ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Drop Jump

data di redazione: 18 Maggio 2015
Drop Jump

DROP JUMP - Salto in Caduta

Un Drop Jump consiste in un salto effettuato da una pedana, durante il quale l’arto mantiene fermamente un dato angolo, senza piegarsi ulteriormente. Nella maggior parte dei casi, l’angolo si aggira tra un quarto e la metà dell’ampiezza totale del piegamento.


Per creare l’alta tensione necessaria a migliorare la Forza Massima, gli atleti devono atterrare sugli avampiedi, tenendo le ginocchia ed i gomiti secondo un angolo predeterminato. Questo angolo dovrà essere mantenuto per 2 o 3 secondi.

 

Per quanto riguarda i Drop Jump rivolti alle braccia, l’utilizzo di un giubbotto zavorrato potrebbe essere particolarmente utile al fine di aumentare il carico.


Il notevole sforzo e la tensione prodotti durante un drop jump si ripercuotono sia sul tessuto muscolare che sui legamenti e sui tendini. Finché gli atleti non abbiano alle spalle almeno 4-5 anni di allenamento della forza o che non si siano abituati a carichi pesanti ed i loro legamenti e tendini non si siano rafforzati al punto giusto, non dovrebbero eseguire né drop jump da pedane molto elevate né utilizzare sovraccarichi.


Nel Drop Jump sugli arti inferiori, la colonna vertebrale deve essere fissata saldamente e tenuta più verticale possibile. Non bisogna sbilanciarsi in avanti o indietro, soprattutto quando si utilizzano sovraccarichi, poiché potrebbero verificarsi lesioni nella zona inferiore della schiena.


Se si adopera un bilanciere, l’atleta e l’attrezzo dovrebbero comporre un’unità singola e compatta. Un asciugamano sulle spalle eviterà la comparsa di lividi in caso di anomali rimbalzi.



Il lavoro progressivo dai drop jump senza carico a quelli effettuati da altezze maggiori o eseguiti con carichi aggiuntivi dovrebbe svolgersi nel corso di diversi anni di allenamento.

La cautela in questo caso non è mai troppa, poiché è sempre meglio per gli atleti lavorare con carichi leggeri che troppo pesanti. La progressione nel Drop Jump è la seguente :


• DROP JUMP senza sovraccarico altezza moderata di 60 cm
• DROP JUMP altezza 80 cm
• DROP JUMP altezza modesta (dai 30 ai 60 cm) con sovraccarico come un giubbotto zavorrato
• DROP JUMP altezza medio-alta (dai 60 ai 80 cm) con sovraccarico come un giubbotto zavorrato 
• DROP JUMP altezza medio-alta (dai 60 ai 80 cm) con sovraccarico maggiore

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team


Potrebbe interessarti anche

Come Migliorare nel Pistol Squat
25 Dicembre 2017

Come Migliorare nel Pistol Squat

In molti evitano il Pistol Squat perchè è un esercizio funzionale tecnicamente complicato e fisicamente alquanto duro, il difficile di questo movimento, sta nel punto di ritorno, ovvero nella risalita, e nel punto più basso, ma il fatto che non è uno degli esercizi più semplici non deve essere una motivazione per non effettuarlo.

Toes to Bar - Il Miglior Esercizio per il Core
03 Giugno 2017

Toes to Bar - Il Miglior Esercizio per il Core

Esercizio Funzionale per Scolpire gli Addominali

Per ottenere il massimo sviluppo addominale è necessario inserire nelle routine di allenamento anche esercizi più duri, di pura forza come avviene nell’allenamento funzionale.

Ultimi post pubblicati

Muscoli a Corpo Libero, Elastici o Manubri
23 Novembre 2020

Muscoli a Corpo Libero, Elastici o Manubri

Come Allenarsi in Tempo di Lockdown

Come fare per rimanere in forma al tempo della quarantena e del lockdown? In questi mesi, con la necessità primaria di ridurre il contagio e rispettare le regole di distanziamento sociale, per riuscire a fare attività fisica abbiamo dovuto imparare l’arte dell’arrangiarsi, rinunciando ad esempio alla palestra, il luogo deputato al fitness e al benessere per eccellenza.

7 Esercizi Migliori Per Un Natural
23 Novembre 2020

7 Esercizi Migliori Per Un Natural

La selezione degli esercizi da utilizzare per allenarti al meglio è molto importante. Nel natural bodybuilding bisogna allenarsi in maniera certosina con i giusti esercizi, il giusto volume globale, la giusta intensità e ovviamente il recupero idoneo a seconda dell'esperienza dell'atleta.