(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Perché Mangiare Poco e Spesso?

data di redazione: 12 Ottobre 2017
Perché Mangiare Poco e Spesso?

Perché Mangiare Poco e Spesso? Quante volte abbiamo sentito consigli del tipo "mangia poco e spesso"! Sul fatto di effettuare 5/6 pasti invece dei canonici 3 tutti i dietologi sono concordi. Ma per quale motivo è consigliabile mangiare poco e spesso?

Per dare un senso a questa affermazione dobbiamo conoscere un pò meglio il meccanismo della fame. La fame è in sostanza il desiderio di cibo, provocato a sua volta dal valore basso della glicemia, e che si verifica quando, specie dopo un pasto ricco di carboidrati complessi e/o zuccheri semplici, l'organismo reagisce producendo insulina. 

Per cui, più i pasti sono abbondanti e ad alto indice glicemico, quindi capaci di alzare rapidamente la glicemia, più l'alternarsi degli alti e bassi della glicemia produrrà attacchi di fame. Quindi è bene mangiare a piccoli pasti e ben bilanciati, perché così facendo i livelli di glicemia restano costanti ed il senso di appetito moderato.


ALIMENTAZIONE E DISPENDIO ENERGETICO


Il discorso riguarda anche il metabolismo. Alimentarsi per mezzo di piccoli pasti serve a mantenere il metabolismo attivo, aumentando di conseguenza il consumo calorico dell'organismo alla fine della giornata. Nonostante questo è buona abitudine scegliere accuratamente gli alimenti e distribuirli nei 5-6 pasti della giornata, in modo tale che le calorie non superino quelle necessarie e che la distribuzione dei nutrienti sia equilibrata e completa. I 5-6 pasti ben suddivisi garantiranno anche un miglior utilizzo dell'energia, fattore indispensabile per chi pratica sport.

Deve essere ben chiaro infatti che alimentazione e dispendio energetico sono strettamente correlate. Il controllo del peso corporeo infatti dipende dall'equilibrio tra l'energia introdotta con gli alimenti (calorie) e il consumo complessivo dell'organismo. Con gli alimenti introduciamo energia e principi nutritivi e l'energia in eccesso viene trasformata in grasso e accumulata. Ecco spiegato il perchè per dimagrire è sì utile ed efficace fare la dieta, ma anche accostare a questa un'attività sportiva. 

PRINCIPI NUTRITIVI, QUANTI E QUALI

I principi nutritivi sono sostanze chimiche che svolgono compiti specifici nell'organismo e sono i carboidrati, le proteine e i grassi, tutti nutrienti energetici che apportano calorie. Pur non apportando energia invece l'acqua, le vitamine e i sali minerali sono comunque sostanze indispensabili per il nostro organismo. I vari nutrienti si trovano in quasi tutti gli alimenti, in quantità diverse. Non esiste un alimento completo che da solo possa soddisfare tutti i fabbisogni nutrizionali, e allo stesso modo non esiste un alimento insostituibile, perché ognuno ha i suoi pregi nutrizionali. 

La qualità e la quantità degli alimenti necessari per soddisfare il fabbisogno energetico dell'organismo tuttavia varia a seconda dell'attività fisica che si svolge e dall'età del soggetto. In base a tutte queste affermazioni è facilmente intuibile quindi come sia più corretto effettuare più pasti al giorno, e come non sia conveniente saltare i pasti, in quanto sarebbe un sacrificio inutile e controproducente. In particolare chi deve dimagrire dovrebbe considerare questa strategia alimentare, perché suddividendo i pasti in questo modo attiverà il metabolismo, abituandolo a bruciare calorie persino di notte, durante le ore di sonno. 

Questo principio di mangiare ogni 2-3 ore per 5-6 pasti è il LITE MOTIVE della Dieta a Zona.

ESEMPIO DI DIETA A ZONA DA 20 BLOCCHI CON 6 PASTI (3 principali e 3 spuntini)

1) Colazione: 1 Mela, 250 grammi di ricotta, Dolcificante stevia, 2 fette biscottate integrali, 1 caffè, 5-6 noci. Tagliare a dadini la mela e mescolarla alla ricotta, unitamente alle noci e dolcificante. 4 Blocchi

2) Spuntino: 2 pacchetti di cracker Enerzona. 2 Blocchi

3) Pranzo: Panino di kamut con 60 grammi di bresaola, 40 grammi di parmigiano e rucola. 4 Blocchi

4) Spuntino: Shaker con 21 grammi di proteine, 250 ml di latte p.s., 1 mela grande, pugnetto di arachidi, quadratino di cioccolato fondente. 4 Blocchi 

5) Cena: Pesce 150-160 grammi, zuppa di verdure con quadratini di pane abbrustolito, 1 cucchiaio di olio e.v.o. 5 Blocchi

6) Spuntino: 30 grammi di parmigiano, 1/2 pera, 2-3 noci. 1 Blocco

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Avena e Farina d'avena; Mangiarla Cruda o cotta?
01 Ottobre 2014

Avena e Farina d'avena; Mangiarla Cruda o cotta?

Per molte persone, godersi una ciotola di Avena cotta e fumante è il modo perfetto per iniziare la giornata. Per altri, invece, quella ciotola di farina d'avena è meglio che sia cruda. Sia che si sta seguendo una dieta o semplicemente per gustare il sapore di nocciola dell'avena, si potrebbe essere portati a mangiare, i vari tipi di avena, direttamente...

I 13 Peggiori Cibi Anti Afrodisiaci
08 Luglio 2015

I 13 Peggiori Cibi Anti Afrodisiaci

Quali Alimenti Bisognerebbe Evitare in una Serata con Dopo Cena

Una serata con la propria donna, si comincia sempre a tavola, con una cena galante: quali cibi bisognerebbe evitare, per aver la libido alta anche nel post cena? Sappiate che molti cibi possono spegnere la passione.

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Metodo Per Allenarsi Con i pesi Nelle MMA
17 Dicembre 2018

Il Miglior Metodo Per Allenarsi Con i pesi Nelle MMA

Un combattente di MMA deve essere abbastanza forte da dominare l'avversario, sferrare pugni potenti e calci, assorbire l'impatto ed essere in grado di resistere ad una costante applicazione della forza. Lui o lei deve essere potente e veloce, e avere abbastanza resistenza per essere in grado di esibirsi ad alto livello per cinque round da 5 minuti. Il programma di allenamento deve affrontare tutte le qualità di cui sopra senza compromettersi a vicenda.

HAMMER CURL CON MANUBRI SEDUTI SU PANCA
16 Dicembre 2018

HAMMER CURL CON MANUBRI SEDUTI SU PANCA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.