Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

7 Modi per Farsi un Burro Vegetale

data di redazione: 08 Febbraio 2015 - data modifica: 03 Dicembre 2016
7 Modi per Farsi un Burro Vegetale

Mandorle, Cocco, Pistacchi, Anacardi, Noci Pecan, Avocado, Sesamo

In Italia, soprattutto al centro e al sud, utilizziamo come fonte di grasso primaria e salutare l'olio d'oliva, al Nord Italia e all'estero si utilizza molto il burro di latte vaccino, che sarà buonissimo, ma non è proprio salutare per le nostre arterie e quindi si stanno diffondendo altri tipi di burro, di tipo vegetale, come ad esempio il burro di arachidi.

Il burro di arachidi ha innumerevoli proprietà salutari, date dalla sua materia prima le arachidi, se assunto ovviamente in dosi ragionevoli, ma non è l'unico burro di tipo vegetale e salutare esistente, infatti in questo articolo posteremo 7 Tipi di Burro Vegetali Diversi fatti con :

  1. MANDORLE
  2. COCCO
  3. PISTACCHI
  4. ANACARDI
  5. NOCI PECAN
  6. AVOCADO
  7. SESAMO

Questi prodotti sono frutti appartenenti alla frutta secca lipidica che in realtà comprende sia frutti veri e propri ma anche i semi di alcune piante e i legumi, come ad esempio nel caso delle arachidi. La frutta secca lipidica, è ricchissima di grassi, poiché ne contiene una quantità dal 50% al 65%, e quindi di calorie (più di 500 kcal per 100 grammi). Il motivo per il quale è possibile realizzare dei tipi di burro vegetale, con questo tipo di frutti, è appunto per il loro contenuto di lipidi molto alto.

Occorre quindi valutare sempre con attenzione le quantità assunte, per non compromettere il bilancio calorico giornaliero. Tuttavia può essere importante assumere una certa quantità di frutta secca lipidica ogni giorno, in quanto i grassi in essa contenuti sono in prevalenza mono e polinsaturi , e quindi benefici per la salute delle arterie.

Da qui l'importanza derivata dal burro vegetale, che può essere un modo comodo di consumare grassi "buoni" in qualsiasi momento della giornata e soprattutto ovunque.

BURRO DI MANDORLE

Prendete un Robot da cucina ed inserite l'apposita lama ad S, inserite 400 grammi di mandorle ed iniziate a frullarle. Ogni tanto bisogna spegnere l'apparecchio e mescolare il composto con una spatola, per fare un buon lavoro sono necessari anche 20-30 minuti e quindi ci vuole una certa dose di pazienza. Per fare prima potete utilizzare due robot dividendo le mandorle in 2 parti. Il risultato finale sarà un burro di mandorle di color marrone scuro straordinario.

BURRO DI COCCO

Prendete una ciotola e inserite un colino foderato con un canovaccio. Versate il latte di cocco e filtratelo nella ciotola, mettete il tutto in frigorifero per 10 ore e la parte che si sarà depositata nel canovaccio è il burro di cocco che avrà un color avorio di consistenza cremosa. Non è un procedimento facile e soprattutto serve una certa quantità di latte di cocco.

BURRO DI PISTACCHI

Burro semplice, frullate 200 grammi di pistacchi tostati con un mixer per 10 minuti, aggiungere un pizzico di sale, un velo di miele ed un pizzico di cannella. Dopo aver inserito questi 3 prodotti, frullare per altri 10 minuti ed il burro è pronto.

BURRO DI ANACARDI

Solito procedimento previsto dagli altri burri vegetali, e quindi inserite 400 grammi di anacardi in un mixer potente e capiente con mezzo cucchiao di sale marino ( magari dell'himalaya) e frullate il tutto per 20 minuti. Ogni tanto girate il composto con una spatola e frullate sino ad ottenere un risultato cremoso di color nocciola.

BURRO DI NOCI PECAN

Mettete 200 grammi di noci pecan tostate in un mixer con mezzo cucchiaino di sale marino ed un pizzico di cannella, in questo tipo di burro saranno necessari almeno 25 minuti per ottenere un composto cremoso di color marrone chiaro.

BURRO DI AVOCADO

La polpa di avocado, un alimento ricco di grassi benefici, la cui consistenza ricorda quella del comune burro. Questa caratteristica, insieme al sapore delicato, permette di utilizzare la polpa di avocado in sostituzione del burro soprattutto nella preparazione dei dolci, come torte, muffin o plumcake. Potrete schiacciare con una forchetta o frullare la polpa di avocado ed unirla agli altri ingredienti dei vostri impasti, a poco a poco, in modo da ottenere una consistenza il più possibile simile a quella delle ricette tradizionali. La polpa di avocado è molto utile per rendere i dolci più leggeri sostituendo con essa almeno la metà del burro o della margarina indicati nelle ricette.

BURRO DI SESAMO

Il burro di sesamo (conosciuto anche come crema di sesamo) può essere utilizzato per sostituire il burro classico. Il suo gusto è piuttosto deciso ed è conosciuto anche come tahin o tahina. Per prepararlo in casa vi serviranno soltanto dei semi di sesamo e dell'olio extravergine d'oliva. Dovrete tostare i semi di sesamo in padella per un paio di minuti, senza aggiungere oli. Poi dovrete frullarli in un mixer o robot da cucina, aumentando via via la potenza e aggiungendo a poco a poco dell'olio extravergine o dell'olio di sesamo a filo, fino ad ottenere una crema di sesamo dalla consistenza il più possibile liscia ed omogenea.

In alcuni negozi dove vendono prodotti biologici, potete trovare sicuramente uno di questi 7 tipi di burro vegetale.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Ricetta Verdesca al Pomodoro
01 Ottobre 2014

Ricetta Verdesca al Pomodoro

Una valida alternativa al pesce spada

Oggi ho deciso di cucinare la Verdesca. Ma cos'è in realtà questo alimento? E' un pesce, più precisamente uno squalo, comunemente chiamato squalo blu che abita i fondali oceanici di tutto il mondo a temperature miti. Oltre ad essere molto saporito perché ha quasi lo stesso sapore del pesce spada

Crepes ai Pistacchi
23 Ottobre 2018

Crepes ai Pistacchi

I pistacchi danno tanti benefici perché contengono molti sali minerali soprattutto potassio, fosforo, magnesio e calcio, oltre a ferro e rame. Contengono, inoltre, molta vitamina A ma anche vitamina B,C e vitamina E.
Preparazione: 35 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.