentano il tasso metabolico.

Una meta-analisi condotta sulla frequenza del cibo [1] osserva che "gli studi che hanno utilizzato la calorimetria di tutto il corpo e l'acqua doppiamente marcata per valutare il dispendio energetico totale delle 24 ore non hanno trovato differenze. Infine, a parte l'eccezione di un piccolo studio, non vi è evidenza che la perdita di peso nei regimi ipoenergetici possa essere alterata dalla frequenza del pasto. Vogliamo concludere che qualsiasi effetto del modello del pasto sulla regolazione del peso corporeo è probabile che sia mediato attraverso gli effetti sul lato dell'assunzione di cibo dell'equazione del bilancio energetico ". [1] 


Una revisione di articoli che è stata condotta valutando 179 astratti (di cui 10 studi sono stati ritenuti rilevanti per valutare la frequenza del pasto e le interazioni di perdita di peso) non ha trovato alcuna relazione significativa tra frequenza del pasto e perdita di peso, anche se richiede più prove a lungo termine.[2] Questi risultati si trovano in altri articoli di revisione sull'argomento. [3] [4]


Vari interventi individuali che modificano la frequenza del pasto mantenendo le calorie statiche scoprono che non vi è alcuna differenza nel tasso metabolico (dispendio energetico a 24 ore) tra i due gruppi [5] [6] e che non ci sono cambiamenti nella perdita di peso alla fine del periodi di prova. [7] [8] 

Quando le calorie diminuiscono in modo significativo, il tasso metabolico diminuisce leggermente, ma diminuisce globalmente in base alle calorie e non alla frequenza del pasto. [8]

Un articolo pubblicato di recente trova effettivamente il contrario, e che quando si confrontano 3 pasti contro 14 pasti in un periodo di 36 ore in una camera metabolica su uomini sani, non ci sono state differenze significative nel dispendio energetico totale e un leggero aumento nel dispendio energetico a riposo nel gruppo con frequenza inferiore. [9]

Aumento Della Frequenza Dei Pasti E Guadagno Muscolare


Non molti studi analizzano l'aumento della frequenza dei pasti e l'aumento di peso corporeo, ma le prove limitate in questo momento indicano che l'aumento di peso osservato è dovuto all'apporto calorico piuttosto che alla frequenza. [10]


EFFETTI DEL DIGIUNO SUL METABOLISMO
L'altro lato dell'equazione per "mantenere alimentato il fuoco metabolico" implica che il tasso metabolico può rallentare durante i periodi di "digiuno".


BREVI PERIODI DI DIGIUNO
Dopo 36 ore di digiuno, si è osservato un aumento del tasso metabolico (e non cambia ulteriormente se misurato a 72 ore). [11] L'adrenalina è risultata aumentata a 72 ore (ma non a 36) [11] e quando misurata a 48 ore l'adrenalina sembra indurre una maggiore quantità di produzione di calore (termogenesi). [12]


DIGIUNO INTENZIONALE
Negli uomini non obesi, il digiuno a giorni alterni non ha determinato una diminuzione del tasso metabolico dopo 22 giorni (quando gli è stato detto di mangiare il doppio del cibo nei giorni in cui potevano mangiare, per compensare). [13]


Gli studi condotti durante il Ramadan notano anche un'apparente mancanza di differenza nei parametri metabolici generali tra digiunatori e non digiunatori. [14] [15] Anche se alcuni studi (in particolare quelli su soggetti non sani) mostrano benefici limitati per la salute con il digiuno del Ramadan se l'assunzione di cibo è mantenuta relativamente stabile [16] [17] anche se sembra variabile. [18] [19] Mentre il tasso metabolico non è stato studiato molto di per sé, non sembra cambiare in misura significativa.



