Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Potenza massima nelle distensioni su panca

data di redazione: 19 Marzo 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
La Potenza massima nelle distensioni su panca

Siamo sicuri che la panca sia l'esercizio giusto per aumentare la potenza?

In questo studio, i ricercatori australiani di una nota università hanno valutato il carico relativo a cui corrisponde la potenza media più elevata nelle distensioni su panca con lancio del bilanciere, esercizio effettuato tramite l'utilizzo di una SMITH MACHINE anche detta MULTYPOWER.

 

31 Giocatori professionisti di rugby hanno testato il loro massimale nelle normali distensioni su panca. Durante l'esperimento hanno invece utilizzato il Bilanciere guidato, effettuando il movimento alla massima velocità possibile, con carichi diversi.

 

Il Bilanciere guidato permette all'atleta di esprimere la massima potenza durante tutto l'arco del movimento, senza rallentare alla fine, come avviene nelle normali distensioni su panca con bilanciere classico. E' praticamente un esercizio balistico.

 

Il carico a cui è stata misurata la massima potenza media, lungo l'intero arco di movimento, corrispondeva al 55% circa del massimale nelle normali distensioni su panca anche se con carichi leggermente superiori o inferiori la potenza espressa non cambiava in modo significativo.

 

Gli autori suppongono che sia quindi possibile esprimere la massima potenza anche con carichi nel range del 46%-62% del massimale, a conferma del fatto che la curva della potenza è abbastanza piatta. Gli studiosi hanno confrontato le curve della produzione di forza nei 2 esercizi ( distensioni tradizionali e con multypower) concludendo che, avendo la possibilità di lanciare il bilanciere, la produzione di forza è maggiore perchè l'arco di movimento è maggiore.

 

Pertanto se dovete programmare un allenamento è necessario tenere presente che nel caso delle girate o dello strappo, la potenza massima corrisponde a un carico relativo elevato, ma modesto se confrontato con i carichi utilizzati nello stacco da terra (forse più indicato per aumentare la forza massima).

 

Nelle distensioni su panca, nello squat è sempre necessario rallentare il carico alla fine del movimento, pertanto non rappresentano lo strumento più efficace per allenare la forza veloce, che risponde meglio a sollecitazioni di tipo balistico.

 

 

Come si può definire la POTENZA MUSCOLARE ?

La potenza esprime gli aspetti esplosivi della forza ed è data da:

Potenza = Forza / Tempo

In altri termini la potenza muscolare di un soggetto ci dice quanto riesce a spostare nell'unità di tempo. A parità di carico sollevato in una distensione massimale su panca piana (peso=100Kg) GIUSEPPE è più potente di ROBERTO se compie il movimento in un tempo minore.

 

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento Strongman per Principianti
25 Dicembre 2017

Allenamento Strongman per Principianti

Volete effettuare un Allenamento da Strongman? Perchè un praticante di una palestra tradizionale dovrebbe, una tantum, provare un Allenamento da Strongman? Sappiate che incorporare uno Strongman training nella vostra normale routine aggiungerà innumerevoli benefici al vostro stato di forma.

Distensioni di Potenza su Panca Inclinata
01 Ottobre 2014

Distensioni di Potenza su Panca Inclinata

Incrementare la Potenza con la Smith Machine

La smith machine, anche denominata "multypower", aiuta a sviluppare la potenza perché permette di eseguire diversi esercizi in modo esplosivo senza preoccuparsi troppo del carico e di stabilizzare il peso.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.