Quali Sono i Migliori Alimenti per Dimagrire?

Quali Sono i Migliori Alimenti per Dimagrire?

Suggerimenti per perdere peso su basi scientifiche

La ricerca scientifica, ha rivelato che alcuni cibi possono avere un impatto importante sull'appetito. Questi alimenti, potrebbero essere utili per dimagrire se inseriti in una dieta e uno stile di vita salutari. In questo articolo vedremo i migliori sette alimenti, che possono essere utili per dimagrire, su base di ricerche scientifiche.

Quando le persone cercano di perdere peso, dovrebbero comprare alimenti ricchi di nutrienti. Gli alimenti che forniscono proteine e fibre potrebbero essere particolarmente utili per la gestione del peso corporeo.


Uno studio ha scoperto che alcuni alimenti - tra cui frutta, verdura, noci, cereali integrali e yogurt - erano collegati al dimagrimento corporeo.

Nello stesso studio, patatine fritte, bevande zuccherate, carni rosse e carni lavorate sono state associate ad aumento di peso.


Sulla base di questi risultati, potrebbe essere meglio limitare i cibi fritti, gli alimenti con zuccheri aggiunti, carni ad alto contenuto di grassi e alimenti trasformati quando si cerca di perdere quei chili in più.


Anche se i cibi giusti possono aiutare, l'attività fisica è essenziale per perdere peso ed eliminare i chili di troppo. È importante consultare un medico prima di iniziare qualsiasi programma di attività fisica.

Uova

Gli alimenti che forniscono sia proteine che fibre possono aiutare a dimagrire.
Le uova sono un alimento molto popolare, in particolare per la colazione, in quanto possono aiutare a promuovere la perdita di peso.


In un piccolo studio su 21 uomini, i ricercatori hanno confrontato gli effetti del consumo di uova o del consumo di bagel a colazione valutando l'assunzione di cibo, la fame e lo stato di soddisfazione.


Hanno anche esaminato i livelli di zucchero nel sangue, insulina e grelina, noto anche come l'ormone della fame.

Gli studiosi hanno scoperto che gli uomini che avevano mangiato uova a colazione mangiavano molto meno nel loro pasto seguente e nelle successive 24 ore, rispetto a quelli che avevano mangiato bagel a colazione.

Quelli che avevano mangiato le uova hanno anche riferito di sentirsi meno affamati e più soddisfatti 3 ore dopo la colazione rispetto a quelli che avevano mangiato la bagel.


Dopo la prima colazione, il gruppo delle uova presentava anche un cambiamento nei livelli di zucchero nel sangue e insulina, oltre a livelli di grelina più bassi rispetto al ''gruppo bagel''.


Fiocchi D'avena
Iniziare la giornata con una ciotola di fiocchi d'avena potrebbe comportare anch'esso un dimagrimento.

Uno studio condotto su 47 adulti ha esaminato le differenze di appetito, pienezza e assunzione nel  pasto successivo dopo che i partecipanti avevano mangiato fiocchi d'avena, al contrario di una colazione di cereali pronta a base di avena.


Dopo aver mangiato i fiocchi d'avena, i partecipanti si sono sentiti molto più sazi e meno affamati di quando avevano mangiato i cereali. Inoltre, il loro apporto calorico a pranzo era più basso dopo aver mangiato i fiocchi d'avena che dopo aver mangiato cereali a colazione.


Mentre entrambe le colazioni contenevano la stessa quantità di calorie, i fiocchi d'avena fornivano più proteine, più fibre e meno zucchero della colazione con cereali a base di avena.

Gli autori hanno concluso che la differenza di fibra, in particolare un tipo di fibra solubile chiamata betaglucano, erano probabilmente da attribuire questi risultati positivi.


3 Fagioli, Ceci, Lenticchie E Piselli
I fagioli, i ceci, le lenticchie e i piselli sono conosciuti come legumi. Possono influenzare la perdita di peso grazie al loro effetto sulla sazietà, così come il loro contenuto di proteine e fibre.


Analogamente ai fiocchi d'avena, i legumicontengono fibre solubili che possono rallentare la digestione e l'assorbimento dei carboidrati. Mangiare proteine porta al rilascio di ormoni che segnalano lo stato di sazietà.


I ricercatori hanno analizzato studi che hanno esaminato l'effetto del consumo dei legumi sulla perdita di peso.


Le diete per la perdita di peso che includevano questi legumi avevano portato ad una perdita di peso significativamente maggiore rispetto a quelle in cui non erano previsti. Diete per il mantenimento del peso che comprendevano anche i legumi, avevano portato ad una perdita di peso rispetto a quelle che non li prevedevano.