Possibili ragioni

Ricerca Epidemiologica
La ricerca sui sondaggi su larga scala tende a mostrare una correlazione tra frequenza alimentare e obesità, con l'approccio "mangiare frequente" inversamente correlato all'IMC [Indice di massa corporea (le persone grasse sembrano mangiare meno spesso, le persone magre tendono a mangiare più frequentemente)]. [1] [20] [21] Questi studi non guardano la massa muscolare di per sé , ma al BMI (body mass index) o IMC; sembra esserci una tendenza che più pasti al giorno aumentino il peso corporeo e l'indice di massa corporea. Vi sono contro-prove ma limitate e sono confuse con elevati livelli di attività. [22]


Inoltre, la posizione dell'ISSN sulla frequenza del pasto [23] rileva in diversi studi osservazionali [24] che non suggeriscono che la frequenza del cibo influenzi la perdita di peso (a livello fondamentale). Di interesse sono alcuni che suggeriscono una relazione, ma la correlazione viene eliminata una volta controllati i fattori confondenti come fumare, bere e stress; indicando che possono essere il / i fattore / i causale / i. [25] [26]


Inoltre, la frequenza dei pasti è correlata positivamente con l'apporto calorico complessivo. [26] [27]


Effetto Termico Del Cibo
L'effetto termico del cibo (l'energia necessaria per digerire un cibo, al fine di ottenere le calorie dal cibo) è visto da alcuni ricercatori come un importante punto di controllo a lungo termine per l'obesità. [28] [29]


Programmi alimentari irregolari, indipendentemente dalla frequenza, sembrano essere associati ad un ridotto effetto termico del cibo. [30] [31]


Esercizio Fisico
È stato suggerito che l'esercizio fisico sia una variabile confondente nella ricerca epidemiologica [27] [32] a causa sia del dispendio energetico acuto che della capacità di esercizio di sopprimere l'appetito.


RIEPILOGO INDAGINE DELLA RICERCA 
Il riepilogo del sondaggio della ricerca sembra mostrare che esiste una relazione indiretta tra la frequenza del pasto e l'aumento di peso che può essere dovuto ad un aumento delle calorie complessive. Una minore frequenza del pasto può essere associata a un IMC inferiore (allo stesso livello calorico) dovuto all'esercizio.
Non ci sono troppe prove per suggerire che la frequenza del pasto di per sé faccia qualcosa di buono o cattivo per il tasso metabolico, ma questo è solo un indicatore epidemiologico di altre abitudini che influenzano il metabolismo e le variazioni di peso.


Altri Dati Rilevanti
Una maggiore frequenza del consumo di pasti può essere utile per preservare il tessuto muscolare. Confrontando 3 pasti contro 14 pasti al giorno (un caso estremo), si è riscontrato che nonostante la stessa quantità di calorie e nessuna differenza nel tasso metabolico, il gruppo a bassa frequenza avesse un più alto tasso di ossidazione proteica (106,9 ± 7,1 vs 90,6 ± 4,3 g / giorno) o tassi di ossidazione delle proteine più alti del 17% rispetto a chi mangiava 14 pasti al giorno. [9] 

Tuttavia, un intervento in soggetti obesi ha rilevato che quando venivano consumati quattro pasti al giorno non sono state osservate differenze nella perdita di peso quando veniva consumato l'80% di caseina ad un pasto rispetto a porzioni di quattro pasti di siero di latte al 25%, con il gruppo 'caseine' che ha sovraperformato il gruppo del siero di latte nella lunghezza finale della prova sulla ritenzione di azoto. [33] Quest'ultimo studio ha evidenziato un maggiore tasso di ossidazione e sintesi proteica con le proteine del siero, ma una tendenza alla ritenzione di azoto (ritenzione di massa muscolare) con le caseine.


