(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Pizza con Grano Saraceno Senza Glutine

data di redazione: 02 Gennaio 2017
Pizza con Grano Saraceno Senza Glutine

Celiachia e sensibilità al glutine non celiaca, sono le intolleranze più comuni, la cura è sempre un’alimentazione senza glutine. Sebbene i sintomi come gonfiore addominale e stanchezza, siano comuni alle varie forme di intolleranze, la loro origine e la diagnosi è differente. Nella dieta del gruppo sanguigno, coloro che appartengono al gruppo sanguigno A sarebbero intolleranti al glutine e quindi dovrebbero non mangiare pasta, pane, pizza e piadina che contengono farine con glutine. Il frumento (o grano) lo conosciamo tutti e rappresenta la colonna portante dell’odierna dieta Mediterranea. L’Italiano medio mangia frumento praticamente ad ogni pasto: fette biscottate e/o biscotti la mattina, pasta e pane o grissini a pranzo, pane a merenda, pane anche a cena e qualche volta anche la pizza. Questa monotonia alimentare ha purtroppo delle ripercussioni sul nostro organismo e nel tempo, anche chi non è celiaco, potrebbe manifestare un’intolleranza alla principale proteina contenuta del frumento, ovvero il glutine. Se appartenete al gruppo sanguigno di tipo A, leggete questo articolo e continuate a leggere l'articolo.

La Pizza è la regina della cucina italiana, non è facile resistergli. Se siete intolleranti al glutine, oppure appartenete al gruppo sanguigno A, provate questa ricetta.

Ingredienti per 2 pizze:

  • 300 g di farina di riso;
  • 100 g di farina di grano saraceno;
  • 260 ml di acqua;
  • 16 g di lievito istantaneo per torte salate;
  • 1 cucchiaio di extravergine d’oliva;
  • 1 pizzico di sale.

Procedimento

  • Versate in una terrina le due farine e unitevi sale e lievito setacciato.
  • Mescolate gli ingredienti secchi per amalgamarli tra loro, quindi iniziate ad aggiungere l’acqua: un po’ alla volta e solo quanto basta per ottenere un impasto morbido, lavorabile con le mani.
  • Lasciate l'impasto a riposare e lievitare come avreste fatto per una pizza tradizionale.
  • Stendete poi l’impasto sopra la carta da forno in una apposita teglia.

Condimento?

Il gruppo sanguigno di tipo A non potrebbe consumare pomodoro, pertanto un'idea per condire la pizza potrebbe essere la seguente.

PIZZA CON BRESAOLA DI TACCHINO, FETA E CARCIOFINI

  • 50 Grammi di bresaola di tacchino
  • 50 Grammi di feta greca a dadini
  • 6-7 carciofini sott'olio
  • olio e.v.o.

Cuocete la pizza in modalità fornarina con olio, sale e rosmarino a 200° per 15' e poi conditela con delle fette di bresaola, con sopra dadini di feta greca e carciofini disposti a crudo. Un'idea per una cena al top, super digeribile e nutriente, sicuramente da provare.

PER PIZZA AL KAMUT CON BRESAOLA DI TACCHINO CLICCA QUI

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Tagliatelle Verdi con Sugo di Lime
10 Settembre 2015

Tagliatelle Verdi con Sugo di Lime

Ricetta insolita per condire le vostre amate tagliatelle, adatta anche ad un pubblico vegetariano (lacto-ovo-vegetariano per l'esattezza).

Frullato Energizzante al Pistacchio
16 Febbraio 2015

Frullato Energizzante al Pistacchio

Il Frullato del Lunedì

Al lunedì si ritorna alle mansioni lavorative e magari alla sera si torna in palestra a pompare ghisa, a lottare, a boxare. Al mattino dobbiamo ricaricare le batterie e oggi vi proponiamo il frullato del lunedì: FRULLATO ENERGIZZANTE AL PISTACCHIO

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.