Frutta a Guscio
Uno studio che ha coinvolto donne in sovrappeso e obese ha confrontato una dieta dimagrante integrata con 50 grammi di mandorle al giorno con una dieta dimagrante che non includeva frutta secca a guscio. Dopo 3 mesi, le donne del gruppo con mandorle avevano perso significativamente più peso rispetto alle donne del gruppo senza noci.


Le donne nel gruppo con mandorle hanno anche avuto riduzioni molto maggiori delle dimensioni del loro girovita, dell'indice di massa corporea ( BMI ), del colesterolo totale, dei trigliceridi e della glicemia.


La frutta a guscio contiene proteine e fibre che possono aiutare a spiegare la loro influenza sul peso corporeo. Inoltre essi contengono grassi sani per il cuore e altri nutrienti benefici. Anche se la questa frutta secca può essere inclusa come parte di una dieta salutare, la moderazione è essenziale in quanto sono un tipo di alimento denso di energia.


Il riacquisto del peso è spesso una preoccupazione per le persone dopo aver perso peso.


In un ampio studio Europeo, i ricercatori hanno scoperto che le persone che avevano consumato più frutta secca hanno guadagnato meno peso durante un periodo successivo di 5 anni rispetto alle persone che non mangiavano noci. Questi avevano anche meno rischi di diventare in sovrappeso o obesi.


5 Avocado
Gli avocado sono un frutto che fornisce fibre e grassi benefici, così come molti altri nutrienti. Possono anche aiutare a promuovere la gestione del peso.


Uno studio ha rilevato che le persone che consumavano avocado pesavano significativamente meno e avevano un IMC (indice di massa corporea) inferiore rispetto a quelli che non lo consumavano. Le persone che mangiavano avocado tendevano a mangiare più frutta, verdura e fibre rispetto a chi non lo faceva.


Le persone che mangiavano avocado avevano una dieta più sana e consumavano molto meno zuccheri aggiunti rispetto a quelli che non lo facevano. Allo stesso modo, il loro rischio per la sindrome metabolica era inferiore rispetto a quelli che non consumavano avocado.


6. Frutti di Bosco
La fibra è stata collegata con una migliore gestione del peso e i frutti di bosco tendono ad essere alcuni dei frutti con la percentuale di fibre più alta.

Una porzione di lamponi o more fornisce circa 7 gr di fibra. I frutti di bosco possono essere aggiunti a molti alimenti, come i fiocchi d'avena, yogurt o insalate.


7. Verdure Crocifere
Le verdure crocifere, tra cui broccoli, cavolfiori, cavoli e cavoletti di Bruxelles contengono anch'esse fibre che possono essere utili per la perdita di peso.

Una porzione da 200 gr di cavoletti di Bruxelles fornisce quasi 8 g di fibra, ovvero quasi il 30% del valore giornaliero della fibra.


Cose Da Cercare Quando Si Scelgono Gli Alimenti Per Perdere Peso

Invece di cibi fritti, le persone dovrebbero scegliere cibi cotti al forno, alla griglia o alla piastra. Le proteine magre, tra cui fagioli, pollo, uova, pesce e tacchino, in questa fase, sono buone alternative alle carni ad alto contenuto di grassi.


Quando si scelgono gli alimenti per la perdita di peso, è anche importante essere consapevoli delle dimensioni delle porzioni, anche per gli alimenti salutari.


Le bevande zuccherate con zucchero possono fornire una quantità significativa di calorie, ma non comportano lo stesso senso di pienezza dei cibi solidi. Scegliete le bevande senza calorie invece dei succhi e bevande gassate zuccherate, come ad esempio acqua o tè non zuccherato.


Altri Consigli Utili Per La Perdita Di Peso

L'esercizio fisico è una parte fondamentale della perdita di peso. L'American College of Sports Medicine consiglia agli adulti di sottoporsi a 150 minuti di esercizio a intensità moderata ogni settimana, che equivale a 30 minuti per 5 giorni a settimana. Le persone dovrebbero parlare con un medico prima di iniziare una nuova routine di allenamento.