Teoricamente è possibile che più pasti al giorno migliorino la ritenzione di azoto, ma l'ultimo studio umano sulla materia suggerisce che rimanere in uno stato post-prandiale è più importante ( può essere fatto con proteine a lento assorbimento o con una maggiore frequenza, o entrambe)

Uno dei suddetti studi ha notato un migliore controllo glicemico, valutato dall'AUC (area sotto la curva o AUC dalla dicitura inglese area under the curve, ovvero area sottesa alla curva) del glucosio, nel gruppo con 3 pasti giornalieri rispetto al gruppo con i 14 pasti. [9] Questo è stato osservato prima quando si sono confrontati 2 pasti al giorno contro 12, dove la frequenza più bassa sembra avere un miglior controllo glicemico. [34]


Quindi, i pasti a frequenza più bassa (3) relativi ai pasti ad alta frequenza (14), quando le calorie giornaliere complessive sono le stesse, sembrano essere più sazianti e producono meno fame. [9]


Riferimenti
  1. Bellisle F, McDevitt R, Prentice AM. Meal frequency and energy balance . Br J Nutr. (1997)
  2. Palmer MA, Capra S, Baines SK. Association between eating frequency, weight, and health . Nutr Rev. (2009)
  3. Leidy HJ, Campbell WW. The effect of eating frequency on appetite control and food intake: brief synopsis of controlled feeding studies . J Nutr. (2011)
  4. Taylor MA, Garrow JS. Compared with nibbling, neither gorging nor a morning fast affect short-term energy balance in obese patients in a chamber calorimeter . Int J Obes Relat Metab Disord. (2001)
  5. Verboeket-van de Venne WP, Westerterp KR. Influence of the feeding frequency on nutrient utilization in man: consequences for energy metabolism . Eur J Clin Nutr. (1991)
  6. Smeets AJ, Westerterp-Plantenga MS. Acute effects on metabolism and appetite profile of one meal difference in the lower range of meal frequency . Br J Nutr. (2008)
  7. Cameron JD, Cyr MJ, Doucet E. Increased meal frequency does not promote greater weight loss in subjects who were prescribed an 8-week equi-energetic energy-restricted diet . Br J Nutr. (2010)
  8. Verboeket-van de Venne WP, Westerterp KR. Frequency of feeding, weight reduction and energy metabolism . Int J Obes Relat Metab Disord. (1993)
  9. Munsters MJ, Saris WH. Effects of meal frequency on metabolic profiles and substrate partitioning in lean healthy males . PLoS One. (2012)
  10. Pearcey SM, de Castro JM. Food intake and meal patterns of weight-stable and weight-gaining persons . Am J Clin Nutr. (2002)
  11. Webber J, Macdonald IA. The cardiovascular, metabolic and hormonal changes accompanying acute starvation in men and women . Br J Nutr. (1994)
  12. Mansell PI, Fellows IW, Macdonald IA. Enhanced thermogenic response to epinephrine after 48-h starvation in humans . Am J Physiol. (1990)
  13. Heilbronn LK, et al. Alternate-day fasting in nonobese subjects: effects on body weight, body composition, and energy metabolism . Am J Clin Nutr. (2005)
  14. Zerguini Y, et al. Influence of Ramadan fasting on physiological and performance variables in football players: summary of the F-MARC 2006 Ramadan fasting study . J Sports Sci. (2008)
  15. Chennaoui M, et al. Effects of Ramadan fasting on physical performance and metabolic, hormonal, and inflammatory parameters in middle-distance runners . Appl Physiol Nutr Metab. (2009)
  16. Sadiya A, et al. Effect of Ramadan fasting on metabolic markers, body composition, and dietary intake in Emiratis of Ajman (UAE) with metabolic syndrome . Diabetes Metab Syndr Obes. (2011)
  17. Shariatpanahi ZV, et al. Effect of Ramadan fasting on some indices of insulin resistance and components of the metabolic syndrome in healthy male adults . Br J Nutr. (2008)
  18. Yarahmadi Sh, et al. Metabolic and clinical effects of Ramadan fasting in patients with type II diabetes . J Coll Physicians Surg Pak. (2003)
  19. Bouguerra R, et al. {Metabolic effects of the month of Ramadan fasting on type 2 diabetes} . East Mediterr Health J. (2003)
  20. Food intake patterns and body mass index in observational studies
  21. Bertéus Forslund H, et al. Meal patterns and obesity in Swedish women-a simple instrument describing usual meal types, frequency and temporal distribution . Eur J Clin Nutr. (2002)
  22. Drummond SE, et al. Evidence that eating frequency is inversely related to body weight status in male, but not female, non-obese adults reporting valid dietary intakes . Int J Obes Relat Metab Disord. (1998)
  23. International Society of Sports Nutrition position stand: meal frequency
  24. Observational Studies Refuting the Effectiveness of Increased Meal Frequency on Weight loss/Fat loss
  25. Titan SM, et al. Frequency of eating and concentrations of serum cholesterol in the Norfolk population of the European prospective investigation into cancer (EPIC-Norfolk): cross sectional study . BMJ. (2001)
  26. Howarth NC, et al. Eating patterns and dietary composition in relation to BMI in younger and older adults . Int J Obes (Lond). (2007)
  27. Duval K, et al. Physical activity is a confounding factor of the relation between eating frequency and body composition . Am J Clin Nutr. (2008)
  28. Weinsier RL, et al. Metabolic predictors of obesity. Contribution of resting energy expenditure, thermic effect of food, and fuel utilization to four-year weight gain of post-obese and never-obese women . J Clin Invest. (1995)
  29. Saris WH. Fit, fat and fat free: the metabolic aspects of weight control . Int J Obes Relat Metab Disord. (1998)
  30. Farshchi HR, Taylor MA, Macdonald IA. Decreased thermic effect of food after an irregular compared with a regular meal pattern in healthy lean women . Int J Obes Relat Metab Disord. (2004)
  31. Farshchi HR, Taylor MA, Macdonald IA. Beneficial metabolic effects of regular meal frequency on dietary thermogenesis, insulin sensitivity, and fasting lipid profiles in healthy obese women . Am J Clin Nutr. (2005)
  32. Yannakoulia M, et al. Association of eating frequency with body fatness in pre- and postmenopausal women . Obesity (Silver Spring). (2007)
  33. Adechian S, et al. Protein feeding pattern, casein feeding or milk soluble protein feeding did not change the evolution of body composition during a short-term weight loss program . Am J Physiol Endocrinol Metab. (2012)
  34. Solomon TP, et al. The effect of feeding frequency on insulin and ghrelin responses in human subjects . Br J Nutr. (2008)
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Cosa Bisogna Mangiare Per Dimagrire?
16 Novembre 2017

