Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Polpette di lupini alla paprika dolce

data di redazione: 29 Febbraio 2016
Polpette di lupini alla paprika dolce

I lupini sono antichi legumi con una grande concentrazione di proteine tanto da venire definiti la "carne dei vegani".

Sono energetici e hanno alto potere saziante aiutando così a dimagrire, naturalmente nel contesto di una dieta bilanciata. Sono facili da digerire e aiutano a metabolizzare i grassi le proteine e i carboidrati.

Grazie all'alto contenuto di fibre combattono la stipsi, essendo ricchi di omega 3 favoriscono l'abbassamento dei livelli del colesterolo "cattivo" (LDL). Recenti studi hanno dimostrato che la conglutina, la proteina contenuta nei lupini, combatte l'accumulo del glucosio nel sangue, sostituendo l'azione dell'insulina. Quindi questo legume potrebbe essere usato come terapia verso il diabete e anche verso altre patologie caratterizzate da insulino-resistenza.

Non contenendo glutine, i lupini sono un'ottima alternativa ai cereali, banditi dalla dieta dei celiaci.



VALORI NUTRIZIONALI dei lupini

Quantità per 100 grammi

Calorie 371

Grassi 10 g

Acidi grassi saturi 1,2 g

Acidi grassi polinsaturi 2,4 g

Acidi grassi monoinsaturi 3,9 g

Colesterolo 0 mg

Sodio 15 mg

Potassio 1.013 mg

Carboidrati 40 g

Fibra alimentare 19 g

Proteina 36 g

Vitamina A 0 IU Vitamina C 4,8 mg

Calcio 176 mg Ferro 4,4 mg

Vitamina D 0 IU Vitamina B6 0,4 mg

Vitamina B12 0 µg Magnesio


Polpette di lupini alla paprika dolce

INGREDIENTI

250 gr. lupini

100 gr. Quinoa

2 carote

4 pezzi di topinambur

4 cucchiai di pangrattato integrale

Sale rosa q.b.

1 cucchiaino di paprika dolce

noce moscata

Pepe nero q.b.

Olio evo

PROCEDIMENTO DI PREPARAZIONE

  • Cuocete la quinoa in 200 ml. di acqua per 10 minuti e lasciatela raffreddare nel tegame.
  • Sbucciate i lupini e tritateli.
  • Cuocete le carote e il topinambur a vapore, appena cotti (dovranno essere molto morbidi) metteteli una terrina capiente e pestateli con la forchetta.
  • Unite tutti gli ingredienti nella terrina.
  • Aggiungete il sale rosa, 2 cucchiaini di paprika, il pepe, abbondante noce moscata e 3 cucchiai di pangrattato integrale.
  • Fatelo diventare un impasto omogeneo e cominciate a formare delle polpette, finita questa operazione, deponete le polpettine in una teglia e, spruzzandole di olio evo infornatele a 180 gradi per 30/35 minuti.

Servitele calde su un letto di radicchi di campo.

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Spaghetti al radicchio di Chioggia
13 Novembre 2014

Spaghetti al radicchio di Chioggia

Piatto invernale di impronta vegana

Spesso la verdura viene sottovalutata, infatti utilizzando verdura di stagione e le spezie giuste si possono preparare piatti gustosi e saporiti da fare invidia ad un patto di lasagne alla bolognese. 

Pasta di Amaranto con i Broccoli
03 Gennaio 2017

Pasta di Amaranto con i Broccoli

Come preparare una buona pasta di amaranto con i broccoli.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.