Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le Peculiarità Psico Fisiche dell'Operatore SWAT

data di redazione: 28 Ottobre 2015
Le Peculiarità Psico Fisiche dell'Operatore SWAT

Per diventare un membro di una squadra SWAT, è necessario essere un agente di Polizia con eccellenti doti fisiche, attitudinali, mentali e dimostrare avanzate competenze nel maneggio ed uso di armi da fuoco.

Le Squadre SWAT di tutto il mondo, rispondono in generale a situazioni ad alto rischio dove i membri possono poi specializzarsi in vari settori. In questo articolo vedremo gli aspetti tipici dell’allenamento funzionale effettuato da un operatore della Swat.

Adottando un allenamento più funzionale, le unità speciali delle forze di polizia, possono migliorare la loro efficacia e prolungare la longevità dei loro operatori.


Negli ultimi anni c’è stato un cambiamento nel mondo del fitness, dove si ricerca maggiormente l’aspetto funzionale dell’allenamento, pertanto anche i singoli operatori di polizia appartenenti alle swat, desiderano migliorare la loro preparazione fisica generale, dando maggiore importanza all’aspetto funzionale, perché poi gli potrà servire in operazioni delicate ad alto rischio.

L’allenamento base di una squadra swat di norma è basato sulla corsa che può iniziare con una fase di fondo a ritmo costante, sprint, ripetute e anche salite di scale ad alta velocità con piccoli carichi che possono essere anche le armi scariche e l’equipaggiamento completo (casco e giubbotto antiproiettile).


L’allenamento poi, può spostarsi sull’aspetto della difesa personale, la quale sarà praticata con l’uniforme e equipaggiamento di servizio, in quanto in caso di intervento bisogna essere in grado di gestire il proprio equipaggiamento anche nel corpo a corpo, stesso discorso vale anche per il tiro.


Durante l'allenamento è il momento di scoprire e risolvere eventuali problemi legati ad operare con l’equipaggiamento tattico di servizio, cercando soluzione e migliorie per effettuare le operazioni in massima sicurezza con gli altri operatori.


E’ quindi essenziale che gli operatori SWAT possiedano una combinazione di forza, velocità ed agilità. Portano un sacco di peso in più, rispetto ad un operatore di polizia normale, potrebbero essere chiamati a correre per diverse centinaia di metri, scavalcare una recinzione, salire tre rampe di scale, abbattere una porta, e poi eventualmente sparare un colpo di precisione, in situazioni quindi di stress alquanto elevato.


La settimana per un operatore della Swat non è semplice da strutturare ed organizzare dal punto di vista dell’allenamento ed addestramento, ci vuole una sinergia e bisogna cercare di allenare un po’ tutte le qualità.

Si potrebbe fare una periodizzazione di tipo sportivo, ma l’operatore swat non è un lottatore, judoka o pugile, che ha un programma di incontri da rispettare e per il quale prepararsi adeguatamente, un operatore swat deve essere forte un po’ in tutto, 365 gg all’anno.


Pertanto non bisogna focalizzare gli sforzi o solo sull’allenamento della forza e della massa muscolare, o solo sulla difesa personale (striking e grappling), o solo sulla preparazione atletica (corsa ed aspetto aerobico dell’operatore).


E’ chiaro che queste attività si andranno a sommare alle altre innumerevoli attività di tipo tecnico previste come il tiro operativo, esercitazioni di guida, arrampicate, corde ecce ecc..

Gli operatori swat sono dei seri professionisti in tutto il mondo ed in Italia abbiamo l'onore di avere l'eccellenza!!

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Protocollo di Allenamento Funzionale e Combattimento della SWAT
14 Dicembre 2015

Protocollo di Allenamento Funzionale e Combattimento della SWAT

Semplice Protocollo di Allenamento per Allenarsi come un Operatore dei Reparti Speciali

Anche se non sei un operatore della swat, potresti prendere spunto per allenare all'unisono: FORZA, CARDIO e DIFESA PERSONALE​

Il Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines
26 Maggio 2015

Il Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines

L'Evoluzione del Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines

Vediamo come si addestrano i Marines Americani nel Campo della Difesa Personale. Tra il 1989 e il 1998, la US Marine Corps ha utilizzato il sistema LINE con il quale ha formato più di 750.000 soldati nella complessità del combattimento corpo a corpo. Ora sono passati ad un metodo simile alle moderne MMA

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.