(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le 6 Regole Alimentari che Accelerano la Perdita di Peso

data di redazione: 19 Febbraio 2015
Le 6 Regole Alimentari che Accelerano la Perdita di Peso

6 Regole, basate sulla teoria delle combinazioni alimentari, per una buona digestione

6 Regole, basate sulla teoria delle combinazioni alimentari, per una buona digestione

Il dimagrimento corporeo senza una buona digestione è un’utopia e quindi gli organi preposti a tale scopo, devono funzionare come orologi svizzeri. La teoria delle combinazioni alimentari può risolvere i problemi di digestione. Numerosi studi scientifici affermano, infatti, che la maggior parte delle malattie che affliggono l'uomo occidentale dipendono da un'alimentazione che accosta senza criterio macronutrienti diversi tra loro. Possono verificarsi acidità del sangue, fermentazioni intestinali, gonfiori, digestione difficile, stitichezza, diarrea, allergie e questo perchè molti cibi necessitano di succhi digestivi ed enzimi che si neutralizzano a vicenda uno con l'altro. Ecco 5 semplici regole che possono aiutarvi nella digestione accelerando la perdita di peso:

1) MAI SALTARE I PASTI

Se si salta la colazione del mattino si interferisce con i livelli di zucchero nel sangue, alterando così i meccanismi che regolano l’appetito. Ci si trova allora a combattere con improvvise e insopprimibili voglie di cibo, che spingono l’organismo a compensare con colossali abbuffate. Una buona colazione può consistere in una macedonia di frutta fresca composta da:


accompagnata da un buon yogurt, anche greco. In alternativa alla frutta lo yogurt può essere accompagnato da cereali con l’avvertenza di verificare se si è allergici a qualche ingrediente.

A mezzogiorno è consigliabile consumare un pasto a base di proteine (pesce o carne bianca) e verdure, preceduto da un brodo di verdure o da una generosa insalata mista di foglie verdi per assicurarsi le dosi indispensabili di fibre, vitamine e Sali minerali, necessarie per sentirsi in forza nonostante la diminuzione della quantità di cibo.

La sera riso, pasta o minestra con verdure e legumi, che saziano e sono un’ottima fonte di fibre. A metà mattino e pomeriggio? Frutta. Queste sono le regole di base della teoria delle combinazioni alimentari, condivisibili o meno, in quanto alcune regole sono letteralmente l’opposto della dieta da sportivo.

Anche saltare un pasto nel corso della giornata porta al risultato opposto di quello che ci si prefigge: per quanto possa apparire paradossale, invece di dimagrire si ingrassa, nonostante si mangi di meno.

Cosa fa l’organismo?

L’organismo reagisce alla mancanza di sostanze nutritive TRASFORMANDO le poche risorse a disposizione in grasso di riserva. Secondo la teoria delle combinazioni alimentari non sarebbe necessario misurare le quantità.

2) SCEGLIERE CIBI ORGANICI FRESCHI SENZA ADDITIVI

E’ importante consumare cibi poco elaborati, possibilmente freschi relativamente a: legumi, verdura, frutta, carne e pesce evitando prodotti di natura industriale e quando è possibile si consigliano prodotti BIOLOGICI. Molti studiosi sospettano infatti che gli additivi chimici siano i maggiori responsabili dell’intossicazione del fegato, limitandone la sua azione di depurazione dell’organismo.

3) EVITARE I DOLCIFICANTI ARTIFICIALI

 

Secondo alcune ricerche, i dolcificanti artificiali possono intossicare il fegato e suscitano un ulteriore bisogno di cibi dolci. Di fronte alla voglia di dolce, è preferibile mangiare un pezzo di torta o aggiungere un cucchiaio di zucchero al caffè, piuttosto che consumare dolcificanti o prodotti dolci artificiali.

 

4) ASSUMERE VITAMINE E MINERALI

 

Per aiutare l'organismo a sfruttare al massimo il cibo che riceve, è necessario garantirsi una quantità sufficiente di vitamine e di sali minerali. Infatti la sensazione di fame è spesso dovuta a una cattiva assimilazione del cibo, causata da uno squilibrio nei livelli di vitamine e di minerali che sono presenti nell'organismo. Un buon multivitaminico è sempre consigliato, soprattutto se la dieta non è ricca di frutta e verdura.

 

5) GODERSI IL PASTO E PRENDERSI CURA DI SE'

 

E' buona regola, anche durante un regime dimagrante, approfittare del pasto come momento di gioia. Tra i piatti compatibili con i principi delle combinazioni alimentari, è importanti quindi scegliere quelli che più si amano. E' bene inoltre prendere l'abitudine di mangiare sempre seduti, anche solo per consumare un frutto, masticando lentamente e a lungo. Durante il pasto la mente deve essere libera da preoccupazioni ed incombenze.

 

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dimagrire e bruciare grasso a steps
01 Ottobre 2014

Dimagrire e bruciare grasso a steps

Esistono molti modi per perdere grasso, ma spesso richiedono molti sacrifici soprattutto per quanto riguarda le ridotte porzioni previste dalla dieta alimentare che si sta effettuando che molto spesso lascia senza risultati e nel giro di poco tempo quei pochi chili che si sono persi vengono ripresi...

Cause della Pancia Gonfia
01 Ottobre 2014

Cause della Pancia Gonfia

come risolvere il problema della pancia gonfia

La pancia gonfia è un disturbo assai frequente soprattutto tra le donne. Spesso le signore soffrono di pancia gonfia dopo mangiato oppure nei periodi prima del ciclo o quando sono molto tese.  

Ultimi post pubblicati

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.

Il Doping Nel BodyBuilding
10 Giugno 2019

Il Doping Nel BodyBuilding

Diventare un bodybuilder professionista, di alto livello, richiede l'uso di potenti farmaci che sono collegati al malfunzionamento di molti organi del nostro corpo sino ad arrivare al decesso prematuro. Le sostanze incriminate sono gli steroidi anabolizzanti, l'insulina, l'HGH e i diuretici.