(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento con arma da fuoco

data di redazione: 03 Giugno 2015 - data modifica: 10 Marzo 2015
Allenamento con arma da fuoco

Le posizioni di tiro

Sempre più persone, soprattutto commercianti, con i tempi che corrono ricorrono ad un’arma da fuoco per sentirsi più sicuri nel loro esercizio commerciale.

Gioiellieri, gestori di distributori di carburante, tabaccai comprano un’arma da fuoco ma spesso vanno poco al poligono o peggio non pensano ad una tattica e tantomeno si allenano poco frequentemente per quando sarà il momento di tirarla fuori.

 

Estrazione dell’arma

Potrei cominciare con un semplice trucco che facilita lo spostamento della giacca quando si estrae la pistola; esso consiste nel portare in tasca una piccola quantità di monete o un portachiavi con qualche chiave. Il peso di questi oggetti faciliterà la manovra. 

 

Coordinazione nella mira del bersaglio

Una volta puntata l’arma è necessario  coordinare questo movimento con un passo laterale in direzione opposta al lato in cui si porta la pistola. Questo spostamento ha due finalità:

  1. la prima, facilitare “l’entrata in posizione”;
  2. la seconda, rendere più sicura anche se solo leggermente, la posizione del tiratore rispetto al suo avversario.

 

Si piegano le ginocchia, inclinando il corpo un po’ in avanti, e facendone ricadere il peso quasi sulla punta dei piedi.

Così, se il tiratore in un primo momento viene “toccato” leggermente dal suo avversario, cadrà probabilmente in avanti e avrà la possibilità di sparare uno o due colpi dalla posizione distesa.

  • A questo punto la mano estrae l’arma dalla fondina e, con polso fermo, descrive un piccolo arco in avanti, tenendo come fulcro di rotazione la spalla.
  • Il braccio si alza, fino all’altezza desiderata, e si dirige al centro del corpo, rimanendo parallelo al terreno;
  • il gomito deve essere collocato verso l’interno del corpo. L’altro braccio rimane lungo il corpo e ha la funzione di contrappeso.

 

Terminate le azioni descritte, l’arma deve rimanere diretta verso il bersaglio; è quindi importantissima la vista.

Gli occhi devono guardare il bersaglio in ogni momento, mentre l’arma rimane nel campo visivo indiretto.

Per variare l’altezza dei colpi bisogna alzare o abbassare le ginocchia senza modificare la posizione del corpo o l’altezza del braccio e, naturalmente, senza piegare il polso.

Qualora sia necessario correggere la direzione (a destra o a sinistra), per esempio per colpire diversi bersagli, si muoverà tutto il corpo senza compromettere l’insieme armonico della posizione.

Dipende anche dal tipo di arma

Tutto quanto si è detto è riferito all’uso di armi dotate di “doppia azione”. 

Se si usa invece automatica, che non ha le stesse caratteristiche, dovremo caricare l’arma subito dopo l’estrazione dalla fondina, nel momento in cui percorre il piccolo arco in avanti, con l’aiuto dell’altra mano, che tirerà il cursore, e che verrà ritirata dopo che il braccio si troverà nella posizione finale.

Ricordiamo che, all’inizio, è necessario allenarsi lentamente e con l’arma scarica. Poi, un solo colpo basterà a verificare se la tecnica è stata appresa. Con la pratica è possibile riuscire a ottenere la piena padronanza.

 

Precauzioni necessarie nella detenzione di arma da fuoco

In conclusione, prestate attenzione alle seguenti regole di sicurezza, che vanno rigorosamente osservate, al fine di evitare gravissimi incidenti, purtroppo frequenti.

  1. Tenere l’arma sempre scarica, se la si lascia in luoghi accessibili ad altre persone o bambini.
  2. Quando la si prende, eseguire tutte le operazioni necessarie per scaricarla, anche se si è convinti che lo sia già.
  3. Maneggiarla con cura nel metterla o toglierla dalla fondina.
  4. Non mettere il dito indice sul grilletto, se non quando si deve fare fuoco.
  5. Non puntare o dirigere mai l’arma contro nessuno, salvo in caso disperato di legittima diesa.
  6. Nell’esercitarsi, se non si usa l’arma, tenerla nella fondina, senza caricare il cane, che potrebbe scattare da un momento all’altro.
  7. Non mettere mai la mano davanti alla bocca da fuoco mentre, ad esempio, si sta regolando l’impugnatura.

 

Non bisogna mai dimenticare che un’arma da fuoco corta presenta dei rischi e che le prove di tiro pratico sono pericolose, per questo bisogna prestare la massima attenzione alla sicurezza personale e, naturalmente, a quella altrui.

 

Buon allenamento da ABC.

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

SWAT Addestramento dei Corpi Speciali di Polizia
16 Aprile 2018

SWAT Addestramento dei Corpi Speciali di Polizia

Come si addestrano le squadre SWAT, gli Operatori di Polizia delle squadre speciali

Il Centro avanzato di tecniche di immobilizzazione CATI - Police Training è una delle poche federazioni al mondo dove si pratica la lotta corpo a corpo, tecniche di difesa personale non molto in voga in Italia e stati europei in quanto in questi paesi si cerca di mantenere una certa distanza dall’ipotetico aggressore. In certi contesti la lotta corpo a corpo, con l'adeguato lavoro di squadra, è risolutiva in quanto si spengono sul nascere le azioni del nostro aggressore. Spesso in questi addestramenti gli operatori atterrano il malvivente con tecniche di Take down oggi molto in voga nelle MMA e submission grappling .

​Tony Sentmanat - La Bestia
09 Maggio 2017

​Tony Sentmanat - La Bestia

Un Veterano dei Marines ed Ex Operatore SWAT

Sicuramente l'avrete visto su Youtube impegnato in allenamenti di ogni genere condotti con un'intensità incredibile. Il suo soprannome? La Bestia.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2