Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Lo Schema Motorio

data di redazione: 28 Settembre 2018 - data modifica: 01 Novembre 2018
Lo Schema Motorio

Lo schema motorio è una sequenza ordinata e coordinata di movimenti che al momento opportuno vengono evocati e verificati nella correttezza della sequenza e dell’entità dal cervelletto affinché un azione motoria complessa possa svolgersi correttamente. 

La presenza di questo meccanismo rende ragione d come sia possibile eseguire in tempi brevissimi e correttamente azioni motorie estremamente complesse, acquisite in precedenza. 

La possibilità di acquisizione di nuove sequenze o schemi motori così come la possibilità di migliorarne (allenandola) l’efficienza e l’efficacia è un fattore cruciale, in quanto ripetendo correttamente un’azione motoria complessa come per esempio l’esecuzione di un esercizio sarà possibile migliorare costantemente eseguendo l’azione desiderata in maniera sicura ed efficiente. 

La fase dove avviene in prevalenza l’acquisizione degli schemi motori è quella pre-puberale, risulta quindi fondamentale che in questa finestra temporale avvengano più contatti possibili (ovviamente corretti) con lo sport e l’attività fisica onde acquisire un notevole numero di schemi motori. 

Inoltre è importante che l’azione motoria venga acquisita correttamente: acquisendo in maniera scorretta o imprecisa l’intera azione o una sua parte si creerà un errore metodico e strutturato che risulta molto difficile da correggere. 

Alla luce di quanto appena affermato nella didattica di un esercizio sarà opportuno seguire il seguente procedimento logico-didattico focalizzando gli aspetti favorevoli ad un corretto apprendimento: 

  • Chiamare sempre l’esercizio con il suo nome corretto e assicurarsi che il cliente lo acquisisca 
  • Identificare il muscolo coinvolto prima con il nome anatomico (quadricipite femorale) poi eventualmente spiegarlo con il nome comune (coscia, parte frontale) 
  • Illustrare su se stessi il muscolo interessato indicando origine, inserzione eccetera, invitando eventualmente il cliente a fare lo stesso 
  • Illustrare e mostrare l’azione del muscolo (flessione, adduzione, eccetera) 

A questo punto risulta possibile spiegare al cliente quali sono le applicazioni pratiche di quanto acquisito, anche in relazione all’attività lavorativa o ad eventuali attività ludiche (hobbies o sport) praticate, ponendo per esempio l’accento su come l’acquisizione corretta di un movimento di squat possa essere utile in tutte le attività che richiedono un sollevamento da terra di un carico. 

  • Mostrare l’esecuzione dell’esercizio in tutte le sue fasi, spiegandolo fase per fase (fase positiva del movimento e respirazione associata, fase negativa e respirazione associata, fase neutra eccetera);
  • Osservare attentamente l’esecuzione della prima serie intervenendo solo in presenza di grosse inesattezze; 
  • Utilizzare una strategia comunicativa a feed back positivo nella correzione, mostrarsi incoraggianti e positivi a partire da ciò che il cliente esegue correttamente
  • Seguire il cliente al termine dell’esercizio fornendo se necessario la correzione finale con il riepilogo dei punti chiave in precedenza considerati
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.

Classificazione Dei Muscoli
14 Settembre 2018

Classificazione Dei Muscoli

I muscoli del nostro corpo possono permettere una grande varietà di movimenti ma ciò significa che, durante alcuni spostamenti, inevitabilmente due muscoli in posizione diversa ed opposta si troveranno a “competere” tra loro, uno “tirando” un segmento del corpo in una direzione e l’altro “allungandosi” per permettere lo spostamento: i due muscoli vengono rispettivamente definiti “agonisti” ed “antagonisti”.

Ultimi post pubblicati

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere
17 Febbraio 2020

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

Un distretto muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono sicuramente i deltoidi, ma purtroppo non tutti gli atleti li riescono a sviluppare al massimo.

Maca Per La Palestra
16 Febbraio 2020

Maca Per La Palestra

La Maca, altrimenti definita Lepidium meyenii, è una pianta tuberosa Peruviana appartenente alla famiglia delle Brassicacee, che cresce nelle regioni montuose andine, anche oltre i 3000 metri.