  • Concentrarsi sul fare cambiamenti salutari invece di concentrarsi solo sul numero della bilancia. Puntare a mini obiettivi può rivelarsi meno opprimente rispetto a quando ci si pone un grande obiettivo.
  • Evitare di etichettare gli alimenti come "buoni" e "cattivi". Gli alimenti proibiti possono portare a desideri e sensi di colpa quando questi cibi vengono mangiati. Sceglire cibi nutrienti e godere le prelibatezze con moderazione.
  • Evitare di arrivare eccessivamente affamati ad un pasto. Aspettare di mangiare fino a quando si avverte la sensazione di fame può rendere più difficile l'essere consapevoli delle scelte salutari.
  • Pianificare i pasti in anticipo può aiutare a garantire che siano disponibili scelte salutari.
  • Fare attenzione alle scelte presso i ristoranti perché molti pasti tendono ad essere più alti in calorie, grassi e sale.
  • Coinvolgere amici e familiari per farsi aiutare a sostenere gli obiettivi di salute e cambiamenti di comportamento.
  • Consultare un dietista professionista in quanto è un esperto in alimentazione e nutrizione ed è in grado di fornire informazioni personalizzate che possono aiutare con il dimagrimento.
  • Fate in modo di assicurarvi un sonno adeguato e gestire i livelli di stress oltre a scegliere cibi sani e rimanere attivi, poiché il sonno e lo stress influiscono sul vostro stato di salute.
Riferimenti:
  1. A food labeling guide. Guidance for industry. (2013, January). Retrieved from https://www.fda.gov/downloads/...
  2. Abazarfard, Z., Salehi, M., & Keshavarzi, S. (2014, May). The effect of almonds on anthropometric measurements and lipid profile in overweight and obese females in a weight reduction program: A randomized controlled clinical trial. Journal of Research in Medical Sciences: The Official Journal of Isfahan University of Medical Sciences, 19(5), 457–464. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/p...
  3. Back to basics for healthy weight loss. (2014, January 27). Retrieved from http://www.eatright.org/resour...
  4. Freisling, H., Noh, H., Slimani, N., Chajes, V., May, A. M., Peeters, P. H., . . . Sabaté, J. (2017, July 21). Nut intake and 5-year changes in body weight and obesity risk in adults: Results from the EPIC-PANACEA study [Abstract]. European Journal of Nutrition, 1–10. Retrieved from https://link.springer.com/arti...
  5. Fulgoni, V. L., Dreher, M., & Davenport, A. J. (2013). Avocado consumption is associated with better diet quality and nutrient intake, and lower metabolic syndrome risk in US adults: Results from the National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2001–2008. Nutrition Journal, 12, 1. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/p...
  6. Garber, C. E., Blissmer, B., Deschenes, M. R., Franklin, B. A., Lamonte, M. J., Lee, I.-M., … Swain, D. P. (2011, July). Quantity and quality of exercise for developing and maintaining cardiorespiratory, musculoskeletal, and neuromotor fitness in apparently healthy adults: Guidance for prescribing exercise. Medicine & Science in Sports & Exercise, 43(7), 1334–1359. Retrieved from http://journals.lww.com/acsm-m...
  7. Kim, S. J., de Souza, R. J., Choo, V. L., Ha, V., Cozma, A. I., Chiavaroli, L., . . . Sievenpiper, J. L. (2016, May). Effects of dietary pulse consumption on body weight: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. The American Journal of Clinical Nutrition, 103(5), 1213–1223. Retrieved from http://ajcn.nutrition.org/cont...
  8. Mozaffarian, D., Hao, T., Rimm, E. B., Willett, W. C., & Hu, F. B. (2011, December 23). Changes in diet and lifestyle and long-term weight gain in women and men. The New England Journal of Medicine, 364(25), 2392–2404. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/p...
  9. Palmer, S. (2008, July). The top fiber-rich foods list. Today's Dietitian, 10(7), 28. Retrieved from http://www.todaysdietitian.com...
  10. Ratliff, J., Leite, J. O., de Ogburn, R., Puglisi, M. J., VanHeest, J., & Fernandez, M. L. (2010, February). Consuming eggs for breakfast influences plasma glucose and ghrelin, while reducing energy intake during the next 24 hours in adult men [Abstract]. Nutrition Research, 30(2), 96–103. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/p...
  11. Rebello, C. J., Johnson, W. D., Martin, C. K., Han, H., Chu, Y.-F., Bordenave, N., . . . Greenway, F. L. (2016, January 2). Instant oatmeal increases satiety and reduces energy intake compared to a ready-to-eat oat-based breakfast cereal: A randomized crossover trial. Journal of the American College of Nutrition, 35(1), 41–49. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/p...
  12. The 7 best weight loss tips you'll ever read. (2017, January 3). Retrieved from https://health.clevelandclinic...
Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati