Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

PROTEINE DELL’UOVO, I METODI SCIENTIFICI CHE NE VALUTANO LA QUALITA’

data di redazione: 02 Aprile 2019
PROTEINE DELL’UOVO, I METODI SCIENTIFICI CHE NE VALUTANO LA QUALITA’

Volete conoscere i metodi che determinano la qualità delle proteine dell'uovo? Siete giunti nell'articolo giusto.

Le proteine dell'uovo, oltre ad essere eccellenti sotto il punto di vista dell'aumento della massa muscolare, aumentano anche la sintesi proteica muscolare. 

Questo grazie alla leucina, un aminoacido che nell'uovo è presente in quantità molto maggiori che in altre fonti proteiche e che si dimostra fondamentale per quello che riguarda il miglioramento delle caratteristiche sia strutturali che funzionali del muscolo scheletrico. 

Da studi specifici, dall’assunzione delle proteine dell’uovo, in termini sportivi è emersa la capacità di:

  • Garantire un miglioramento della composizione corporea
  • Incrementare il volume muscolare delle miofibrille
  • Migliorare la forza massimale dell’atleta
  • Ridurre il catabolismo associato ad allenamenti molto intensi, garantendo l’integrità muscolare
  • Tenere alte le difese immunitarie dell’atleta
  • Ridurre i livelli di citochine infiammatorie in corso in periodi di allenamenti intensi

Per queste ragioni, le proteine dell’uovo (con quelle del siero del latte) sono ormai da tanti anni onnipresenti nella dieta della maggior parte degli sportivi, sia come alimento sia sotto forma di integratore alimentare.

Ma in base a quali dati si stabilisce la qualità di questa fonte proteica? 

Da un brave ricerca abbiamo identificato i metodi scientifici utilizzati più comunemente per valutarne la qualità, dati che evidenziano come la proteina dell’uovo sia un’eccellenza in campo sportivo.

  • Utilizzo proteico netto. Le proteine dell’uovo hanno l’utilizzo proteico netto più alto di tutte le altre fonti proteiche 
  • Proprio per il fatto che le proteine dell’uovo hanno il punteggio chimico più alto, sono anche utilizzate come riferimento per la valutazione del punteggio chimico di tutte le altre proteine
  • Le proteine dell’uovo hanno il valore biologico più alto di quasi tutte le proteine, seconde solo a quelle del siero del latte. Il valore biologico delle proteine dell’uovo è pari a 100, dato che conferma quanto queste siano ben assorbite ed utilizzate dal nostro organismo
  • Le proteine dell’uovo hanno il valore dell’efficienza proteica più alta in assoluto
  • Infine hanno, come del resto anche le proteine del siero del latte, il punteggio degli amminoacidi corretto per la digeribilità della proteine (PDCAAS) più alto in assoluto, quindi 1
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Qual è Il Pane Migliore?
22 Febbraio 2019

Qual è Il Pane Migliore?

Il pane è uno degli alimenti più consumati, e comprende una numerosissima varietà, che spazia dagli ingredienti, dalla loro quantità e dalla forma. Inoltre, aggiungendo qualche altro alimento, può facilmente diventare un pasto pre o post-allenamento. Ma perché il pane è un alimento così prezioso per noi sportivi?

I Benefici Apportati dal Prosciutto Crudo
02 Luglio 2015

I Benefici Apportati dal Prosciutto Crudo

La struttura del corpo umano è formata da elementi essenziali denominate proteine. Le proteine a loro volta sono un agglomerato di molecole elementari denominate aminoacidi: di questi ultimi, ne esiste una categoria che l'organismo non riesce a sintetizzare ovvero gli aminoacidi essenziali.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.