(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Floor Press

data di redazione: 26 Settembre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Floor Press

Distensioni con kettlebell, manubri, bilanciere o sandbag per i pettorali senza l'utilizzo della panca

Il Floor Press è un "esercizio funzionale" a molti sconosciuto, e chi lo conosce lo sottovaluta. Le critiche nascono dal fatto che nella fase eccentrica, ovvero nella discesa del movimento, il braccio tocca il terreno prima che il pettorale raggiunga il suo massimo stiramento. Questo vanificherebbe, almeno parzialmente, l'efficacia dell'esercizio.

 

E' giusto questo concetto?

 

Innanzittutto, nelle palestre l'esercizio più utilizzato e famoso per allenare i pettorali sono le "distensioni con bilanciere su panca piana", attrezzo che per conformazione fisica limita il range di movimento delle braccia. Lo Stop, infatti, avviene con il bilanciere in appoggio sul petto, quando le braccia potrebbero scendere ben al di sotto di esso ( come avviene ad esempio con i manubri). Nemmeno questo, però c'entra davvero il nocciolo della questione. 

 

Analizziamo la posizione e le catene cinematiche coinvolte :

 

 

- Arti inferiori, glutei, adduttori, fascia addominale e paravertebrali, trapezio e parascapolari ed extrarotatori della cuffia sono attivati isometricamente con il compito di stabilizzatori.

 

- Il Blocco pettorale - deltoide - tricipite lavora dinamicamente contro una resistenza ben diversa da quella offerta da un bilanciere o manubrio. Il kettlebell, infatti proprio per la sua conformazione fisica, è un peso destabilizzato e come tale non presenta punti di detensione nell'arco del movimento. Nel punto di massima contrazione del pettorale, con le mani intraruotate e le braccia distese sopra il petto, l'accorciamento è sicuramente superiore a quello ottenuto nella distensione su panca, l'effetto e il peso percepito sono maggiori rispetto a quelli prodotti con manubri dello stesso peso. 

 

Il Floor press è dunque un esercizio eccezionale da integrare ai classici esercizi per i pettorali da palestra. 

 

Come si esegue ?

  1. Sdraiatevi supini con le gambe flesse
  2. Pianta dei piedi in appoggio a terra
  3. Afferrate un kettlebell per ogni mano
  4. Tenete le braccia a contatto con il pavimento
  5. Avambracci perpendicolari a terra
  6. Spingete il bacino verso e allineate il corpo come un'asse diagonale
  7. Restate in appoggio sulle vostre scapole
  8. Stabilizzate la posizione
  9. Spingete verso l'alto i kettlebell 
  10. Mantenete il bacino in alto che fungerà da panca declinata umana 
  11. Eseguite il numero di ripetizioni imposto dalla scheda di allenamento

 

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Frankenstein Squat
20 Dicembre 2015

Frankenstein Squat

Esercizio Propedeutico per Altri Esercizi

Il Frankenstein Squat non è altro che un'accosciata con una posizione del bilanciere particolare. Questo esercizio può servire per adottare una buona tecnica di accosciata...

Tire Flip
21 Aprile 2018

Tire Flip

Ribaltamento del Pneumatico

La sua esecuzione imita molto alcuni gesti che vengono compiuti in alcuni sport e comunque rimane un esercizio ineguagliabile in termini di completezza a livello muscolare, in quanto verranno attivati anche i muscoletti delle orecchie.

Ultimi post pubblicati

Polpettone di Tacchino, Noci e Arachidi
13 Novembre 2018

Polpettone di Tacchino, Noci e Arachidi

Il polpettone di ABC Allenamento ricco di Proteine e Grassi Buoni

Il tacchino è una buona fonte sia di zinco, importante per la salute del sistema immunitario, sia di selenio, un minerale che ha proprietà antiossidanti. In questa ricetta vi proponiamo il nostro polpettone di tacchino con noci e arachidi, ricco di proteine e grassi "buoni".
Preparazione: 45 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4
CRUNCH SU PANCA PIANA CON MANI SULLE TEMPIE
13 Novembre 2018

CRUNCH SU PANCA PIANA CON MANI SULLE TEMPIE

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.