Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Drop Jump

data di redazione: 18 Maggio 2015
Drop Jump

DROP JUMP - Salto in Caduta

Un Drop Jump consiste in un salto effettuato da una pedana, durante il quale l’arto mantiene fermamente un dato angolo, senza piegarsi ulteriormente. Nella maggior parte dei casi, l’angolo si aggira tra un quarto e la metà dell’ampiezza totale del piegamento.


Per creare l’alta tensione necessaria a migliorare la Forza Massima, gli atleti devono atterrare sugli avampiedi, tenendo le ginocchia ed i gomiti secondo un angolo predeterminato. Questo angolo dovrà essere mantenuto per 2 o 3 secondi.

 

Per quanto riguarda i Drop Jump rivolti alle braccia, l’utilizzo di un giubbotto zavorrato potrebbe essere particolarmente utile al fine di aumentare il carico.


Il notevole sforzo e la tensione prodotti durante un drop jump si ripercuotono sia sul tessuto muscolare che sui legamenti e sui tendini. Finché gli atleti non abbiano alle spalle almeno 4-5 anni di allenamento della forza o che non si siano abituati a carichi pesanti ed i loro legamenti e tendini non si siano rafforzati al punto giusto, non dovrebbero eseguire né drop jump da pedane molto elevate né utilizzare sovraccarichi.


Nel Drop Jump sugli arti inferiori, la colonna vertebrale deve essere fissata saldamente e tenuta più verticale possibile. Non bisogna sbilanciarsi in avanti o indietro, soprattutto quando si utilizzano sovraccarichi, poiché potrebbero verificarsi lesioni nella zona inferiore della schiena.


Se si adopera un bilanciere, l’atleta e l’attrezzo dovrebbero comporre un’unità singola e compatta. Un asciugamano sulle spalle eviterà la comparsa di lividi in caso di anomali rimbalzi.



Il lavoro progressivo dai drop jump senza carico a quelli effettuati da altezze maggiori o eseguiti con carichi aggiuntivi dovrebbe svolgersi nel corso di diversi anni di allenamento.

La cautela in questo caso non è mai troppa, poiché è sempre meglio per gli atleti lavorare con carichi leggeri che troppo pesanti. La progressione nel Drop Jump è la seguente :


• DROP JUMP senza sovraccarico altezza moderata di 60 cm
• DROP JUMP altezza 80 cm
• DROP JUMP altezza modesta (dai 30 ai 60 cm) con sovraccarico come un giubbotto zavorrato
• DROP JUMP altezza medio-alta (dai 60 ai 80 cm) con sovraccarico come un giubbotto zavorrato 
• DROP JUMP altezza medio-alta (dai 60 ai 80 cm) con sovraccarico maggiore

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come Simulare l'Arrampicata con la Corda con un Semplice Bilanciere
20 Aprile 2015

Come Simulare l'Arrampicata con la Corda con un Semplice Bilanciere

Barbell Climbs - Esercizio Funzionale simile all'arrampicata che si effettua con un bilanciere

Non tutti in palestra hanno le corde da arrampicata, oppure non tutti hanno un'altezza del soffitto tale da permettere di eseguire questo fantastico e duro esercizio funzionale

Wall Squat
08 Febbraio 2015

Wall Squat

Esercizio Propedeutico a Corpo Libero per Migliorare il Tuo Squat

Esercizio riportato in auge da Pavel Tsatsouline, il re dell'allenamento funzionale ed é un movimento propedeutico e preparatorio per i vari tipi di squat pesanti : back, front ed overhead.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.