(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Pesce fresco oppure congelato?

data di redazione: 13 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Pesce fresco oppure congelato?

Il pesce una valida alternativa alla carne per costruire i vostri muscoli

Se avete la fortuna di mangiare pesce fresco almeno 3-4 volte a settimana, allora siete apposto. Dal punto di vista nutritivo contiene la stessa quantità di proteine della carne, mediamente meno grassi, molti sali e importanti vitamine.

 

Inoltre il grasso del pesce è del tipo prevalentemente insaturo, cioè presenta meno responsabilità di quello saturo della carne nella genesi della aterosclerosi e in generale delle malattie cardiovascolari.

 

Il pesce di piccola taglia è particolarmente ricco di sali di calcio e fosforo, si consuma con la lisca ed è più economico; inoltre, cosa da non sottovalutare, contiene meno inquinanti.

 

In nessun altro cibo come nel pesce, il prezzo non ha nulla a che vedere con il valore nutritivo; per mangiare bene infatti non è necessaria la raffinata orata ma basta del buon pesce azzurro che, ben cucinato, può soddisfare anche il buongustaio più esigente.

 

COME RICONOSCERE IL PESCE FRESCO

 

Per riconoscere il pesce fresco bisogna controllare:

  1. - che abbia un odore gradevole e profumato di alghe
  2. - il colore vivo
  3. - la consistenza non flaccida
  4. - la pelle ben tesa
  5. - le squame aderenti alla pelle
  6. - le branchie rosee e profumate
  7. - l'occhio vivido e senza macchie

Una valida alternativa è l'uso del pesce surgelato e congelato.

 

Certo, il sapore è meno entusiasmante trattandosi spesso di pesce oceanico, ma il valore nutritivo è eccellente, il prezzo particolarmente basso e, se viene cucinato bene è molto gradevole e adatto a variare un po’ i menù quotidiani.

 

Al pesce fresco di incerta provenienza si consiglia il pesce congelato o surgelato, che offre maggiori garanzie igieniche.

 

Attenzione però alla data di confezionamento e alla durata della conservazione domestica; il pesce appena pescato può durare a temperatura ambiente

  • dalle 6 alle 24 ore d'inverno,
  • dalle 2 alle 6 ore d'estate.

 

Quello fresco e refrigerato può conservarsi da uno a quindici giorni, il pesce congelato resiste da uno a sei mesi, quello surgelato può arrivare a 9 - 12 mesi.

 

Dopo questi intervalli di tempo il pesce subisce una decomposizione che lo rende incommestibile. Guardate bene quello che comprate prima di cucinarlo e consumarlo, è la benzina dei vostri allenamenti!

Buon allenamento da ABC

 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

L'importanza degli spuntini per restare in forma ed in salute
01 Ottobre 2014

L'importanza degli spuntini per restare in forma ed in salute

obiettivi nutrizionali per l'estate - gli spuntini

Se gli spuntini non sono sani e nutrienti l'individuo si può ingrassare come sta avvenendo negli Stati Uniti dove il 50% della popolazione è considerata obesa. Negli States uno spuntino può essere un hamburger commerciale, un sacchetto di patatine con una bevanda gassata, un gelato industriale con cioccolato liquido e panna montata. Ecco perché 1 americano su 2 è obeso!

Lo
04 Novembre 2015

Lo "Spuntino Naturale di Attesa" Prima Della Competizione Sportiva

Tra lo spuntino consumato tre ore prima della gara e l'inizio di questa è consigliabile alimentarsi con quella che possiamo chiamare "razione di attesa", non tanto per ...

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4