ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Scelte Alimentari e Influenza della Memoria

data di redazione: 24 Maggio 2015
Scelte Alimentari e Influenza della Memoria

Perché si sceglie un cibo e non un altro

Le scelte alimentari vengono influenzate dalla memoria

Si può scegliere tra i due alimenti: una barretta di cioccolato o un pezzo di torta. Cosa influenza la vostra decisione? Il desiderio di essere in buona salute? La necessità di una spinta zucchero? Secondo un nuovo studio, la scelta può essere influenzata dal ricordo di un particolare alimento.

 

Un'associazione di memoria più forte con una mela, per esempio, può incoraggiarvi ad optare per la mela, anche se la torta è la scelta più attraente.

 

Mela o torta? Siamo più inclini a scegliere il cibo che è forte nei ricordi, secondo lo studio.

 

Lo studio rivela anche che l'influenza delle memorie sulle scelte alimentari è azionato da un aumento della comunicazione tra le due regioni cerebrali - l'ippocampo e la corteccia prefrontale ventromediale.

 

Il leader dello studio, il Dr. Sebastian Gluth e colleghi, presso l'Università di Basilea in Svizzera, hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Neuron.

 

Secondo i ricercatori, molte decisioni di tutti i giorni che facciamo - come ad esempio "Dove andiamo a cena?" - Sono guidati da informazioni recuperate dalla nostra memoria. Tuttavia, i processi neurologici alla base di tali decisioni sono stati poco chiari. Il Dr. Gluth e colleghi hanno cercato di ottenere una migliore comprensione di questi processi.

 

Il team ha arruolato 60 giovani partecipanti per il loro studio e gli ha mostrato 48 snacks - tra barrette di cioccolato, salatini e patatine - sullo schermo del computer. Ad ogni spuntino è stato assegnata una posizione specifica dello schermo, ed ai partecipanti è stato chiesto di valutare ogni spuntino in ordine di preferenza.

 

Successivamente, i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI), nel quale gli è stato ripetutamente chiesto di scegliere tra due spuntini. Tuttavia, a 30 partecipanti è stato mostrato solo la posizione dello snack, ciò significa che dovevano richiamare lo snack collegato ad una posizione. Agli altri 30 partecipanti sono stati mostrati gli spuntini direttamente sullo schermo.

 

I partecipanti sono stati più propensi a scegliere gli spuntini che potevano ricordare

 

Dal loro esperimento, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti hanno optato per gli spuntini di cui erano più in grado di ricordare la posizione. Per di più, i soggetti hanno scelto gli spuntini che ricordavano meglio, anche se li avessero valutati più bassi come preferenza in precedenza.

 

Le scelte alimentari dei 30 partecipanti a cui sono stati mostrati gli spuntini direttamente sullo schermo durante la fMRI erano correlati con le loro precedenti votazioni sulle preferenze.

 

Dalle scansioni fMRI, il team è stato in grado di valutare l'attività del cervello dei partecipanti durante le loro scelte alimentari basate sulla memoria. Ciò ha permesso loro di creare un modello matematico che mostra come i ricordi influenzano il processo decisionale.

 

Da questo, hanno identificato un aumento nella comunicazione tra l'ippocampo - la regione del cervello coinvolta nella memoria - e la corteccia prefrontale ventromediale - la regione del cervello decisionale – quando i partecipanti hanno fatto le loro scelte alimentari.

 

Commentando la rilevanza di questi risultati, il dottor Gluth dice:

 

"Il nostro studio getta un ponte tra due campi di ricerca centrali della psicologia, che sono, la memoria e la ricerca decisionale."

 

Il team aggiunge che la fMRI esegue la scansione e la modellazione matematica ma fornisce anche un'accurata comprensione di come l'ippocampo e la corteccia prefrontale ventromediale interagiscono a vicenda durante il processo decisionale.

 

Riferimenti:
Effective connectivity between hippocampus and ventromedial prefrontal cortex controls preferential choices from memory, Sebastian Gluth, et al., Neuron, doi: 10.1016/j.neuron.2015.04.023, published 20 May 2015, abstract.

University of Basel news release, accessed 20 May 2015 via AlphaGalileo.



Potrebbe interessarti anche

Aceto di Mele per la Perdita di Peso?
30 Settembre 2014

Aceto di Mele per la Perdita di Peso?

Che cos'è e a cosa serve

Molti sostengono che in una dieta, bere una piccola quantità di aceto di sidro di mele prima dei pasti o prendere un integratore di aceto di sidro di mele aiuta a ridurre l'appetito e bruciare i grassi. Tuttavia, alcuni studi...

Tabella Indice Glicemico e Carico glicemico per Oltre 100 Alimenti
07 Giugno 2015

Tabella Indice Glicemico e Carico glicemico per Oltre 100 Alimenti

Come scegliere i propri alimenti in base alla loro risposta glicemica

L'indice glicemico e il carico glicemico offrono informazioni su come i cibi influenzano i livelli di zucchero e di insulina nel sangue. Più basso è l'indice glicemico di un alimento o il carico glicemico, meno aumenta lo zucchero nel sangue e i livelli di insulina. Ecco un elenco di indice glicemico e carico glicemico per più di 100 alimenti comuni.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.