(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Lo Schema Motorio

data di redazione: 28 Settembre 2018 - data modifica: 01 Novembre 2018
Lo Schema Motorio

Lo schema motorio è una sequenza ordinata e coordinata di movimenti che al momento opportuno vengono evocati e verificati nella correttezza della sequenza e dell’entità dal cervelletto affinché un azione motoria complessa possa svolgersi correttamente. 

La presenza di questo meccanismo rende ragione d come sia possibile eseguire in tempi brevissimi e correttamente azioni motorie estremamente complesse, acquisite in precedenza. 

La possibilità di acquisizione di nuove sequenze o schemi motori così come la possibilità di migliorarne (allenandola) l’efficienza e l’efficacia è un fattore cruciale, in quanto ripetendo correttamente un’azione motoria complessa come per esempio l’esecuzione di un esercizio sarà possibile migliorare costantemente eseguendo l’azione desiderata in maniera sicura ed efficiente. 

La fase dove avviene in prevalenza l’acquisizione degli schemi motori è quella pre-puberale, risulta quindi fondamentale che in questa finestra temporale avvengano più contatti possibili (ovviamente corretti) con lo sport e l’attività fisica onde acquisire un notevole numero di schemi motori. 

Inoltre è importante che l’azione motoria venga acquisita correttamente: acquisendo in maniera scorretta o imprecisa l’intera azione o una sua parte si creerà un errore metodico e strutturato che risulta molto difficile da correggere. 

Alla luce di quanto appena affermato nella didattica di un esercizio sarà opportuno seguire il seguente procedimento logico-didattico focalizzando gli aspetti favorevoli ad un corretto apprendimento: 

  • Chiamare sempre l’esercizio con il suo nome corretto e assicurarsi che il cliente lo acquisisca 
  • Identificare il muscolo coinvolto prima con il nome anatomico (quadricipite femorale) poi eventualmente spiegarlo con il nome comune (coscia, parte frontale) 
  • Illustrare su se stessi il muscolo interessato indicando origine, inserzione eccetera, invitando eventualmente il cliente a fare lo stesso 
  • Illustrare e mostrare l’azione del muscolo (flessione, adduzione, eccetera) 

A questo punto risulta possibile spiegare al cliente quali sono le applicazioni pratiche di quanto acquisito, anche in relazione all’attività lavorativa o ad eventuali attività ludiche (hobbies o sport) praticate, ponendo per esempio l’accento su come l’acquisizione corretta di un movimento di squat possa essere utile in tutte le attività che richiedono un sollevamento da terra di un carico. 

  • Mostrare l’esecuzione dell’esercizio in tutte le sue fasi, spiegandolo fase per fase (fase positiva del movimento e respirazione associata, fase negativa e respirazione associata, fase neutra eccetera);
  • Osservare attentamente l’esecuzione della prima serie intervenendo solo in presenza di grosse inesattezze; 
  • Utilizzare una strategia comunicativa a feed back positivo nella correzione, mostrarsi incoraggianti e positivi a partire da ciò che il cliente esegue correttamente
  • Seguire il cliente al termine dell’esercizio fornendo se necessario la correzione finale con il riepilogo dei punti chiave in precedenza considerati
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Muscoli: Tabella Riepilogativa Delle Origini, Inserzioni ed Azioni
24 Novembre 2018

Muscoli: Tabella Riepilogativa Delle Origini, Inserzioni ed Azioni

Le strutture muscolari sono i principali effettori in grado di convertire l’energia chimica in energia meccanica nell’organismo umano, strutturalmente sono composti da una componente contrattile (generalmente nei testi raffigurata in rosso) e da una tendinea (generalmente nei testi raffigurata in bianco), costituita dalla fusione degli elementi connettivali di rivestimento presenti a diversi livelli nel muscolo (endomisio, perimisio epimisio).

Muscoli Tonici e Fasici
19 Settembre 2018

Muscoli Tonici e Fasici

Il nostro sistema locomotore ha il compito di avvolgere due grandi funzioni tra loro complementari ma fisiologicamente del tutto distinte: la "funzione dinamica" quella dei nostri gesti e dei nostri movimenti e la "funzione statica" che controlla la posizione eretta in tutte situazioni di locomozione. E' facile capire che queste due funzioni non possono dipendere da uno stesso sistema muscolare o, più esattamente, da una stessa funzione neuro-muscolare.

Ultimi post pubblicati

Dove Effettuare Le Tecniche Ad Alta Intensità?
23 Aprile 2019

Dove Effettuare Le Tecniche Ad Alta Intensità?

In un allenamento ad alta intensità il distretto muscolare target è spinto fino al limite massimo, producendo il massimo della forza possibile in quel determinato momento dell'esercizio effettuato.

Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente
22 Aprile 2019

Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente

Il bodybuilding si distingue dal powerlifting e dal sollevamento olimpico in quanto il giudizio è sul fisico del concorrente, la forza, le performance non interessano i giudici o le vostre ammiratrici. Pertanto, i bodybuilder aspirano a sviluppare e mantenere un fisico ben bilanciato, armonico, magro e muscoloso.