Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Perché Mangiare Poco e Spesso?

data di redazione: 12 Ottobre 2017
Perché Mangiare Poco e Spesso?

Perché Mangiare Poco e Spesso? Quante volte abbiamo sentito consigli del tipo "mangia poco e spesso"! Sul fatto di effettuare 5/6 pasti invece dei canonici 3 tutti i dietologi sono concordi. Ma per quale motivo è consigliabile mangiare poco e spesso?

Per dare un senso a questa affermazione dobbiamo conoscere un pò meglio il meccanismo della fame. La fame è in sostanza il desiderio di cibo, provocato a sua volta dal valore basso della glicemia, e che si verifica quando, specie dopo un pasto ricco di carboidrati complessi e/o zuccheri semplici, l'organismo reagisce producendo insulina. 

Per cui, più i pasti sono abbondanti e ad alto indice glicemico, quindi capaci di alzare rapidamente la glicemia, più l'alternarsi degli alti e bassi della glicemia produrrà attacchi di fame. Quindi è bene mangiare a piccoli pasti e ben bilanciati, perché così facendo i livelli di glicemia restano costanti ed il senso di appetito moderato.


ALIMENTAZIONE E DISPENDIO ENERGETICO


Il discorso riguarda anche il metabolismo. Alimentarsi per mezzo di piccoli pasti serve a mantenere il metabolismo attivo, aumentando di conseguenza il consumo calorico dell'organismo alla fine della giornata. Nonostante questo è buona abitudine scegliere accuratamente gli alimenti e distribuirli nei 5-6 pasti della giornata, in modo tale che le calorie non superino quelle necessarie e che la distribuzione dei nutrienti sia equilibrata e completa. I 5-6 pasti ben suddivisi garantiranno anche un miglior utilizzo dell'energia, fattore indispensabile per chi pratica sport.

Deve essere ben chiaro infatti che alimentazione e dispendio energetico sono strettamente correlate. Il controllo del peso corporeo infatti dipende dall'equilibrio tra l'energia introdotta con gli alimenti (calorie) e il consumo complessivo dell'organismo. Con gli alimenti introduciamo energia e principi nutritivi e l'energia in eccesso viene trasformata in grasso e accumulata. Ecco spiegato il perchè per dimagrire è sì utile ed efficace fare la dieta, ma anche accostare a questa un'attività sportiva. 

PRINCIPI NUTRITIVI, QUANTI E QUALI

I principi nutritivi sono sostanze chimiche che svolgono compiti specifici nell'organismo e sono i carboidrati, le proteine e i grassi, tutti nutrienti energetici che apportano calorie. Pur non apportando energia invece l'acqua, le vitamine e i sali minerali sono comunque sostanze indispensabili per il nostro organismo. I vari nutrienti si trovano in quasi tutti gli alimenti, in quantità diverse. Non esiste un alimento completo che da solo possa soddisfare tutti i fabbisogni nutrizionali, e allo stesso modo non esiste un alimento insostituibile, perché ognuno ha i suoi pregi nutrizionali. 

La qualità e la quantità degli alimenti necessari per soddisfare il fabbisogno energetico dell'organismo tuttavia varia a seconda dell'attività fisica che si svolge e dall'età del soggetto. In base a tutte queste affermazioni è facilmente intuibile quindi come sia più corretto effettuare più pasti al giorno, e come non sia conveniente saltare i pasti, in quanto sarebbe un sacrificio inutile e controproducente. In particolare chi deve dimagrire dovrebbe considerare questa strategia alimentare, perché suddividendo i pasti in questo modo attiverà il metabolismo, abituandolo a bruciare calorie persino di notte, durante le ore di sonno. 

Questo principio di mangiare ogni 2-3 ore per 5-6 pasti è il LITE MOTIVE della Dieta a Zona.

ESEMPIO DI DIETA A ZONA DA 20 BLOCCHI CON 6 PASTI (3 principali e 3 spuntini)

1) Colazione: 1 Mela, 250 grammi di ricotta, Dolcificante stevia, 2 fette biscottate integrali, 1 caffè, 5-6 noci. Tagliare a dadini la mela e mescolarla alla ricotta, unitamente alle noci e dolcificante. 4 Blocchi

2) Spuntino: 2 pacchetti di cracker Enerzona. 2 Blocchi

3) Pranzo: Panino di kamut con 60 grammi di bresaola, 40 grammi di parmigiano e rucola. 4 Blocchi

4) Spuntino: Shaker con 21 grammi di proteine, 250 ml di latte p.s., 1 mela grande, pugnetto di arachidi, quadratino di cioccolato fondente. 4 Blocchi 

5) Cena: Pesce 150-160 grammi, zuppa di verdure con quadratini di pane abbrustolito, 1 cucchiaio di olio e.v.o. 5 Blocchi

6) Spuntino: 30 grammi di parmigiano, 1/2 pera, 2-3 noci. 1 Blocco

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dieta Mediterranea Contro L'Invecchiamento
03 Dicembre 2014

Dieta Mediterranea Contro L'Invecchiamento

Come questa dieta può contribuire ad un invecchiamento più lento

Ortaggi e legumi, frutta, noci, buone quantità di olio d'oliva e un bicchiere di vino con un pasto; la dieta mediterranea sembra l'essenza per uno stile di vita buono, inoltre è anche stata a lungo considerata come uno dei modi più sani di mangiare. Ora, i ricercatori hanno suggerito che questa dieta potrebbe anche aiutare a rallentare il processo di invecchiamento.

​4 Consigli per Eliminare il Gonfiore Post Dieta free
19 Dicembre 2015

​4 Consigli per Eliminare il Gonfiore Post Dieta free

Semplici suggerimenti disintossicanti e di spinta al metabolismo

Se avete trascorso le ultime settimane a dieta libera, mangiando alimenti ricchi di calorie come dolci e alcolici, probabilmente vi sentite più che pronti a ritornare ad uno stile di vita sano...

Ultimi post pubblicati

Il body building e il sollevamento pesi può trasformare il grasso corporeo in muscolo?
31 Marzo 2020

Il body building e il sollevamento pesi può trasformare il grasso corporeo in muscolo?

Si pensa spesso che Il body building o il sollevamento pesi in generale possa trasformare il grasso corporeo in muscolo, ma è vero? Vediamo cosa il sollevamento pesi può e non può fare.

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.