Cosa Bisogna Mangiare Per Dimagrire?

Il peso corporeo dipende dall'assunzione calorica totale più che dai rapporti dei macronutrienti (quante calorie derivano da carboidrati, proteine, grassi). L'aumento dell'apporto calorico, come variabile indipendente, è più che sufficiente a spiegare l'attuale epidemia di obesità.

​15 Errori Comuni Della Perdita di Peso
09 Agosto 2016

​15 Errori Comuni Della Perdita di Peso

Ecco i primi 8 errori, tra i più comuni, che si fanno quando si cerca di dimagrire.

Ultimi post pubblicati

Intercostali Esterni ed Interni
22 Ottobre 2018

Intercostali Esterni ed Interni

Origine, Inserzione ed Azione

I muscoli intercostali occupano gli spazi intercostali; sono 11 per lato e si distinguono in esterni, medi ed interni. Sono innervati dai nervi intercostali dal 1° all’11° e, contraendosi, elevano ed abbassano le coste; sono, pertanto, muscoli inspiratori ed espiratori.

La Dieta Dello Yogurt - Programma Settimanale
22 Ottobre 2018

La Dieta Dello Yogurt - Programma Settimanale

Lo yogurt è un alimento perfetto per perdere peso; consumato quotidianamente infatti, è utile sia per sgonfiarsi che per depurarsi, ripristinando quei processi intestinali molto spesso alterati da un tipo di alimentazione ricca di grassi o comunque eccessiva.