(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Scelte Alimentari e Influenza della Memoria

data di redazione: 24 Maggio 2015
Scelte Alimentari e Influenza della Memoria

Perché si sceglie un cibo e non un altro

Le scelte alimentari vengono influenzate dalla memoria

Si può scegliere tra i due alimenti: una barretta di cioccolato o un pezzo di torta. Cosa influenza la vostra decisione? Il desiderio di essere in buona salute? La necessità di una spinta zucchero? Secondo un nuovo studio, la scelta può essere influenzata dal ricordo di un particolare alimento.

 

Un'associazione di memoria più forte con una mela, per esempio, può incoraggiarvi ad optare per la mela, anche se la torta è la scelta più attraente.

 

Mela o torta? Siamo più inclini a scegliere il cibo che è forte nei ricordi, secondo lo studio.

 

Lo studio rivela anche che l'influenza delle memorie sulle scelte alimentari è azionato da un aumento della comunicazione tra le due regioni cerebrali - l'ippocampo e la corteccia prefrontale ventromediale.

 

Il leader dello studio, il Dr. Sebastian Gluth e colleghi, presso l'Università di Basilea in Svizzera, hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Neuron.

 

Secondo i ricercatori, molte decisioni di tutti i giorni che facciamo - come ad esempio "Dove andiamo a cena?" - Sono guidati da informazioni recuperate dalla nostra memoria. Tuttavia, i processi neurologici alla base di tali decisioni sono stati poco chiari. Il Dr. Gluth e colleghi hanno cercato di ottenere una migliore comprensione di questi processi.

 

Il team ha arruolato 60 giovani partecipanti per il loro studio e gli ha mostrato 48 snacks - tra barrette di cioccolato, salatini e patatine - sullo schermo del computer. Ad ogni spuntino è stato assegnata una posizione specifica dello schermo, ed ai partecipanti è stato chiesto di valutare ogni spuntino in ordine di preferenza.

 

Successivamente, i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI), nel quale gli è stato ripetutamente chiesto di scegliere tra due spuntini. Tuttavia, a 30 partecipanti è stato mostrato solo la posizione dello snack, ciò significa che dovevano richiamare lo snack collegato ad una posizione. Agli altri 30 partecipanti sono stati mostrati gli spuntini direttamente sullo schermo.

 

I partecipanti sono stati più propensi a scegliere gli spuntini che potevano ricordare

 

Dal loro esperimento, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti hanno optato per gli spuntini di cui erano più in grado di ricordare la posizione. Per di più, i soggetti hanno scelto gli spuntini che ricordavano meglio, anche se li avessero valutati più bassi come preferenza in precedenza.

 

Le scelte alimentari dei 30 partecipanti a cui sono stati mostrati gli spuntini direttamente sullo schermo durante la fMRI erano correlati con le loro precedenti votazioni sulle preferenze.

 

Dalle scansioni fMRI, il team è stato in grado di valutare l'attività del cervello dei partecipanti durante le loro scelte alimentari basate sulla memoria. Ciò ha permesso loro di creare un modello matematico che mostra come i ricordi influenzano il processo decisionale.

 

Da questo, hanno identificato un aumento nella comunicazione tra l'ippocampo - la regione del cervello coinvolta nella memoria - e la corteccia prefrontale ventromediale - la regione del cervello decisionale – quando i partecipanti hanno fatto le loro scelte alimentari.

 

Commentando la rilevanza di questi risultati, il dottor Gluth dice:

 

"Il nostro studio getta un ponte tra due campi di ricerca centrali della psicologia, che sono, la memoria e la ricerca decisionale."

 

Il team aggiunge che la fMRI esegue la scansione e la modellazione matematica ma fornisce anche un'accurata comprensione di come l'ippocampo e la corteccia prefrontale ventromediale interagiscono a vicenda durante il processo decisionale.

 

Riferimenti:
Effective connectivity between hippocampus and ventromedial prefrontal cortex controls preferential choices from memory, Sebastian Gluth, et al., Neuron, doi: 10.1016/j.neuron.2015.04.023, published 20 May 2015, abstract.

University of Basel news release, accessed 20 May 2015 via AlphaGalileo.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Olio Di Cocco
23 Giugno 2016

Olio Di Cocco

Un olio che può aiutare a dimagrire e a migliorare la salute generale

L'olio di cocco è una delle fonti più ricche di grassi saturi che si possono trovare, con circa il 90% delle calorie provenienti da grassi saturi. I grassi saturi, sono stati ingiustamente demonizzati fino a pochi decenni fa ...

Cibi Naturali che Rimuovono le Tossine dal Corpo
20 Agosto 2015

Cibi Naturali che Rimuovono le Tossine dal Corpo

Gli enzimi disintossicano legando le tossine al glutatione in modo che il corpo può espellerle. La dieta gioca un ruolo importante in questo processo, e gli alimenti che aiutano in questa rimozione delle tossine includono tè verde, verdure crocifere e aglio.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.