(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

MedBall Plank

data di redazione: 15 Aprile 2015
MedBall Plank

2 Varianti dell'Esercizio Plank da eseguire con la Palla Medica

Gli esercizi Plank sono un ottimo indicatore della forza della fascia addominale in stabilizzazione, sentite il bruciore o dolore a livello addominale? Significa che i vostri addominali hanno ceduto e state caricando sulla cerniera lombare.

 

Fino a quando il retto dell'addome, vero antagonista, qui, del quadrato dei lombi e "protettore" della bassa schiena, lavorerà, la zona lombare sarà al sicuro, perché il retto dell'addome si caricherà tutto il lavoro.

 

Vi accorgerete di quanto questo esercizio alleni i muscoli stabilizzatori della scapola e della cuffia dei rotatori. Non stupitevi di sentire lavorare in sinergia gran pettorale e gran dorsale, erroneamente spacciati per antagonisti.

 

I 2 muscoli, infatti, lavorano ogni volta che il busto è in posizione di sospensione e di semi-sospensione per stabilizzarlo.

 

In questo articolo descriveremo 2 esercizi PLANK da eseguirsi con 1 o 2 palle mediche.

 

MEDBALL ON ARMS PLANK POSITION

ESECUZIONE

  • Sistematevi in Plank Position con le mani in appoggio sulla medball
  • Espirando, stabilizzate il corpo come fosse un'asse
  • Chiudete leggermente le costole verso il bacino per mantenere la posizione neutrale e deprimete le scapole
  • Mantenete la posizione per il tempo prefissato
  • Nella foto della homepage è impressa la posizione da assumere durante l'esecuzione dell'esercizio

 

ARMS ON MEDBALLS PLANK

Per aumentare la difficoltà della versione del Plank precedente basta utilizzare 2 medball invece che una. Gestire la stabilità del corpo su 2 attrezzi instabili richiede sicuramente più forza e controllo del Core e degli arti. L'obiettivo di entrambi le versioni è di aumentare il tempo sotto tensione.

 

ESECUZIONE

 

  • Sistematevi in plank position a braccia tese, con le mani in appoggio su 2 medball
  • Espirando, chiudete bene l'addome, stabilizzando le scapole e mantenete la posizione neutrale della schiena
  • Rimanete in posizione per il tempo prefissato.

Quando allenate gli addominali provate ad inserire questi due esercizi cercando di rimanere sotto tensione almeno 30", aumentando gradualmente il tempo seduta dopo seduta. Si consigliano 3 o 4 serie, dove recupererete 1 minuto tra una serie e l'altra.

 

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

10 Esercizi Funzionali per Incrementare la Potenza dei Pugni
11 Settembre 2016

10 Esercizi Funzionali per Incrementare la Potenza dei Pugni

Un pugno potente deve essere accompagnato non solo dai muscoli della parte superiore del corpo, ma anche dal peso di tutto il corpo, cioé bisogna saper "scaricare il proprio peso" attraverso il pugno all'avversario causando in quest' ultimo uno shock maggiore

Perché Conoscere il Rapporto tra lo Squat ed il Clean e Jerk
03 Gennaio 2015

Perché Conoscere il Rapporto tra lo Squat ed il Clean e Jerk

Come migliorare, senza infortuni, nel clean e jerk

Lo squat dietro, o semplicemente lo squat, ha il valore di portata del peso più grande di qualsiasi esercizio di sollevamento olimpico. Non è semplicemente possibile sviluppare un weightlifter, al suo pieno potenziale, senza che abbia eseguito prima migliaia di ripetizioni di squat dietro pesanti.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.