Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La specificità e l’individualità nel Functional Training

data di redazione: 12 Aprile 2015
La specificità e l’individualità nel Functional Training

Ecco perché dovete basare il vostro allenamento su questi principi

Il Functional Training per dare dei buoni risultati deve rispettare determinati parametri che si possono  definire dei veri e propri principi di allenamento da seguire.

L’atleta o il preparatore atletico nel momento in cui vanno a pianificare una stagione sportiva ad hoc devono conoscere alla perfezione questi principi per ottimizzare i risultati.

L’uso di attrezzi funzionali vari ai fini della preparazione atletica deve considerare dei parametri per sviluppare allenamenti efficaci e specifici per ogni disciplina sportiva.

 

Ogni sport ed ogni atleta hanno caratteristiche uniche e pertanto l’allenamento per migliorare deve essere specifico per ogni sport e adattato alle esigenze di ogni singolo atleta.

 

 

I principi a cui ci riferiamo in questo articolo sono i seguenti:

  1. L’individualità
  2. La specificità

 

 

1. L’individualità dell’allenamento

Ogni atleta è diverso dall’altro, quindi questo principio è valido anche da un punto di vista dell’allenamento.

In soggetti diversi lo stesso metodo di allenamento o lo stesso esercizio inducono risposte differenti all’allenamento.

 

Questo enunciato ci dimostra che non esistono allenamenti universali adatti a tutti, non esiste nemmeno l’allenamento perfetto che porterà ogni atleta di questo mondo al massimo della sua condizione fisica.

Se seguite pari pari lo schema di allenamento di Fedor Emilianenko, non vi permette di diventare di sicuro un atleta esattamente come lui; questo perché costui, in quanto tale (in quanto campione) avrà sicuramente doti genetiche fuori dal comune ed il suo allenamento inevitabilmente non può essere adatto a tutti gli atleti di Sport da Combattimento.

 

Ogni individuo deve avere un protocollo personale di lavoro studiato 

  • per il suo passato atletico personale, 
  • per le sue caratteristiche fisiche, 
  • per le proprie condizioni di vita fuori dalla palestra 
  • per le sue esigenze, 

e via dicendo.

Cosa vogliamo dire?

Sostanzialmente ad ogni persona occorre un protocollo di lavoro fatto su misura.

Pertanto i protocolli di allenamento che state seguendo ora magari (anche presi da articoli del nostro sito) sono solo linee generali che l’atleta deve in parte adattare a sé a seconda della propria esperienza e della propria risposta al lavoro propostogli. 

 

Questo compito è alquanto complesso e per questo consigliamo a tutti i lettori da farsi  seguire da persone esperte. 

L’individualità dell’allenamento permette di ottimizzare i risultati e migliorare l’adattamento indotto dal protocollo. Per creare un allenamento personalizzato occorre tanta esperienza e tanta sperimentazione dal parte dell’atleta.

Dovete essere attenti ai risultati!

Se vi cimentate in un protocollo nuovo, in una scheda trovata nel sito ad esempio, per prima cosa la dovete provare e capire velocemente se crea miglioramenti della condizione fisica oppure no.

Se non notate un miglioramento, l’allenamento in qualche modo va modificato.

Nonostante questo principio, le schede propostevi dal vostro allenatore (oppure quelle tirate giù dagli articoli del nostro portale) restano sempre degli ottimi lavori mirati a garantire la migliore prestazione nello sport in cui cercate di migliorare. 

 

La specificità dell'allenamento

Secondo il principio della specificità gli adattamenti indotti dall’esecuzione di protocolli funzionali son altamente specifici. 

Cosa vuol dire?

Questo vuol dire che un determinato esercizio non migliora tutte le qualità fisiche ma solamente una in particolare. 

Per esempio se vi allenate con attrezzi pesanti (kettlebell, manubri, o bilancieri con carichi sub-massimali e massimali) migliorate la forza ma non la resistenza. 

Allenamenti a circuito (con med-ball, sacca bulgara o trx ad esempio) allenano la resistenza ma non la forza.

Per questo motivo l’allenamento e gli esercizi usati per migliorare una particolare qualità atletica sono diversi da quelli utilizzati per un’altra.

Secondo questo principio di allenamento quindi la preparazione atletica per uno sport che richiede particolari caratteristiche atletiche all’atleta, deve essere per forza differente da quella di un’altra attività sportiva.

 

 

 

Buon allenamento da ABC

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento Corpo Libero 1 del Lunedì
01 Ottobre 2014

Allenamento Corpo Libero 1 del Lunedì

Dopo il relativo riposo del fine settimana, il Lunedì è il momento per un allenamento a corpo libero più lungo e magari anche per eliminare qualche caloria in più acquisita durante la domenica. Per garantire l'intensità deve essere mantenuto alto il ritmo dell'allenamento che consiste in molti esercizi ma con breve serie di ripetizioni. Lo scopo è di fare più circuiti.

Catena Estensoria dell'Anca
31 Ottobre 2017

Catena Estensoria dell'Anca

Da Dove Nasce la Forza del Corpo Umano?

La muscolatura dell'anca è quella che maggiormente esprime forza e potenza, non a caso è qui che si trova il gluteo il muscolo più forte del corpo umano dopo il massetere muscolo masticatore.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.